Napoli, riapre san Gregorio Armeno ma la crisi non si ferma

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli, riapre san Gregorio Armeno ma la crisi non si ferma.

Anche quest’anno la via dei presepi accogliera’ i napoletani e i turisti che riusciranno ad arrivare in citta’ con le classiche statuine che raffigurano i personaggi dell’attualita’ o simbolo della storia partenopea. Le botteghe di San Gregorio Armeno, conosciute in tutto il mondo, si preparano al Natale riprendendo la loro attivita’ dopo lo stop forzato di novembre e dedicano la riapertura a Diego Armando Maradona. Il talento argentino spopola sulle bancarelle, tra rappresentazioni in forma di statua di terracotta ormai datate e quelle realizzate subito dopo la sua morte, che lo raffigurano con ali dorate.

“Ogni giorno che passa sento che il legame e l’amore tra la citta’ e Diego diventa piu’ forte – dice il fratello Hugo, che ha tagliato il nastro di una riapertura all’insegna della pioggia scrosciante e della mancanza di turisti – e’ la prima volta che esco di casa dal giorno della sua scomparsa e l’ho fatto per dare un sostegno ai commercianti e stare vicino alla mia città”.

L’emergenza sanitaria e le restrizioni frenano l’afflusso di curiosi e acquirenti anche tra i napoletani, ma i maestri dell’arte presepiale confidano in un maggiore flusso con l’avvicinarsi delle festivita’ natalizie. I titolari delle botteghe parlano di “situazione triste, per non dire tragica”, segnalando che finora si e’ perso il 75% del fatturato annuo, che per la maggior parte si incassa tra novembre e dicembre, evidenziando che questa categoria e’ esclusa dai ristori. Auspicano quindi che la Campania diventi presto zona gialla per incrementare le vendite, ma assicurano che, finche’ la situazione restera’ questa, garantiranno tutte le condizioni di sicurezza.



    Ma proprio nel momento piu’ difficile c’e’ chi ricorda la positivita’ e il sorriso di Maradona, che dev’essere di ispirazione per non perdere la fiducia e guardare con un po’ di ottimismo al futuro. Anche perche’, come insegna Eduardo De Filippo, anch’egli presente in tutte le botteghe, ‘adda passa’ ‘a nuttata’. Il Comune di Napoli, rappresentato dagli assessori Rosaria Galiero e Alessandra Clemente, sottolinea la volonta’ di restare vicino agli artigiani e invita i cittadini a comprare ‘Made in Naples’ per sostenere queste attivita’.







    LEGGI ANCHE

    Napoli, figlia e sorelle del boss nelle case popolari del rione Amicizia. I nomi dei 16 indagati

    La Procura di Napoli ha indagato 16 persone per l'occupazione abusiva di case popolari nel Rione Amicizia a Napoli. Tra gli indagati ci sono...

    Napoli, gli affari di Michele Scognamiglio il “guru” del riciclaggio internazionale

    Il mago del riciclaggio, il napoletano Michele Scognamiglio aveva messo in piedi una  centrale capace di ripulire ben 2,6 miliardi di euro in cinque...

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE