Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Nera

Ladri in fuga a Caivano sperorano auto dei carabinieri

Pubblicato

il

caivano,ladri,carabinieri


Ladri in fuga a Caivano sperorano auto dei carabinieri. Avevano tentato il furto in un’abitazione.

 

Hanno speronato l’auto dei carabinieri, fuggendo dopo un tentato furto. Il fatto e’ accaduto alle 13 a Caivano. Un pattuglia dei militari dell’Arma era arrivata in via Imbriani dopo una segnalazione arrivata al 112 e, vedendo una vettura sospetta, hanno fermato la loro macchina di traverso per ostruire la carreggiata e costringere gli occupanti a farsi controllare. Invece il guidatore della vettura sospetta ha fatto marcia indietro per alcuni metri, quasi a prendere la rincorsa, poi ha premuto l’acceleratore puntando contro la gazzella.

I carabinieri a bordo hanno fatto in tempo a uscire dall’abitacolo, mettendosi in salvo; per fermare l’auto dei ladri hanno anche esploso alcuni colpi ad altezza delle gomme, ma inutilmente. Capillari le ricerche dei fuggitivi a bordo di un’Audi, e non si esclude che i ladri provenissero da qualche campo rom campano. Sequestrati un piede di porco e dei guanti abbandonati. Sul fatto indagano i carabinieri della Compagnia di Casoria: le ricerche sono state attivate in tutta l’area a nord di Napoli.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca

Boss del clan Mallardo al 41bis scarcerato causa covid: la polemica del Spp

Pubblicato

il

clan mallardo,boss scarcerato

E’ di ieri la notizia della scarcerazione di Vincenzo D’Alterio, detto “O’ malato”, boss del clan Mallardo di Giugliano, il quale avrebbe lasciato il carcere di Tempo Pausania in Sardegna dove era detenuto in regime di massima sicurezza.

“Da quando si apprende per l’incompatibilità con il regime carcerario per gravi motivi di salute ossia per un’enfisema polmonare ed altre patologie respiratorie”. A riferirlo è Aldo Di Giacomo, segretario generale del Sindacato Polizia Penitenziaria S.PP.: “D’Alterio è sicuramente un personaggio di spicco della criminalità organizzata della Campania e doveva scontare ancora 11 anni per gravi reati. Sembrerebbe che sia agli arresti domiciliari a Giugliano presso la propria abitazione. Questo provvedimento concesso dalla Magistratura di Sorveglianza è sicuramente condizionato dal fatto che le sue condizioni di salute potessero essere ulteriormente aggravate dall’eventualità di contagio da COVID-19.

Questo episodio riaccende il tema delle scarcerazioni di detenuti molto pericolosi legati essenzialmente all’incapacità di curarli in strutture adeguate all’interno delle carceri italiane. Al momento, da quando apprendiamo, sarebbero oltre una decina i detenuti di alta sicurezza e 41 bis che hanno inoltrato ai Tribunali di Sorveglianza istanza di scarcerazione per incompatibilità tra il proprio stato di salute ed il rischio di contrarre il COVID. Le istanze verranno valutate entro le prossime settimane. L’allarme che questo potesse accadere di nuovo l’avevamo lanciato in tempi non sospetti; ora siamo sicuri che molti deliquenti trascorreranno il Natale con le proprie famiglie”.

Continua a leggere

Cronaca Nera

Rapina a portavalori a Casandrino: rubato l’incasso di un supermercato

Pubblicato

il

Rapina a portavalori a Casandrino

Rapina a portavalori a Casandrino: rubato l’incasso di un supermercato.

La rapina è avvenuta questa mattina intorno alle 12, nei pressi del supermercato Lidl in via Paolo Borsellino. Quattro rapinatori a bordo di un’auto, armati e con volto coperto, hanno costretto una delle guardie giurate a consegnare la pistola e sono riusciti a portare via un plico contenente l’incasso del supermercato appena prelevato. I soldi erano destinati in banca. Ancora da quantificare il bottino. Dopo il colpo i rapinatori, che per modus operandi sono ritenuti esperti del ‘settore’, sono balzati in auto e scappati. Sono in corso indagini dei Carabinieri.

Continua a leggere

Le Notizie più lette