misure antimafia,lucca e caserta
foto finanza


Eseguito un decreto di sequestro preventivo ex art. 20 del D.Lgs. n. 159/2011 “Codice delle leggi antimafia e delle misure di prevenzione”, emesso dal Tribunale di Firenze – Ufficio Misure di Prevenzione – nei confronti di Leonardo Piccolo, un imprenditore 45enne originario di e residente in provincia di a Montecarlo mediante il sequestro di beni immobiliari e mobiliari, nonché di compagini societarie, per un valore complessivo di circa 750.000 euro.

Analoghe misure erano già state eseguite nel mese di maggio 2020 a carico del fratello e della moglie di quest’ultimo, attualmente residenti in provincia di , nei confronti dei quali era stato disposto il sequestro di beni per oltre 7 milioni di euro.

L’attività prende spunto dall’operazione “Ghost Tender”, condotta dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria di che, nel marzo 2018, sotto il coordinamento della Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze, aveva portato ai primi sequestri di beni, all’arresto di 5 persone tra la Toscana e la Campania ed alla denuncia a piede libero di ulteriori responsabili in quanto appartenenti o fiancheggiatori di un’associazione a delinquere operativa dal luglio 2013 nella provincia di e contigua ad un clan camorristico (“Casalesi”- fazione “Zagaria”) radicato nel casertano, dedita all’illecita aggiudicazione di appalti, alle frodi in pubbliche forniture ed al riciclaggio.

Nell’ambito delle indagini era stato individuato un gruppo criminale che ruotava attorno ad imprenditori edili residenti in provincia di e i quali, utilizzando prestanome e società compiacenti, molte delle quali “apri e chiudi”, si aggiudicavano decine di appalti della ASL 3 – Napoli Sud (con sede a Torre del Greco) – per milioni di euro – in relazione a commesse per lavori edili banditi con importi inferiori ai valori soglia, al di sopra dei quali sarebbe prevista la procedura ordinaria di affidamento.

A tale scopo, il sodalizio aveva stabilito rapporti corruttivi con un Dirigente della predetta ASL, il quale non solo aveva aggiudicato l’appalto in violazione delle norme di trasparenza, correttezza e imparzialità, ma aveva addirittura consentito al sodalizio di conseguirne il pagamento pur in assenza di qualsivoglia esecuzione dei lavori. In questo modo, le imprese riconducibili al gruppo criminale erano risultate, a turno, aggiudicatarie di numerosi appalti per lavori falsamente attestati come avvenuti, ma di fatto in gran parte non eseguiti.

Il procedimento penale relativo ai fatti finora esposti vede attualmente in corso di svolgimento la fase dell’udienza preliminare.

Le indagini patrimoniali, coordinate dalla Procura della Repubblica di Firenze e svolte dal Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Lucca, hanno evidenziato la pericolosità del soggetto sottoposto ad indagini, in quanto ritenuto “indiziato” sia di reati commessi “al fine di agevolare l’attività” dell’associazione mafiosa dei “Casalesi – fazione Michele Zagaria”, che di trarre i propri mezzi di sostentamento da delitti a sfondo patrimoniale. Nel contempo è stata appurata la sproporzione del patrimonio disponibile rispetto al proprio reddito, in relazione al periodo temporale di riferimento (2013- 2019).

Sulla base delle risultanze emerse, il Procuratore Aggiunto della Procura della Repubblica presso il Tribunale Repubblica di Firenze, Dott. Luca Tescaroli, ed il Sostituto Procuratore della Repubblica c/o la Direzione Distrettuale Antimafia di Firenze, Dott. Giulio Monferini, hanno avanzato richiesta di applicazione delle misure preventive personali e patrimoniali e l’Ufficio Misure di Prevenzione del Tribunale di Firenze, presieduto dal Dott. Raffaele D’Isa, che valutando positivamente la sussistenza dei requisiti di legge, ha emesso il provvedimento ablatorio dei beni riconducibili al proposto.

Sono in fase di conclusione le operazioni di sequestro di beni, tra Caserta e Lucca, per circa 750 mila euro, costituiti da 8 conti correnti, 6 società, 1 autovettura, terreni ed una villa di pregio. Il patrimonio sarà ora gestito da un amministratore giudiziario nominato dal Tribunale di Firenze.

Nei confronti degli interessati è stata già fissata l’udienza per la discussione in ordine all’applicazione della misura di prevenzione patrimoniale e personale della Sorveglianza Speciale di Pubblica Sicurezza, con obbligo di soggiorno per 3 anni e 6 mesi.

L’attività svolta va ad inserirsi in una più ampia strategia, attuata dalla Procura del capoluogo toscano sotto la direzione dal Procuratore della Repubblica Dott. Giuseppe Creazzo, finalizzata al contrasto degli illeciti arricchimenti anche attraverso l’applicazione della normativa antimafia.

L’operazione testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza a tutela dell’economia legale, il cui rilancio, di particolare importanza soprattutto nel difficile frangente causato dall’emergenza epidemiologica, si concretizza anche attraverso il contrasto alla corruzione, che altera le regole di sana competizione fra le imprese, danneggia gli imprenditori onesti e fa aumentare i costi dei servizi pubblici.



Cronache Tv


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Oroscopo di oggi la giornata sego per segno

Le previsioni dello Zodiaco per oggi 4 marzo
Leggi tutto

Scandalo mascherine, arrestati l’ex re degli stampatori e 2 imprenditori: indagato ex ministro

Ai domiciliari Andelko Aleksic, Domenico Romeo e Vittorio Farina ex socio di Bisignani e tra i finanziatori della fondazione Open...
Leggi tutto

Napoli: tensione tra Insigne e Gattuso a fine gara

Il capitano prende a calci i tabelloni e urla con il tecnico. Rino al momento del rigore aveva gettato a...
Leggi tutto

Abusi edilizia a Capri: in 14 a processo

Inchiesta su una serie di ristrutturazioni di immobili soggetti a condono e risultati sprovvisti dei certificati di svincolo idrogeologico
Leggi tutto

Il Governo verso il rinvio delle elezioni amministrative

Oltre alle regionali in Calabria previste per aprile. Ci sono anche le comunali in 1200 comuni tra cui le metropoli...
Leggi tutto

Svezia, accoltella otto persone: sospetto terrorista ferito dalla polizia

Il giovane è stato bloccato dalle forze dell'ordine a Vetlanda a sud del paese: non è chiaro il movente
Leggi tutto

Si cercano probabili complici dei 4 rapinatori di Giugliano bloccati in banca a Nola

In manette sono finiti Francesco Cesaro, Mario Gracco e Giuseppe Crescenzo Palma, accusati anche di sequestro di persona e FelicePalma
Leggi tutto

Napoli, le pagelle degli azzurri: Manolas torna nel peggiore dei modi

Insigne e Di Lorenzo tra i migliori degli azzurri. Da incubo Manolas male Maksimovic e Hysaj
Leggi tutto

Follia Napoli: prende un rigore al 94′ e fa pareggiare il Sassuolo

Manolas entra e nel recupero regala il rigore del pareggio al Sassuolo
Leggi tutto

Napoli, 27enne denunciato per ricettazione al Rione Cesare Battisti

Il 27enne napoletano con precedenti di polizia, è stato denunciato per ricettazione; inoltre, il motociclo è stato restituito al legittimo...
Leggi tutto

Elicottero precipitato, i ragazzi della Onlus ricordano Rosa

Sono passati 5 giorni dal giorno in cui velivolo è precipitato a Montemaggiore nel comune di Bellona.
Leggi tutto

Il presidente Draghi a Ursula von der Leyen: “Acceleriamo sui vaccini”

Il premier telefona alla presidente della Commissione europea: al centro delle richieste anche il Recovery fund
Leggi tutto

Gli uffici del Comune di Maddaloni resteranno chiusi per due giorni per sanificazione

E’ stata firmata l’ordinanza con la quale è stata disposta la sanificazione dell’ente dopo i casi di positività al Coronavirus...
Leggi tutto

Amante del boss uccisa, processo bis per Belforte e sua moglie

Fissato il processo in Appello per l'omicidio di Angela Gentile, la donna uccisa per aver avuto una relazione con il...
Leggi tutto

Uccise l’amante con una coltellata alla gola a Poggiomarino. Condannato a 25 anni l’assassino di Luana Rainone

Borrelli: “Questa è a la giustizia che vorremmo sempre, non come è avvenuto con Fortuna Bellisario. Rapida, decisa, dura e...
Leggi tutto

Napoli, tentano di truffare un anziano: due denunciati

napoletani di 19 e 20 anni con precedenti di polizia, sono stati denunciati per truffa ed il ciclomotore è stato...
Leggi tutto

Proiettili a salve a Matteo Renzi, la busta intercettata e consegnata alla Digos

L'episodio risale a metà febbraio: la scoperta grazie ai controlli sulla posta destinata ai politici
Leggi tutto

Somma Vesuviana, Il sindaco cambia due assessori in giunta

Il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore di Sarno, cambia due assessori della giunta
Leggi tutto

Verità e giustizia per la Moby Prince, Ercolano vota una mozione a 30 anni dalla tragedia

Ancora troppi dubbi sulla morte delle 140 vittime: il consiglio comunale vuole chiarezza
Leggi tutto

Il Bari impone la legge del più forte alla Juve Stabia

La Juve Stabia non riesce a sfatare il "tabù" Romeo Menti.
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..