Camorra, tentarono di uccidere il boss Piscopo: presi 3 del clan Terracciano

SULLO STESSO ARGOMENTO

Arrestate 3 persone vicine al gruppo Terracciano. Tentarono di uccidere reggente del clan rivale Umberto Piscopo.

Questa mattina i Carabinieri del Comando Provinciale di Napoli hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa, su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli, dall’ufficio G.I.P. del Tribunale di Napoli nei confronti di 3 (tre) soggetti, riconducibili al gruppo Terracciano e gravemente indiziati, a vario titolo, dei reati di tentato omicidio in concorso e porto in luogo pubblico di armi, tutti aggravati dalle finalità mafiose.

Sono accusati di aver pianificato ed eseguito il tentato omicidio di  Umberto Piscopo, all’epoca dei fatti reggente del clan rivale Piscopo-Ponticelli – operante nei comuni di Massa di Somma e San Sebastiano al Vesuvio.



    I fatti risalgono al  3 maggio di 2018 quando a Massa di Somma, nei pressi del portone dell’abitazione di Umberto Piscopo, un commando aveva esploso numerosi colpi di pistola calibro 7,65 diretti inequivocabilmente ad uccidere il Piscopo.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Superenalotto: già ritirata la vincita da 156milioni di euro

    L’attività investigativa, condotta dai Carabinieri Nucleo Investigativo di Torre Annunziata e della Tenenza di Cercola e diretta dalla Procura della Repubblica di Napoli – DDA, è stata sviluppata con intercettazioni telefoniche ed ambientali e suffragata da dichiarazioni rese da persone informate sui fatti, da un collaboratore di giustizia e da uno dei soggetti oggi destinatari di misura cautelare in sede di spontanee dichiarazioni al PM, nonché da riconoscimenti fotografici di esecutori e mandanti.

    Il complesso delle attività d’indagine consentiva di:
    a. individuare, per ciascuno dei tre indagati, il contributo causale ed effettivo nella realizzazione dell’agguato:
    – Antonio Terracciano, 32enne pregiudicato, soggetto di spicco dell’omonimo gruppo camorristico, è stato individuato quale mandante dell’azione omicidiaria – per averla decretata e pianificata – ed esecutore per avervi partecipato;
    -Umberto Scognamiglio, 50enne pregiudicato, ha partecipato alla fase esecutiva ed organizzativa dell’azione delittuosa, esplodendo materialmente i colpi di pistola nei confronti di Umberto Piscopo;
    – Antonio Borrelli, 40enne pregiudicato, per aver fornito il proprio concorso nel reato trasportando a bordo della propria autovettura  Umberto Scognamiglio sin nei pressi dell’abitazione di Umberto  Piscopo e fungendo successivamente da “palo”;

    b. riconoscere la matrice tipicamente camorristica del tentato omicidio, particolarmente evidente per le modalità esecutive con cui è stato perpetrato e per il movente, unanimemente indicato da tutti i soggetti dichiaranti nel tentativo del gruppo Terracciano di ottenere il controllo del territorio nei comuni di Massa di Somma e San Sebastiano al Vesuvio, ponendo in essere azioni finalizzate ad incrementare il credito di un clan (Terracciano) a scapito di quello rivale (Piscopo-Ponticelli).




    LEGGI ANCHE

    Controlli a Chiaia:multa per un commerciante

    Nel corso delle attività di controllo svolte nella zona della "movida" a Chiaia, la Questura di Napoli ha coordinato le azioni degli agenti del Commissariato San Ferdinando, dei finanzieri della Guardia di Finanza e del personale della Polizia Locale. Durante i controlli effettuati ieri sono state identificate 168 persone, di cui 15 con precedenti penali. Inoltre, una persona è stata sanzionata per detenzione illecita di sostanze stupefacenti per uso personale e un esercizio commerciale è stato...

    Quarto, spari contro l’auto di un incensurato

    È mistero a Quarto per una sparatoria avvenuta nella zona di via Cupa Lava. I carabinieri sono infatti intervenuti in seguito a colpi d'arma da fuoco esplosi contro l'auto di un giovane di 24 anni, senza precedenti penali. Il veicolo, parcheggiato in strada, è stato sequestrato dopo che sono stati trovati tre fori di proiettile nella parte posteriore. Fortunatamente non si sono verificati feriti in questo episodio. Al momento sono in corso indagini per comprendere la dinamica...

    Camorra a Genova, chiesti 16 anni di carcere per il figlio del boss latitante Cinquegranella e soci

    Il pubblico ministero Federico Manotti ha chiesto condanne per oltre 14 anni per le sei persone coinvolte nell'inchiesta sulla gestione del bar Libeccio, sul lungomare di Pegli a Genova. L'accusa iniziale contestava l'aggravante di aver favorito la camorra, poi decaduta. A fine ottobre Angelo Russo è stato arrestato (richiesti 5 anni), mentre Mario Russo (2 anni e 10 giorni), Francesco Cinquegranella (3 anni e 4 mesi), è il figlio del boss latitante da oltre venti anni,...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE