Italia dal 3 al 5 aprile: per il secondo anno consecutivo in

La notizia si apprende dalle comunicazioni della cabina di regia Governo-Regioni: presenti il ministro della Salute Roberto Speranza e i governatori.

L’orientamento alla per la era già emerso precedentemente come ipotesi, ma durante il summit di oggi la possibilità quella tendenza si avvia verso la conferma operativa.

Le nuove misure restrittive anti-Covid all’esame del Governo saranno valide dal 15 marzo al 6 aprile in base a un decreto legge (non un DPCM), secondo quanto trapela dalla riunione dei ministri con gli Enti locali.

Superare l’area gialla rispetto al diffondersi della variante inglese. Un’ipotesi di lavoro sarebbe quella di far passare in arancione le regioni ancora in area gialla, per gestire il periodo oggetto del Dl. E’ quanto avrebbe affermato il Cts nel corso della durante l’incontro dei ministri della Salute e delle Autonomie con le Regioni e gli enti locali e a cui gi stessi tecnici hanno partecipato.

Subito dopo questo incontro ci sara’ un Consiglio dei ministri, nel quale verra’ approvato un decreto legge, e non un Dpcm, per nuove misure anti-Covid: il premier Draghi e questo governo ritengono importante coinvolgere il Parlamento e avere un confronto con tutte le forze politiche. Il nuovo provvedimento, con ogni probabilita’, entrera’ in vigore dalla giornata di lunedi’ 15 marzo. Lo ha detto, secondo quanto si apprende, la ministra per gli Affari regionali e le autonomie Mariastella Gelmini nel corso dell’incontro informale in videoconferenza governo-Regioni-Anci-Upi su nuove misure anti-Covid. All’incontro partecipano anche il ministro della Salute Roberto Speranza, il coordinatore del Comitato tecnico scientifico, Agostino Miozzo, il presidente dell’Istituto superiore di sanita’ (Iss) Silvio Brusaferro e il presidente del Consiglio superiore di sanita’ Franco Locatelli.




Giugliano, ferito a colpi di pistola alla fermata del bus

Notizia precedente

Smantellata banda di magrebini: rubava agnelli per la ‘festa del sacrificio’

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..