Napoli, assembramenti e rissa sul Lungomare. Aggrediti medici del 118. IL VIDEO

SULLO STESSO ARGOMENTO

Una rissa furibonda scatenata da una banda di ragazzini sul lungomare di via Partenope. Tutti senza mascherina. Hanno poi aggredito un automezzo del 118.

Sugli scudi Confesercenti-Fiepet Napoli, che condannano la violenta rissa scoppiata oggi e lamentano le gravi ripercussioni sulle attività commerciali della zona. Con due lettere firmate dai presidenti di Confesercenti Napoli, Vincenzo Schiavo, e Fiepet Napoli, Antonio Viola e dal vicepresidente Fiepet Roberto Biscardi, è stato chiesto un incontro urgente sia al prefetto di Napoli Marco Valentini che al questore Alessandro Giuliano.

“Segnaliamo che una banda di ragazzini ha scatenato una rissa e ha aggredito un automezzo del 118 in via Partenope – si legge nella missiva – e che questi delinquenti erano sprovvisti delle mascherine. Gli esercizi pubblici del lungomare non possono subire ulteriori danni oltre quelli che li hanno già messi in ginocchio, per cui richiediamo ancora maggiore vigilanza e presenza”.

 per guardare il video clicca qui



    “L’indegna colluttazione ha fatto scappare a gambe levate tutti i clienti dei locali del lungomare. Ai nostri occhi – aggiunge Vincenzo Schiavo – lo Stato è assente, la città pare abbandonata al suo destino. Non è possibile che sul posto ci siano appena due volanti della polizia. È l’ultimo giorno di Carnevale, c’è il sole, è festa, era assolutamente scontato che ci sarebbe stato un assembramento di persone. I protagonisti di questa rissa sono delinquenti, gentaglia senza rispetto degli altri e della città. A pagare purtroppo sono sempre i ristoratori, già sommersi dai debiti, già vessati da un anno di Covid e dalle mille restrizioni. Gli amici de I Re di Napoli, ad esempio, sono stati assaliti da un gruppo di teppisti. È una vergogna doppia. Perché gli assembramenti sono assolutamente vietati e perché non è possibile che i nostri imprenditori siano vittime oltre che del Covid anche di questi delinquenti”.

    “Quale è la loro colpa? – si chiede il presidente di Confesercenti Campania -. Forse quella di avere un ristorante sul lungomare? Quella di pagare migliaia di euro al giorno di fitto? Da parte loro c’è grande sdegno e enorme preoccupazione per il futuro: il fallimento o la rinuncia alle attività è dietro l’angolo. Occorre un incontro urgente con il prefetto e con il questore: siamo disponibili, come sempre, a collaborare, ma il tema sicurezza del Lungomare è essenziale. Si stanno depauperando – conclude Schiavo – due patrimoni: quello delle attività della zona e quello legato alla bellezza del posto”.

    “Il problema non sono le persone che se ne vanno a passeggio, che prendono un po’ d’aria. Il problema è il mancato rispetto delle regole, regole che servono a proteggere sé stessi e gli altri. Troppa gente, soprattutto troppi ragazzini, senza mascherina. La propria libertà finisce quando si calpesta quella altrui, questo deve essere chiaro, questi comportamenti irresponsabili rischiano seriamente di far aumentare in maniera preoccupante i contagi e bisogna considerare che gli ospedali si stanno nuovamente riempiendo. D’ora in poi serve più senso di responsabilità, più controllo dei ragazzi da parte soprattutto dei genitori e più pattugliamenti da parte delle forze dell’ordine nelle aree che prevedono maggiori assembramenti.”- le parole di Borrelli.




    LEGGI ANCHE

    Quarto, spari contro l’auto di un incensurato

    È mistero a Quarto per una sparatoria avvenuta nella zona di via Cupa Lava. I carabinieri sono infatti intervenuti in seguito a colpi d'arma da fuoco esplosi contro l'auto di un giovane di 24 anni, senza precedenti penali. Il veicolo, parcheggiato in strada, è stato sequestrato dopo che sono stati trovati tre fori di proiettile nella parte posteriore. Fortunatamente non si sono verificati feriti in questo episodio. Al momento sono in corso indagini per comprendere la dinamica...

    Napoli, i metal detector scoprono giovani armati di coltelli, tirapugni e manganelli telescopici

    Nelle periferie di Napoli, i quartieri di Piscinola, Chiaiano e Scampia sono stati sottoposti a intensi controlli da parte dei Carabinieri. Un'operazione congiunta della compagnia Vomero e del Reggimento Campania ha portato alla luce armi illegali e sostanze stupefacenti. Utilizzando metal detector, i militari hanno individuato diverse lame tra cui un manganello telescopico di 63 centimetri, un coltello a serramanico e un tirapugni. Tre giovani sono stati denunciati per il possesso di queste armi. Durante i controlli...

    Il papà di Kvaratskhelia: “Secondo me resta a Napoli”

    Badri Kvaratskhelia, il padre del calciatore Khvicha Kvaratskhelia, si è detto estremamente contento per la vittoria dello scudetto da parte del Napoli e per il contributo dato dal figlio alla squadra. In una intervista a Radio TV Serie A con RDS, ha ringraziato l'Italia e la città di Napoli per aver accolto e apprezzato Khvicha non solo come calciatore, ma anche come persona. Badri ha dichiarato che spetterà solo a Khvicha decidere se rimanere al...

    Sparatoria in strada a Scafati, obiettivo il pregiudicato Marcello Adini

    Il 43enne Marcello Adini è uscito dal carcere solo tre giorni fa dopo che era stato assolto per l'omicidio di Armando Faucitano

    Sparatoria a Fuorigrotta: pistoleri in azione in via delle Scuole Pie

    Nella zona di Fuorigrotta a Napoli, si è verificata una sparatoria su via delle Scuole Pie. I carabinieri del comando di Bagnoli sono intervenuti, intorno...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE