Napoli, ‘Ti incendio l’ambulanza’: nuove minacce a Soccavo

SULLO STESSO ARGOMENTO

Ancora una aggressione a personale del 118. Accade a Napoli, in via Giustiniano, nel quartiere di Soccavo.

E’ avvenuto intorno alle 14.30 -come riporta il gruppo Nessuno Tocchi Ippocrate-, dopo la segnalazione di un malore per un 71enne, poi morto prima del loro arrivo.

“La postazione 118 di Pietravalle, reduce dalle minacce dei giorni scorsi per le sirene accese, viene allertata per codice rosso (perdita di coscienza) a Via Giustiniano (soccavo).In pochi minuti sono sul posto, ma già sotto il portone trovano astanti inferociti che con spintoni urla parolacce e minacce obbligano l’equipaggio a muoversi nel salire presso il domicilio del paziente.
La cosa più grave è che uno degli astanti pare che abbia aperto le porte della ambulanza e con un accendino in mano abbia detto:” vi incendio l’ambulanza!” Gesto pericolosissimo in quanto a bordo c’è ossigeno gassoso che a contatto con fiamme libere potrebbe esplodere!
Faticosamente l’ equipaggio riesce a salire a casa della famiglia che ha chiesto aiuto e una volta al cospetto del paziente i familiari hanno impedito qualsiasi manovra rianimativa avanzando una pretesa assurda:”dovete vestire il morto!”
Nel frattempo arriva la postazione 118 di tipo “MIKE” del San Paolo a dare supporto medico a Pietravalle, ma ricevono lo stesso trattamento, però solo a carico del mezzo di soccorso (paraurti e fiancata pesantemente danneggiati)
L’equipaggio di Pietravalle è andato al pronto soccorso per refertarsi e sporgere regolare denuncia”.






LEGGI ANCHE

Protesta dei dipendenti del Castello delle Cerimonie. Il sindaco: “Salvaguardare i lavoratori”

I lavoratori del Grand Hotel La Sonrisa, conosciuto come il Castello delle Cerimonie, hanno marciato in corteo per protestare contro la confisca dell'albergo. Il sindaco...

Allerta meteo: venti forti e mare agitato in Campania

La protezione civile della regione Campania ha emesso un'allerta meteo per venti forti e mare agitato sull'intero territorio campano. Per l'intera giornata di domani, venerdì...

Napoli, il procuratore capo Gratteri visita il Centro Operativo della Direzione Investigativa Antimafia 

Nel pomeriggio di ieri, il Procuratore della Repubblica di Napoli, dott. Nicola Gratteri, si è recato in visita alla sede del locale Centro Operativo...

Clan Vanella Grassi: morto in carcere il boss Vincenzo Esposito, detto ‘o Porsche

Vincenzo Esposito, noto come ‘o Porsche, boss della Vanella Grassi, è morto in carcere a Parma, dove era detenuto da tempo. Secondo fonti investigative,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE