Napoli, festa di compleanno in un hotel: sanzionati in 23

SULLO STESSO ARGOMENTO

Interrotta una festa di compleanno a Porta Nolana con 23 partecipanti.

Stanotte gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in via Nicola Mignogna per una segnalazione di schiamazzi e musica ad alto volume provenienti da un hotel e, giunti sul posto, hanno notato tre ragazze all’esterno della struttura che, alla loro vista, hanno tentato di allontanarsi ma sono state bloccate e sanzionate per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché trovate fuori dal proprio domicilio senza valida motivazione.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, in un bussolotto per uova di pasqua trovata 1 pistola e 12 proiettili

Inoltre gli agenti, una volta entrati nella struttura, in uno spazio comune allestito con palloncini, tavoli da buffet e consolle musicale, hanno sorpreso 18 persone, napoletani tra i 18 e i 35 anni, che stavano partecipando ad una festa e che, alla loro vista, hanno tentato di dileguarsi ma sono stati bloccati e sanzionati per inottemperanza alle misure anti Covid-19; uno di essi, R.L., 32enne napoletano con precedenti di polizia, si è dato alla fuga in via Raffaele Contorti ma è stato raggiunto in via Marco Di Lorenzo e, con non poche difficoltà, bloccato e denunciato per resistenza a Pubblico Ufficiale e altresì sanzionato per inottemperanza alle misure anti Covid-19.



    Infine, gli operatori hanno sequestrato un impianto acustico sanzionando il dee-jay, un 24enne napoletano, mentre il responsabile dell’albergo, un 27enne napoletano, è stato sanzionato poiché aveva consentito lo svolgimento della festa ed è stata disposta la chiusura del locale per 5 giorni.

     


    Torna alla Home


    Importantissima decisione delle Sezioni Unite della  Suprema Corte di Cassazione: cancellate milioni di intercettazioni in tutta Italia
    Dal 2020 al 2024, si sono verificati 302 suicidi nelle carceri italiane. La Lombardia è stata la regione con il numero più elevato di suicidi in carcere negli ultimi anni (48), seguita dalla Campania (33). Questi dati sono stati resi noti in occasione dei presidi organizzati in 50 città italiane,...
    L’iniziativa si aggiunge alle altre date simboliche per il Paese: 4 novembre e 2 giugno
    Rosario D'Onofrio, ex procuratore capo dell'Associazione Italiana Arbitri (AIA), è stato condannato a Milano a una pena di 7 anni e 8 mesi di reclusione nell'ambito di un'indagine su un presunto maxi traffico internazionale di droga. La sentenza è stata emessa dal giudice Lidia Castellucci, che ha inflitto complessivamente...

    IN PRIMO PIANO