il volturno si ingrossa



Nella giornata del 7 dicembre 2020 i principali fiumi della hanno registrato valori dei livelli idrometrici superiori a quelli della settimana scorsa in 25 casi sulle 28 stazioni di riferimento, con una decisa inversione di tendenza rispetto alla scorsa settimana.

Gli idrometri dei principali fiumi della segnalano una risalita dei livelli, legata a fenomeni di piena che hanno avuto il loro culmine tra la serata del 6 e la mattinata del 7 dicembre, quando Garigliano, e Sele hanno fatto registrare livelli decisamente alti, anche se strettamente legati allo smaltimento delle piene. Gli invasi sono in crescita, e con un deficit di volumi sul 2019 nuovamente in calo.

E’ quanto emerge dall’indagine settimanale dell’Unione regionale Consorzi gestione e tutela del Territorio e Acque Irrigue della Campania (Anbi Campania) che compila il suo bollettino interno, contenente i livelli idrometrici raggiunti dai principali corsi d’acqua (Fonte: Regione Campania, Centro Funzionale Protezione Civile) nei punti specificati ed i volumi idrici presenti nei principali invasi gestiti dai Consorzi di bonifica della regione e – per il solo lago di Conza della Campania – dall’Ente per l’irrigazione della Puglia Lucania e Irpinia.
Il Sele cresce decisamente sui livelli della scorsa settimana in tutte le stazioni, toccando ieri alle ore 12 i 4,17 metri sopra lo zero idrometrico ad Albanella, forte anche dei consistenti apporti da parte dei principali affluenti. Il Volturno vede un balzo dei livelli idrometrici rispetto a quelli raggiungi la scorsa settimana, e alle ore 12 di ieri raggiungeva il colmo di piena a Capua con ben 5,2 sullo zero idrometrico, quota raggiunta velocemente a causa anche della necessita’ da parte del Consorzio generale di bonifica di aprire le paratoie della diga. Infine, secondo le rilevazioni Anbi, il fiume Garigliano presenta livelli idrometrici molto superiori a quelli della settimana precedente.

LEGGI ANCHE  Tenta il suicidio lanciandosi nel Volturno, salvato dai carabinieri
ADS

Colmo piena a Sessa Aurunca raggiunto di prima mattina, ma con un livello idrometrico alle ore 12 ancora di 8,92 metri. Per quanto riguarda gli invasi, la diga di Piano della Rocca su fiume Alento e’ attestata ad oltre 10,2 milioni di metri cubi e contiene circa il 41% della sua capacita’, in crescita sulla settimana precedente. L’invaso di Conza della sull’Ofanto in decisa crescita sulla settimana scorsa e di ben oltre 6,8 milioni di metri cubi. E il deficit rispetto ad un anno fa torna a diminuire, portandosi a poco meno di 1,9 milioni di metri cubi, rispetto ai ben 8,6 milioni di metri cubi di 7 giorni fa.



Collaboratore di lunga data di Cronache della Campania Da sempre attento osservatore della società e degli eventi. Segue la cronaca nera. Ha collaborato con diverse redazioni.

Arriva a Napoli “Sanacore. Il Natale Gentile in Scatola” dal 10 al 20 dicembre

Notizia precedente

Maltempo: forte tempesta in mare, Capri isolata

Notizia Successiva

Ti potrebbe interessare..