Seguici sui Social

Cronaca

Furto in Croazia: rilasciati poliziotti e carabiniere napoletani fermati ieri

PUBBLICITA

Pubblicato

il

foto di repertorio


Sono stati rilasciati i due poliziotti e il carabiniere arrestati l’altro ieri sera dalla Polizia Croata al confine tra la Croazia e la Slovenia.

Lo rende noto l’avvocato Maurizio Capozzo, legale dei due agenti, che ha ricevuto una telefonata dal consolato italiano di Fiume. I tre rappresentanti delle forze dell’ordine italiane erano stati bloccati con l’accusa di furto, insieme con altri tre connazionali.
Secondo quanto si e’ appreso sono invece rimasti in carcere gli altri tre italiani coinvolti nell’indagine dell’autorita’ giudiziaria croata, scattata dopo la denuncia presentata da un imprenditore italiano che ha dichiarato di essere stato minacciato e derubato dai suoi connazionali. I due poliziotti e il carabiniere, rimessi in liberta’ poco fa, sono ora in procinto di oltrepassare il confine alla volta dell’Italia.

LEGGI ANCHE  Terremoto in Croazia: 7 vittime accertate e sei persone salvate

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Poliziotti e carabiniere napoletani arrestati: sono stati denunciati da un imprenditore a cui facevano la scorta


Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Nera

Ucciso ad Ascoli ex pentito di camorra di Salerno

La vittima è Franco Lettieri detto o’ cacacglio, ex pentito di camorra di Salerno. da tempo viveva nelle Marche

Pubblicato

il

Ucciso ad Ascoli ex pentito di camorra di Salerno.

Franco Lettieri, l’uomo ucciso ieri sera a coltellate ad Ascoli Piceno, residente da tempo nella citta’ marchigiana, era un ex collaboratore di giustizia. “O’ Cacaglio”, questo il soprannome con cui il 56enne di Salerno era conosciuto, vi si era trasferito dalla Campania dove era stato coinvolto in alcuni fatti connessi alla criminalita’ organizzata, tanto da aver avuto una condanna per associazione a delinquere. Aveva collaborato con la giustizia, vivendo per un periodo sotto protezione che pero’ gli era stata tolta da tempo e aveva ricevuto una somma di denaro per potersi rifare una vita lontano dalla sua terra. Si era quindi stabilito ad Ascoli.

LEGGI ANCHE  Nuovo sciame sismico a Pozzuoli: paura tra la popolazione

Il suo pregresso giudiziario non viene pero’, al momento, in alcun modo collegato con l’omicidio di cui Lettieri e’ stato vittima ieri sera e per il quale e’ in carcere Petre Lambru, 57enne muratore rumeno, anche lui residente ad Ascoli. Lettieri in passato era stato oggetto di attenzioni da parte della magistratura per la morte di una donna ascolana con la quale si era accompagnato dopo che lei era rimasta vedova; si era parlato di un’ipotesi di maltrattamenti per la quale non erano stati pero’ raccolti elementi.

Continua a leggere

Le Notizie più lette