Pianura, il comune tarda a prelevare un rifiuto nocivo fuori scuola, il consigliere Strazzullo provvede di persona alla ...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Dopo il problema dei topi, le baby gang e la manutenzione, via Vincenzo Marrone a Pianura sembra non trovare pace.

A tre giorni dalla segnalazione agli organi competenti per lo sversamento illegale di una canna fumaria in eternit fuori l’ingresso dei plessi scolastici Palasciano e Russo, non essendo intervenuto nessuno alla rimozione, il consigliere municipale provvede di persona e unitamente ad alcuni volontari tra cui Andrea Tutino, alla messa in sicurezza del rifiuto speciale e nocivo.

È stato necessario, comunica il consigliere, evitare che la canna fumaria in amianto si sgretolasse portando con l’ausilio del vento le particelle nelle aule dei plessi delle scuole elementari e medie confinanti. Per questo si è reso necessario un immediato intervento di sigillatura con strati di pruriboll e la delimitazione dell’area oggetto dello sversamento illegale in attesa che l’ufficio competente del comune già allertato due giorni fa provveda alla rimozione e allo smaltimento a discarica autorizzata.






LEGGI ANCHE

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024

Oroscopo di oggi 21 febbraio 2024: le previsioni dello zodiaco segno per segno ARIETE: Oggi potresti sentirti particolarmente energico e motivato a raggiungere i tuoi...

Fuori venerdì 23 febbraio ‘Realness’, il nuovo singolo di Cecchy

Nuovo singolo di Cecchy "Realness" in uscita venerdì 23 febbraio "Cecchy continua a raccontare la complessa realtà del quartiere di Ponticelli con il suo...

Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE