Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Coronavirus

L’ Asl Na2 :in 5 giorni ossigeno a casa per 108 pazienti

Pubblicato

il

asl,ossigeno a casa


Sono 108 i pazienti positivi al Covid19 che, su richiesta del proprio medico di famiglia, da lunedi’ ad oggi hanno ricevuto al proprio domicilio bombole e concentratori di ossigeno.

La procedura adottata dall’Azienda Sanitaria risponde a un’esigenza assistenziale che, se non venisse gestita, causerebbe un ulteriore affollamento dei reparti ospedalieri. E’ quanto fa sapere, con una nota, l’Asl NAPOLI 2 Nord. L’ASL e’ in grado di garantire, prosegue la nota, “a circa 400 pazienti Covid, contemporaneamente, tale servizio. Questa tipologia di pazienti in molti casi necessita di un supporto di ossigeno per un periodo di 7/10 giorni, successivamente le bombole e i concentratori saranno a disposizione di altri pazienti. Tale procedura – messa a punto dal Dipartimento Farmaceutico guidato da Mariano Fusco – si realizza ai costi e alle condizioni che l’ASL aveva gia’ concordato con il proprio fornitore selezionato mediante gara Soresa”.

“Ogni anno il picco dell’influenza stagionale determina una pressione sui Pronto Soccorso e un superlavoro dei reparti ospedalieri. Con la pandemia questo fenomeno si e’ molto amplificato, creando situazioni limite di cui si sta facendo carico con grande professionalita’ e sacrificio- dice Antonio d’Amore, Direttore Generale dell’ASL NAPOLI 2 Nord – il nostro personale sanitario. Per alleggerire questa pressione abbiamo implementato un modello di assistenza a domicilio mediante: distribuzione di apparecchiature per l’ossigeno, monitoraggio telefonico dei pazienti, visite a domicilio e avvio di equipe specialistiche attrezzate per eseguire ecografie polmonari. E’ un lavoro estremamente complesso – partito gia’ molti mesi fa – che ha richiesto l’organizzazione della gestione della domanda, la predisposizione di auto speciali, il reclutamento del personale e la formazione dei giovani medici coinvolti, l’organizzazione della logistica.” Nell’Asl NAPOLI 2 Nord e’ stata attivata una piattaforma informatica che permette al Medico di Famiglia di chiedere al domicilio del paziente l’effettuazione di una visita o di un tampone. Tutte le richieste vengono valutate dal Medico di Centrale che contatta al domicilio i pazienti e ne valuta i bisogni. Se necessario, la richiesta viene smistata alle equipe mediche presenti sui 13 Distretti Sanitari. Questo modello organizzativo ha preso il via lo scorso 7 novembre, facendo registrare 320 domande da parte dei medici di famiglia; 112 tra queste sono state gia’ effettuate.

“In molti casi i pazienti domiciliari sono persone anziane o malati oncologici, gia’ gravati da un quadro clinico complesso. Ai problemi di salute poi si associano quelli sociali determinati dalla solitudine e da difficolta’ di comunicazione telefonica. Per questa tipologia di pazienti – spiega Fabio Guardascione , in servizio presso l’USCA – l’intervento a domicilio e’ spesso l’unica possibilita’ di attuare un monitoraggio, data l’impossibilita’ di comunicare efficacemente via telefono”. Attualmente sul territorio dell’ASL NAPOLI 2 Nord sono 14463 i pazienti positivi al COVID19, di cui solo 117 (pari allo 0.87%) sono ricoverati nei reparti ospedalieri.

Continua a leggere
Pubblicità

Benevento e Provincia

Covid, altri tre decessi al San Pio di Benevento: 104 i ricoverati

Pubblicato

il

covid

Si tratta di un 94enne di Foglianise, di un 67enne di Bacoli e di una 84enne di San Felice a Cancello.

Complessivamente sono 104 i pazienti ricoverati, 94 sanniti e 10 di altre province.
9 pazienti sono ricoverati in terapia intensiva (8 sanniti ed 1 di altra provincia); 14 in pneumologia/subintensiva (11 sanniti e 3 di altre province); 22 sanniti in malattie infettive; 45 in medicina interna (39 sanniti e 6 di altre province); 10 sanniti in medicina d’urgenza/sub intensiva area covid; 4 sanniti in area isolamento covid.
5 i pazienti dimessi (3 sanniti e 2 di altre province).

Continua a leggere

Coronavirus

Torre Annunziata, una vittima da covid e 73 nuovi contagi con 36 guarigioni

Pubblicato

il

Torre Annunziata una vittima da covid

Sono 73 i nuovi casi di contagio da Covid a Torre Annunziata. Al contempo si registrano anche 36 guarigioni e un decesso.

396 i cittadini attualmente positivi: 386 posti in isolamento domiciliare e 10 ricoverati.
Sale a 967 il numero delle persone che hanno contratto il Covid a Torre Annunziata dall’inizio dell’emergenza sanitaria, di cui 553 guarite e 18 decedute.
«L’Amministrazione Comunale esprime profondo cordoglio per la scomparsa di un altro nostro concittadino – afferma il sindaco Vincenzo Ascione -. Ai familiari della vittima va il nostro affettuoso pensiero in questo momento di grande dolore».

Continua a leggere

Le Notizie più lette