Alto impatto a Caivano: 21 persone sanzionate

SULLO STESSO ARGOMENTO

Alto impatto a Caivano: 21 persone sanzionate

Ieri gli agenti del Commissariato di Afragola e della Polizia Locale di Caivano, con il supporto degli equipaggi del Reparto Prevenzione Crimine Campania, dell’Unità Cinofila dell’Ufficio Prevenzione Generale, dei Vigili del Fuoco e di personale dell’Ufficio Tecnico del Comune, hanno effettuato un’operazione “alto impatto” nel Parco Verde di Caivano per individuare e rimuovere manufatti abusivi e contrastare il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso del servizio hanno identificato 41 persone, di cui 13 con precedenti di polizia, sanzionandone 2 per inottemperanza alle misure anti Covid-19 poiché prive della mascherina, controllato 17 veicoli e contestato una violazione del Codice della Strada per incauto affidamento; inoltre, hanno denunciato una persona per guida senza patente.

Le operazioni di bonifica hanno consentito di rimuovere recinzioni abusive in ferro ed un intero muro perimetrale, e di rinvenire, occultata in un’intercapedine nelle scale di uno stabile, una busta contenente 34 grammi circa di cocaina, una stecca di hashish del peso di un grammo e un involucro con 1,3 grammi di marijuana.

    All’interno di alcuni edifici, infine, i Vigili del Fuoco hanno rimosso cancelli, grate, porte blindate e “gabbie” in ferro, abusivamente installate allo scopo di agevolare l’attività di spaccio.






    LEGGI ANCHE

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    I piatti della Quaresima a Napoli alla trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”

    Nel nome dei piatti della Quaresima a Napoli, la trattoria e pizzeria “Ieri,Oggi, Domani”, con il suo patron Pasquale Casillo, ha dedicato un momento...

    Ordine dei Geologi: “A Napoli urgente indagine sul sottosuolo”

    L'Ordine dei Geologi della Campania ha sollecitato un puntuale monitoraggio del territorio napoletano, iniziando dai quartieri più a rischio come il Vomero, in seguito...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE