Allerta meteo gialla per temporali in Campania: domani lunedì 22 luglio

Domani, lunedì 22 luglio, sono previsti temporali improvvisi e...

Napoli, attivati altri 50 posti covid al Policlinico Vanvitelli

SULLO STESSO ARGOMENTO

Napoli, attivati altri 50 posti covid al Policlinico Vanvitelli. Letti dotati di ossigeno e monitor, controllo anche a distanza.

 

PUBBLICITA

Con l’attivazione oggi di ulteriori 16 posti si completa la dotazione dei primi 50 posti letto Covid dell’Azienda ospedaliera universitaria ‘Luigi Vanvitelli’. I posti letto sono stati realizzati nel padiglione 3 del complesso di Cappella Cangiani. A questi a breve se ne aggiungeranno altri 50 nel padiglione 17. Tutti i posti letto sono dotati di ossigeno ad alti flussi e sono seguiti da monitor che consentono di osservare anche da lontano in modo costante la situazione e di venire incontro ad ogni esigenza e bisogno del paziente. I monitor consentono l’osservazione diretta del paziente e di tutti i parametri con lo scopo di garantire la salvaguardia del malato.

”Sulla base delle disposizioni regionali la nostra Azienda non ha potuto sottrarsi a questo stato di necessita’ – spiega il direttore generale Antonio Giordano – che e’ anche un dovere etico e abbiamo avviato una riorganizzazione per rendere compatibili la risposta al covid con le urgenze che sono presenti nella nostra struttura e con la necessita’ di poter continuare a fare didattica”. Il primo ad essere riconvertito e’ stato il padiglione 3 in cui storicamente gia’ insisteva un reparto di malattie infettive e che ”di conseguenza – sottolinea Giordano – e’ stato rapidamente trasformato in reparto covid con l’attivazione di 8 posti letto di sub intensiva completamente gestiti da anestesisti e rianimatori e oggi completiamo l’opera con l’attivazione degli ultimi 16 posti letto che purtroppo siamo convinti si riempiranno in tempi brevissimi”. Intanto proseguono i lavori nel padiglione 17 precedentemente dedicato alle chirurgie e da cui e’ stato necessario in primo luogo trasferire tutti i malati e gli studi professionali.

”Sono in corso i lavori – spiega il dg – che si muovono sulla linea di dover salvaguardare la salute dei pazienti ma anche di mettere gli operatori in condizione di correre meno rischi e di offrire il miglior servizio possibile creando dei percorsi che abbiamo gia’ strutturato e validato nel padiglione 3. Anche qui tutti i posti letto saranno dotati di ossigeno ad alti flussi e di un impianto elettrico in grado di reggere il monitoraggio permanente dei posti letto”.


facebook

LEGGI ANCHE

googlenews

ULTIME NOTIZIE

PUBBLICITA