🔴 ULTIME NOTIZIE :

Cold Case di camorra: arrestati gli assassini di Pasquale Palermo

Dopo 14 anni su disposizione della Procura antimafia di Napoli la Squadra Mobile di Napoli ha eseguito un’ordinanza di custodia cautelare in carcere, emessa dal G.I.P. del Tribunale di Napoli su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia, nei confronti di: Vincenzo Cece   detenuto presso la Casa Circondariale di Asti e...

Napoli, scarpe rosse e fiori per ricordare Ornella Pinto

Visita toccante oggi delle donne di Forti Guerriere sotto casa della vittima dell'ultimo femminicidio a Napoli insieme con Ivo Poggiani e Don Enzo Marzocchi

Uccise Ornella Pinto e scappò Iacomino confessa

    Un mazzo di fiori, un paio di scarpe rosse, ma soprattutto ancora una volta l’invito a tutte le donne a denunciare o contattare le associazioni per attivare una protezione sociale nei loro confronti.

     IL MESSAGGIO DELLE FORTI GUERRIERE

    E’ questo il messaggio mandato oggi dall’associazione Forti Guerriere che insieme al presidente della III Municipalita’, Ivo Poggiani, e al parroco Don Enzo Marzocchi sono andate sotto casa di Ornella Pinto, la donna massacrata con 12 coltellate dall’ex compagno, Pinotto Iacomino, due giorni fa a Napoli. “E’ stata una iniziativa nata d’istinto – spiega Poggiani – con alcune delle ‘Forti Guerriere’ per non creare assembramenti, e il parroco. Un po’ di cittadini quando ci hanno visto si sono aggregati.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: ‘Non volevo ucciderla’, le lacrime e la confessione di Pinotto

    La settimana scorsa abbiamo commemorato Fortuna e ora di nuovo siamo qui, sapendo che non bastera’ qualche manifestazione per evitare questi episodi ma che e’ importante ricordare alle donne che non sono sole. Se hanno paura di andare dalle forze dell’ordine perche’ magari non vogliono si sappia in famiglia o temono vendette dall’uomo, ci sono le associazioni, i parroci, i centri antiviolenza che avviano una prima protezione. Le ‘forti guerriere’ hanno ribadito che nessuna si salva da sola, ma loro ci sono, come anche le forze dell’ordine”.

    IN AUMENTO LA VIOLENZA SULLE DONNE 

    Nel Rione Sanita’ domenica scorsa era stata infatti ricordata Fortuna Belisario, donna uccisa nel 2019 dal marito che dopo due anni di detenzione e’ stato mandato ai domiciliari. Il nuovo omicidio conferma i dati che danno un aumento di violenza domestica contro le donne nei lungi periodi di chiusura forzata in casa: “I dati parlano chiaro – spiega Poggiani – ma ne abbiamo conferma giorno per giorno parlando con le donne, con i parroci, e’ un tema molto forte”.

    Don Enzo Marzocchi invita le donne a denunciare

    “Oggi e’ la domenica di Nicodemo, che va da Gesu’ di notte a cercare la luce. Ecco, questo devono fare le donne, denunciare, cercare la luce”. Cosi’ Don Enzo Marzocchi, sacerdote del quartiere Sanita’, spiega il messaggio lanciato questa mattina insieme alle donne dell’associazione Forti Guerriere nel ricordo di Ornella, la donna napoletana di 40 anni uccisa due giorni fa con 12 coltellate dall’ex compagno.

    ‘mi sembra impossibile che accadano ancora queste cose’

    “Ogni volta – spiega il parroco – mi sembra impossibile che accadano ancora queste cose e solo con la denuncia se ne esce. Noi abbiamo il dovere tutti di collaborare e affiancare chi e’ vittima di questa cultura maschilista. Io al catechismo vedo le mamme, nei colloqui a scuola le mamme. Forse i papa’, anche quelli bravi e che rispettano la loro compagna, dovrebbero sentirsi piu’ coinvolti, questo servirebbe a cambiare certe devianze della nostra cultura”.

    TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Tentò di uccidere il padre: arrestato 47enne di Caivano

    Don Mazzocchi racconta anche che nei colloqui, nelle confessioni, le donne raccontano sempre piu’ spesso delle violenze che subiscono: “Ne abbiamo la sensazione netta – dice – dai colloqui privati. Noi napoletani siamo tolleranti ma con la pandemia siamo piu’ stressati e certamente questo incide in diversi modi sulla vita di tutti noi. Io cerco di orientarle, di avvicinarle ai servizi sul territorio, di farle accompagnare dalle associazioni, di andare alla polizia.

    In parrocchia abbiamo anche incontri sulla genitorialita’ per parlare, aprirsi. Parlo anche con gli uomini che a volte sono esasperati, vittime della societa’ che poi sfogano le loro frustrazioni con la violenza. Ci sono papa’ che si vedono privati della casa, dei figli, devono avere dei requisiti per vedere i figli e alcuni non ci riescono perche’ vivono nelle auto. Devono capire il grave errore che significa la violenza e dobbiamo lavorare tutti sulla famiglia che e’ in crisi, e’ minata nelle sue basi, nei suoi valori civili e religiosi”.

    Iscriviti alla Newsletter

    Ogni mattina le ultime notizie nella tua posta elettronica

    I carabinieri della sezione operativa di Castellammare di Stabia hanno arrestato per detenzione di droga a fini di spaccio un 44enne di Pimonte, Napoli, già noto alle forze dell’ordine. Durante una perquisizione nella sua abitazione i militari hanno rinvenuto 160 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e 1120 euro in contante ritenuto provento illecito. Pimonte pusher fugge in mutande e scalzo La droga riempiva alcuni barattoli che l'uomo ha provato a nascondere, tentando la fuga da casa in mutande e scalzo. L'uomo è ora in carcere, in attesa di giudizio che si celebrerà stamane con rito direttissimo davanti al Tribunale di Torre...
    Notte di paura e di terremoto a Siena, dopo che una scossa di 3.5 ha fatto tremare tutta la provincia alle 9.51 di ieri sera. Secondo l'Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, l'epicentro è stato registrato a una profondità di 8 chilometri. Sono seguite alle scosse: una alle 22.08 di magnitudo 2.7, un'altra alle 22.36 di magnitudo 2.6 e una alle 22.54 di magnitudo 2.7. Ma dopo la prima forte scossa ne sono seguite oltre 30 con magnitudo fino a 2.7. Come riferisce il presidente della Regione Toscana, Eugenio Giani, i vigili del fuoco i tecnici hanno verificato una ventina di...

    IN PRIMO PIANO

    Pubblicita

    Leggi anche