Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Troppi contagi ad Acerra: stop a mercati e chiuse alcune strade

Pubblicato

il

acerra,troppi contagi


Niente tavoli all’esterno dei locali per evitare assembramenti, parchi pubblici consentiti ai minori solo se accompagnati, mercati settimanali sospesi ed interdizione al traffico delle maggiori arterie cittadine fino al 30 novembre prossimo.

Sono alcune delle disposizioni emanate da Raffaele Lettieri, sindaco di Acerra, dove ad oggi si registrano 669 positivi attivi. Lettieri, anch’egli tra i contagiati a settembre, ora guarito, ha sottolineato che le ultime ordinanze servono ad ”evitare assembramenti e momenti ludici sul territorio”. ”Le ordinanze avranno risultati se tutti staranno attenti – ha detto il sindaco – soprattutto ai contagi che possono avvenire in famiglia, perche’ il virus puo’ arrivare dalle persone di cui piu’ ti fidi, un cugino, un figlio che esce e lo porta a casa. Loro possono essere asintomatici ma possono trasmetterlo a parente che poi ci rimette la vita”.

Nelle ordinanze, il sindaco ha vietato l’esposizione e la vendita di prodotti al di fuori dei negozi, l’allestimento di aree di somministrazione all’esterno dei locali di ristorazione, la sospensione di tutte le autorizzazioni di occupazione di suolo pubblico per l’esposizione e la vendita dei prodotti, e la sospensione del mercato settimanale. Da domani partira’ anche l’interdizione al traffico di alcune strade per consentire maggiori controlli da parte dei vigili agli ingressi cittadini. ”Non comprate la merce esposta all’aperto – ha aggiunto – oltre ad essere attualmente vietato, e’ una merce potenzialmente contaminata”. Su alcune vie cittadine, infine, il sindaco ha disposto l’interdizione del traffico veicolare in entrata ed uscita, anche con l’apposizione di barriere, per poter potenziare il controllo dei vigili nelle altre zone di Acerra.

Continua a leggere
Pubblicità

Italia

Covid, ora si abbassa veramente la curva del contagio in Italia: 20.648 nuovi casi e 541 morti

Pubblicato

il

covid,contagio in italia
foto di repertorio

Covid, ora si abbassa veramente la curva del contagio in Italia: 20.648 nuovi casi e 541 morti.

Sono 20.648 i test per il covid risultati positivi nelle ultime 24 ore in Italia, secondo i dati del ministero della Salute. Le vittime sono 541 a fronte di 176.934 tamponi. Resta invariato a 11,7% il tasso di positività. Sono i dati  diffusi dal Ministero della Salute. Gli attualmente positivi sono 795.771, 759.139 dei quali si trovano in isolamento domiciliare, 32.879 sono ricoverati con sintomi, mentre in terapia intensiva si trovano attualmente 3.753 pazienti. 13.642 i guariti nelle ultime 24 ore.Il totale dei casi e’ ora di 1.585.178, le vittime sono 54.904.Gli attualmente positivi sono 795.771 (+6.463), i guariti o dimessi 734.503 (+13.642).

I dimessi/guariti sono 13.642, per un totale di 743.503 dall’inizio dell’epidemia. Scende anche il numero delle persone ricoverate nelle ultime 24 ore in terapia intensiva a 3.753, 9 in meno da ieri. In calo (- 420) anche il totale dei ricoverati con sintomi che e’ di 32.879 unita’. A livello territoriale, le Regioni con il maggior numero di contagi sono la Lombardia (3.203), il Veneto (2.617), la Campania (2.022), il Piemonte (2.021), il Lazio (1.993) e l’Emilia-Romagna (1.850). Per tutte queste regioni si tratta comunque di un dato in calo rispetto al giorno precedente.

 

Continua a leggere

Le Notizie più lette