Foto da google


Grazie alla firma, oggi al Ministero per i Beni Culturali, del Contratto Istituzionale di Sviluppo (CIS) per il Centro storico di Napoli, si sblocca un investimento di circa 90 milioni di euro. Una svolta per la realizzazione di progetti strategici. Tra questi anche quello che riguarda Palazzo Penne.

“La firma di oggi serve a superare gravi ritardi registrati negli ultimi anni. scrive il presidente della regione Campania, Vncenzo De Luca, in un post su Facebook. – Nel contempo, si concretizza la realizzazione di un altro dei dieci progetti per Napoli che avevano presentato nelle settimane scorse. Dopo il Polo dell’Innovazione nell’ex manifattura Tabacchi, si concretizza anche il progetto di restauro e recupero funzionale dello storico Palazzo Penne, per il quale vengono investiti 10 milioni di euro.

LEGGI ANCHE  Napoli, manto stradale scivolosi: continui incidenti al Corso Vittorio Emanuele

Il Contratto Istituzionale di Sviluppo prevede un investimento complessivo di 89,5 milioni di euro a valere su risorse FSC 2014-2020 di cui al Piano operativo (PO) Cultura e Turismo 2014-2020 di cui è Autorità di Gestione il MIBAC, per la riqualificazione e la rigenerazione urbana del centro storico di Napoli. I fondi sono destinati a progetti strategici integrati, dalla tutela e valorizzazione del patrimonio, alle infrastrutture urbane, al recupero architettonico, fino alla scuola, alla formazione e alle azioni per favorire l’inclusione sociale.

La direzione del Cardarelli: ‘Paziente down legata?Indagine non conferma’

Notizia Precedente

Covid, boom di casi a Cava de Tirreni: 22 positivi

Prossima Notizia

Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie


Ti potrebbe interessare..