mamma tiziana cantone

Napoli. Suicidio dopo il video, riaperte le indagini su Tiziana Cantone: si procede per frode processuale. Gli esperti americani trovano 19 anomalie sui suoi dispositivi elettronici, risalenti a dopo la morte.

I professionisti dell’Emme-Team – gruppo di studi legali che si batte contro il Revenge porn – hanno riscontrato 19 anomalie in seguito all’analisi dello smartphone e dell’Ipad di Tiziana Cantone, la 31enne che si è tolta la vita il 13 settembre 2016 in una abitazione di Mugnano dopo la diffusione virale di alcuni suoi video privati. Anomalie relative al periodo in cui gli apparecchi, sequestrati la sera stessa del fatto, erano in custodia alla polizia giudiziaria, ovvero ai carabinieri, che li “aprirono” e li analizzarono fornendo poi le proprie conclusioni alla Procura di Napoli Nord, che archivio’ la prima inchiesta per istigazione al suicidio.

Le 19 anomalie hanno convinto la Procura diretta da Francesco Greco a percorrere un nuovo filone di indagine, quello della frode processuale, per ora a carico di ignoti, ovvero della manomissione dei dati contenuti nei due apparecchi in uso a Tiziana, che secondo l’Emme-Team e l’avvocato italiano che ne fa parte, Salvatore Pettirossi, legale di Teresa Giglio, madre di Tiziana, avrebbe compromesso la bonta’ delle indagini, impedendo di scoprire la verita’ sulla morte di Tiziana e su chi possa essere stato a diffondere i video che la ritraevano.

Tra le principali anomalie quella della cancellazione di numerosi dati contenuti su Iphone e Ipad ridotti ad una “tabula rasa”, come se prima del 13 settembre 2016 data della morte, Tiziana Cantone – la 31enne morta suicida quel giorno perche’ i video privati che la ritraevano erano finiti su internet a sua insaputa – non avesse avuto una vita. Riparte da qui, dalle presunte manomissioni dei due apparecchi, frutto probabilmente di procedure di estrapolazione dei dati non corrette, la seconda fase delle indagini sulla morte della 31enne.

LEGGI ANCHE  Vandalizzati i locali dell'Asl di Benevento: indagini

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:Suicidio di Tiziana Cantone, cancellati i dati su smartphone e Ipad

La prima si era conclusa con l’archiviazione nel 2017 dell’indagine per istigazione al suicidio, e nulla di rilevante era emerso dall’analisi di telefono e Ipad di Tiziana realizzata dagli esperti informatici dei carabinieri; la seconda fase si e’ aperta qualche mese fa, quando la Procura di Napoli Nord ha attivato un fascicolo per frode processuale sulla base delle indagini difensive realizzate dai professionisti dell’Emme-Team, il gruppo con sede a Chicago di cui fanno parte studi legali americani ed europei, che si batte contro il revenge porn e aiuta gratuitamente centinaia di ragazze a bloccare la diffusione su internet di video e foto che le ritraggono.

Gli esperti dell’Emme-Team da mesi assistono Teresa Giglio, madre di Tiziana Cantone, nella sua battaglia per conoscere la verita’ sulla tragica fine della 31enne; anche il legale della Giglio, Salvatore Pettirossi, fa parte del gruppo. Proprio analizzando iphone e ipad sono state scoperte diciannove anomalie nell’estrapolazione dei dati da parte della polizia giudiziaria, che avrebbero compromesso – a detta dello staff di difesa – la bonta’ delle indagini. “Non sono mai stata convinta che mia figlia si sia uccisa” dice la Giglio, che ieri ha chiesto la riesumazione del cadavere per eseguire quell’autopsia mai fatta. “Cio’ che mi ha fatto andare avanti – prosegue – e’ l’amore per mia figlia e la rabbia per come sono state fatte le indagini subito dopo la morte; c’e’ stata molta leggerezza nel classificare subito il decesso come un suicidio.

LEGGI ANCHE  Donna colpita all'occhio da proiettile vagante: tragedia sfiorata a Mugnano

Trovo poi molto grave la non corretta procedura di estrapolazione dei dati contenuti negli apparecchi di mia figlia, avvenuta per giunta mentre erano nelle mani degli inquirenti”. Tra le anomalie accertate quella relativa all’intera cronologia eventi e browser internet dell’IPad, che era vuota, “come se per tutto il tempo (anni) in cui e’ stato nella disponibilita’ di Tiziana Cantone, non sia mai stato utilizzato o connesso al web.

E’ stato in seguito possibile dimostrare che l’attivita’ era presente e che e’ stata cancellata”. L’Ipad usato da Tiziana Cantone e’ stato poi “restituito alla madre, con la totale assenza di messaggi, rubrica e account per l’utilizzo del dispositivo stesso”; e’ stata accertata “la totale assenza di messaggi, video, musica e attivita’ connessa con Itune nell’Ipad per anni utilizzato da Tiziana”. “Dal controllo della Mappe e della posizione del dispositivo nel tempo, si e’ altresi’ appurato la mancata presenza di attivita’, malgrado questo dispositivo fosse stato usato da Tiziana Cantone per svariati anni”. Malgrado inoltre la cronologia web risultasse assente, “alla riapertura di Safari, il browser internet usato da Tiziana Cantone, sono comparse 4 pagine web, ma nessuna nei mesi prima della morte di Tiziana. Unica spiegazione logica e tecnica e’ che la cronistoria sia stata volontariamente cancellata. Azione che non puo’ di certo avvenire in automatico da parte del sistema”.

Scrivi la tua opinione


Castellammare, Natale senza lavoro per Meridbulloni. De Luca: ‘Intervenga il governo’

Notizia Precedente

Covid, il Comune di Napoli stanzia 150mila euro per ospitare medici in hotel

Prossima Notizia


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Altro Cronaca

Ti potrebbe interessare..