Covid, il procuratore di Napoli: ‘Rischio che i clan accedano ai finanziamenti pubblici’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Covid, il procuratore di Napoli: ‘Rischio che i clan accedano ai finanziamenti pubblici’.

“Ci sono rischi concreti di accesso di imprese collegate al crimine organizzato ai finanziamenti garantiti dalla mano pubblica”. Lo ha affermato il procuratore della Repubblica di Napoli, Giovanni Melillo, intervenuto alla conferenza stampa sull’arresto del latitante Antonio Di Martino. “Vi sono settori criminali che sicuramente hanno dovuto modificare le loro caratteristiche operative, tutti quei settori che richiedono presenze fisiche che coincidono con le tradizionali attività illegali – ha sottolineato Melillo -. Vi sono ambiti di operatività delle organizzazioni camorristiche che hanno ricevuto una straordinaria spinta dall’emergenza pandemica. È evidente che le organizzazioni criminali sono in grado di immettere in questa fase così difficile della vita economica e sociale del paese grandi risorse per acquisire attività economiche in gravi crisi di liquidità, nei settori di impresa collegati all’emergenza sanitaria”.

“La multiforme dimensione imprenditoriale delle principali organizzazioni camorristiche – ha spiegato il procuratore di Napoli, Melillo – permettono margini di adattamento alle nuove necessità e consente di operare senza i bisogni di liquidità e le difficoltà tipiche delle imprese non governate da interessi criminali. Da questo punto di vista questa fase della pandemia è una fase di profonda trasformazione del crimine organizzato. Ci sarà molto da lavorare e questo a prescindere dal tema, che insieme al procuratore Greco di Milano, abbiamo sollevato rispetto ai rischi concreti di accesso di imprese collegate al crimine organizzato ai finanziamenti garantiti dalla mano pubblica”.






LEGGI ANCHE

Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

Crollo di Firenze, recuperato il corpo dell’ultimo disperso

Nel cantiere di via Mariti a Firenze, il corpo dell'ultimo disperso è stato recuperato dai vigili del fuoco e successivamente affidato all'autorità giudiziaria per...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE