Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Coronavirus

Napoli, de Magistris: ‘Se tutti bravi potremo respirare a Natale’

Pubblicato

il

de magistris napoli


 ”Ora e’ importante effettuare i controlli necessari ed essere tutti bravi e noi campani lo siamo stati in questi mesi soprattutto durante il periodo durissimo di marzo e aprile e credo che cosi’ potremmo provare a respirare un po’ sotto le feste natalizie”.

E’ l’invito che il sindaco di NAPOLI, Luigi de Magistris, rivolge da radio Kiss Kiss NAPOLI senza nascondere che ”sara’ un momento difficile ma se il Governo ci accompagna e ci sta vicino con le misure economiche, noi possiamo anche tenere sotto controllo la tensione sociale e ridurre la pressione che in questi giorni e’ fortissima sugli ospedali, i pronto soccorso, le ambulanze, i presidi sanitari della nostra regione”.

Voglio sottolineare – ha concluso – il lavoro encomiabile e incredibile che stanno facendo medici e infermieri che si aspettavano un provvedimento di questo tipo. Dobbiamo essere loro vicini”.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Covid, allarme dei sindaci: emergenza nel Vallo di Diano

Pubblicato

il

covid vallo di diano

La carenza di personale ospedaliero medico e piu’ in particolare infermieristico del reparto Covid-19 di Polla, il potenziamento del personale U.S.C.A. sul territorio e l’ autorizzazione a svolgere l’attivita’ ambulatoriale in concomitanza a quella di cura dei pazienti Covid-19.

Sono alcuni degli argomenti contenuti in un documento condiviso dai 19 sindaci del Vallo di Diano, in provincia di SALERNO, ed inviato al presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, ed ai vertici dell’ASL SALERNO. I primi cittadini, nello stesso documento, evidenziano in maniera dettagliata le numerose criticita’ della sanita’ ospedaliera e territoriale aggravate dallo stato emergenziale pandemico in cui versa il Vallo di Diano. Il documento si chiude con la richiesta del potenziamento immediato del personale medico ospedaliero di Polla dei reparti di broncopneumologia, neurologia, pediatria e di anatomia patologica.

Continua a leggere

Coronavirus

Covid, sono 25.853 nuovi casi oggi in Italia: l’indice scende all’11,2%

Pubblicato

il

covid

Nelle ultime 24 ore si registrano in Italia 25.853 casi di Covid, a fronte di 230.007 tamponi processati. Ieri i casi erano stati 23.232 con 188.659 tamponi.

L’indice di positività passa quindi dal 12,3% all’11,2 per cento. I decessi sono invece 722 (ieri 853, picco nella seconda ondata) per un totale di 52.028. I ricoverati con sintomi sono 34.313 (in calo di 264 unità), le persone in terapia intensiva 3.848 (in aumento di 32), quelle in isolamento domiciliare 753.536, il totale degli attualmente positivi 791.697 mentre i dimessi/guariti sono in totale 637.149.  Per quanto riguarda l’andamento nelle varie regioni, si contano 5.173 nuovi casi in Lombardia, 2.878 in Piemonte, 2.815 in Campania. Da ieri si contano 31.819 guariti, il totale sale a 637.149.

Sono 31.819 in più rispetto a ieri i guariti dal Covid-19 nelle ultime 24 ore. Il totale balza così a 637.149 dall’inizio della pandemia. È quanto emerge dal bollettino del ministero della Salute. Ieri erano stati 20.837.

Sono 6.689 in meno rispetto a ieri gli attualmente positivi al Covid in Italia. Il dato complessivo è di 791.697.Ricoverati con sintomi di Covid in calo per il secondo giorno consecutivo in Italia. Sono 264 in meno rispetto a ieri per un totale di 34.313. In aumento, invece, i pazienti in terapia intensiva: sono 32 in più rispetto a ieri, con 3.848 nostri connazionali ricoverati. Sono i dati contenuti nel bollettino del ministero della Salute.

Continua a leggere

Le Notizie più lette