Per quanto possa sembrare meno vantaggiosa rispetto alle tradizionali fonti di energia usate per il riscaldamento domestico, cioè il gas e le biomasse, la soluzione elettrica è adottata sempre più spesso ormai. I fattori che stanno contribuendo a un rilancio degli impianti di riscaldamento alimentati a elettricità sono diversi; il più importante tra questi è l’esigenza di ridurre drasticamente le emissioni inquinanti nel più breve tempo possibile, al fine di porre un freno alle disastrose conseguenze dei cambiamenti climatici.

Anche l’incremento nella diffusione degli impianti solari fotovoltaici, che negli ultimi anni sono stati particolarmente favoriti grazie agli incentivi fiscali, ha permesso a molti italiani di riscaldare le proprie abitazioni senza dover ricorrere a fonti di energia inquinanti.

 

Le nuove tecnologie vengono dal Nord Europa

Negli ultimi anni si è assistito a un boom nelle vendite di radiatori elettrici, scaldasalviette, ventilconvettori, termoconvettori e termoarredi di design; rispetto alle classiche stufe elettriche, infatti, questi impianti sono caratterizzati da un rateo di consumo sensibilmente minore. La vera rivoluzione in questo campo, però, viene dal Nord Europa, e in particolar modo dai Paesi Scandinavi dove, date le condizioni climatiche estreme, il riscaldamento domestico è una faccenda molto seria.

Di recente si sente parlare molto di radiatori norvegesi e svedesi e di come questi dispositivi abbiano rivoluzionato il riscaldamento elettrico abbattendo notevolmente i consumi. La prima cosa da precisare, a beneficio di chi non ha ancora approfondito l’argomento, è che entrambe le tipologie sono basate sulla stessa tecnologia e l’unica differenza che passa tra un radiatore norvegese e uno svedese riguarda soltanto l’origine geografica della ditta produttrice.

Per quanto riguarda la tecnologia specifica, invece, questi prodotti non sono altro che una variante a basso consumo sviluppata a partire dai normali termoconvettori (ecco alcuni esempi). Le variazioni sostanziali sono l’assenza delle ventole per la diffusione del calore e una superficie di scambio termico più ampia; i radiatori norvegesi, inoltre, sono già completi di cronotermostato oppure predisposti per il collegamento a un cronotermostato smart. Quelle che apparentemente sembrano modifiche di poco conto hanno avuto in realtà un notevole impatto sulle prestazioni di questi apparecchi, apportando anche ulteriori benefici.

 

LEGGI ANCHE  Napoli, minacce al personale medico del Santobono

I vantaggi dei radiatori norvegesi

Una delle delle caratteristiche principali dei termoconvettori tradizionali è la presenza della ventola, che serve appunto a diffondere il calore più rapidamente e a innescare l’effetto di convezione. La ventola, però, consuma ulteriore energia elettrica, genera rumore e insieme all’aria sposta anche la polvere e gli allergeni.

Nei radiatori norvegesi la ventola è stata rimossa e di conseguenza sono spariti anche i relativi svantaggi. L’effetto di convezione è generato in maniera naturale, sfruttando il principio fisico secondo cui l’aria calda si espande tendendo naturalmente a salire mentre quella fredda si concentra sulla parte bassa della stanza.

Il modello proveniente da Oslo, infatti, è aperto solo all’estremità superiore, da dove emette aria calda in maniera non forzata, e all’estremità inferiore, da dove l’aria fredda viene aspirata di conseguenza. Lo spazio in più ricavato dalla rimozione della ventola, quindi, ha consentito di incrementare ulteriormente la superficie dello scambiatore di calore, migliorando così la resa termica dell’apparecchio.

Con soli 750 watt di potenza, un radiatore norvegese è in grado di riscaldare una stanza con una superficie di 15 metri quadrati con un consumo mensile medio di 45 euro di elettricità, stimato su un tempo di utilizzo di 10 ore al giorno.

 

LEGGI ANCHE  Procida, nell’attesa del tampone inveisce nei confronti dell'equipaggio del 118 e danneggia le ambulanza

Una scelta ottimale per le abitazioni ben coibentate

La scelta di predisporre l’apparecchio per il collegamento a un termostato con caratteristiche smart, inoltre, ha contribuito ulteriormente a migliorare le prestazioni di questi radiatori grazie alla possibilità di gestirli dai dispositivi mobili mediante app, anche quando ci si trova fuori casa.

Anche limitandosi a usare il termostato integrato, quest’ultimo può essere programmato in modo da impostare una temperatura limite che permette alle resistenze di funzionare a intermittenza, riducendo così il consumo elettrico, e di gestire due diverse temperature, una per il giorno e una per la notte.

Dal momento che questi radiatori non richiedono il collegamento ai tubi dell’acqua calda, poi, è possibile optare sia per l’installazione a parete sia libera, dotandoli di piedini con ruote pivotanti in modo da poterli spostare all’occorrenza.

L’unico limite di questi apparecchi, ovviamente, è che la loro efficienza è subordinata al grado di coibentazione dell’abitazione. Per riscaldare un immobile in classe A, infatti, è richiesto un consumo elettrico di circa 40 watt a metro quadrato; per le abitazioni più datate o con uno scarso isolamento termico, invece, il consumo elettrico può salire fino a 80 o anche 100 watt per metro quadro.




Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Napoli, ennesima rapina ai danni di un rider

Il grido di allarme di un rider rapinato nella serata di sabato nella zona collinare della città
Leggi tutto

Caserta, si ribellano ai controlli e aggrediscono gli agenti: 3 arresti

Scene da guerriglia urbana nel rione Tescione: botte, sputi e offese contro gli agenti. Qualcuno ha anche tentato di rubare...
Leggi tutto

Napoli, festa di compleanno ai Quartieri Spagnoli: multati in 21

Irruzione della polizia in un locale di via Nardones gestito da un uomo originario del Perù. Tutti multati e locale...
Leggi tutto

Portici, non si ferma all’alt, inseguito, si schianta a San Giorgio: arrestato

In manette è finito un pregiudicato di 59 anni di Portici. Si è schiantato con una volante della polizia
Leggi tutto

Covid, 15.746 nuovi casi in Italia: rapporto tamponi-positivi al 6,2%

Sono 331 i decessi, in calo rispetto ai 344 di ieri. Si conferma inoltre il calo della pressione sulle strutture...
Leggi tutto

Covid, la percentuale dei positivi è del 10,75% in Campania

Leggero aumento dei casi nelle ultime 24 ore con 1854 nuovi positivi e 27 decessi
Leggi tutto

Pagelle Sampdoria-Napoli: Ospina salva gli azzurri

Gli azzurri conquistano i 3 punti grazie ad una super prestazione dell’estremo difensore ed un Fabian Ruiz ispiratissimo.
Leggi tutto

Barrese e San Giorgio si dividono la posta in palio, 1-1 al Caduti di Brema

Ripartito anche in Campania il calcio minore con un grande derby napoletano
Leggi tutto

Il Napoli espugna Marassi e resta in corsa Champions

La squadra di Gattuso vince per 2-0 contro la Sampdoria grazie ai gol di Fabian Ruiz (35’) e Osimhen (87’).
Leggi tutto

Napoli, era ai domiciliari ma continuava a spacciare: arrestato

In manette è finito il 35enne Gianluca Micillo, trovato con oltre mezzo chilo di hashish. nello stesso stabile sequestrati 425,400...
Leggi tutto

Riflettori della Prefettura di Napoli su Castellammare e Torre del Greco

Attenzioni sulle possibili infiltrazioni della criminalità organizzata nei comuni. Vertice in prefettura
Leggi tutto

Napoli, droga nascosta nella cassetta delle lettere: arrestato

In manette è finito il 28enne Angelo Pinto: nella buca delle lettere recuperati 24 grammi di cocaina
Leggi tutto

Napoli, controlli sul Lungomare Caracciolo: 37 persone sanzionate

Operazione interforze: sanzionati anche due chioschi in via Caracciolo per aver effettuato vendita da asporto oltre le ore 18.00.
Leggi tutto

Boscoreale, droga e munizioni sequestrati al Piano Napoli

Determinante, per il rinvenimento dello stupefacente, l’operato di “Gero”, il pastore tedesco addestrato per la ricerca della droga
Leggi tutto

Salerno, sanzionati due ristoranti e a Nocera una palestra

Operazione di controllo interforze in tutta la provincia di Salerno con ben 130 persone sanzionate
Leggi tutto

Covid, festa di compleanno al Cardarelli per un ricoverato. IL VIDEO

All'uomo che non vede i familiari da 20 giorni i medici e gli infermieri del reparto covid gli hanno portato...
Leggi tutto

Le formazioni ufficiali di Sampdoria-Napoli: Gattuso punta su Osimhen

Gli azzurri sfideranno i blucerchiati per riprendersi subito dopo lo stop contro la Juventus; partita importante per restare in corsa...
Leggi tutto

Covid, muore l’ex presidente della provincia di Benevento

Claudio Ricci di 62 anni, era ricoverato all'ospedale Rummo di Benevento dal 29 marzo scorso
Leggi tutto

Infermiere napoletano muore in un incidente in Molise

La vittima di 46 anni era appena uscito dal turno di notte dall'ospedale Veneziale di Isernia
Leggi tutto

Arcuri indagato per peculato nell’inchiesta mascherine

L'inchiesta che riguarda l'ex commissario straordinario per l'emergenza Coronavirus, è quella della fornitura di mascherine cinesi
Leggi tutto


Cronache Tv



Ti potrebbe interessare..