Seguici sui Social

Cinema

ISFF, al via da domani la seconda edizione dell’Interferenze Short Film Festival

PUBBLICITA

Pubblicato

il

ISFF


Da giovedì 26 a domenica 29 novembre saranno quattro gli appuntamenti serali online di “ISFF” con protagonisti i tredici short-movie finalisti, insieme ad autori e registi con i quali pubblico e critica potranno avere un confronto diretto

 

Avrà inizio domani, giovedì 26, per concludersi domenica 29 novembre, la seconda edizione dell’Inferenze Short Film Festival (ISFF), la kermesse di cortometraggi organizzata dall’associazione culturale campana “Luna di Seta” e dedicata al “pensiero complesso”, all’abbandono di un’interpretazione ingenua e consolatoria della realtà. A partire dalle ore 20.00, infatti, in quattro serate, la proiezione dei tredici corti finalisti (scelti tra circa duecento opere provenienti da diversi paesi europei e non) sarà disponibile in diretta sulla pagina Facebook ed Instagram dell’associazione “Luna di Seta” e sulla pagina Youtube della “Moon Over produzioni”. Da Miriam Leone a Giuseppe Zeno, da Carlo Croccolo a Gianfranco Gallo con tanti altri bravissimi artisti da scoprire.

Giovedì 26 novembre, nell’appuntamento di apertura condotto dallo scrittore e regista Massimo Piccolo, che nel corso dell’intera kermesse guiderà gli spettatori alla scoperta dei lavori, saranno visibili quattro cortometraggi:

“Monsieur Quiconque” di Adalberto Lombardo (con Fabien Gauthier, Julie Parnie, Alexandre Canard-Volland, Benoit Michaud e Xavier Mussel), “Uocchie cc’arraggiunate” di Paolo Cipolletta (con Gianfranco Gallo, Luca Gallone e Gianluca Di Gennaro), “Lella” di Michele Capuano (con Barbara Chichiarelli, Giacomo Bottoni e Alessandro Bernardini) e “Pescado (landed)” di Davide Caracciolo (con Axel Caponio).

LEGGI ANCHE  Napoli, segnalato su "Youpol" un assembramento di persone s Forcella, nove sanzionati

Venerdì 27 novembre sarà il turno di altri cinque short-movie:

“A cup of coffee with Marilyn” di Alessandra Gonnella (con Miriam Leone, Sam Hoare, Marco Gambino e Jamie Wilkies), “ ‘A livella de’ creature” di Angelo & Pierfrancesco Berruto (con Carlo Croccolo, Lola Bello, Divina Agbounauebare, Salvatore Esposito e Daniela Cenciotti), “Grace” di Giuseppe Piscino (con Grazia Cascone), “Guerriglia” di Carla Pampaluna (con Irene Barbugli, Massimo Pascucci ed Alessandra Bareschino) e “Quel tipo strano” di Vincenzo Totaro (con Antonio Del Nobile, Teresa La Scala, Rosa Fariello ed Adriano Santoro).

Sabato 28 novembre verranno proiettati i restanti quattro corti:

“Ifigeneia: no more tears” di George Georgakopoulos (con Sofia Sasli e Lydia Mouftoglou), “Non riattaccare” di Daniela Cenciotti (con Giuseppe Zeno e Martina Liberti), “Uonted!” di Daniele Bonarini (con Tiziano Barbini, Paolo Cristini, Luca Carbone e Francesco Giordano) e “Navan” di Attilio Facchini (con Roberto Stasolla).

Domenica 29 novembre avranno luogo la proiezione e la premiazione dei lavori vincitori. Tutti i cortometraggi, infatti, saranno giudicati da tre giurie: quella tecnica, capitanata dal professore Lello Savonardo, una giuria giovane ed una giuria popolare. I voti determineranno i vincitori delle otto categorie in gara più la proclamazione del corto vincitore assoluto dell’edizione 2020 di “Inferenze Short Film Festival” .


Continua a leggere
Pubblicità

Cinema

Esce domani su Prime Video ‘Anime Borboniche’, il film girato alla Reggia di Caserta con la partecipazione di Margi Villa Del Priore

Pubblicato

il

Esce giovedì 14 gennaio su Prime Video “Anime Borboniche”
Nel cast Margi Villa Del Priore che ha collaborato anche all’organizzazione generale del film girato alla Reggia di Caserta

Distribuito da 102 Distribution, il film ‘Anime Borboniche’ di Paolo Consorti e Guido Morra girato nella Reggia di Caserta.

Prodotto da Opera Totale, con Paolo Coviello e Vittorio Maione, con la produzione esecutiva di Cameraworks, il film racconta il mondo delle rievocazioni storiche che coinvolge migliaia di persone in Italia: I figuranti, le ‘anime borboniche’ del titolo, sono le donne e gli uomini che, per pura passione e senza nessun compenso, vestono i panni degli aristocratici e delle figure di spicco dei Borbone nelle rievocazioni che si tengono alla Reggia di Caserta e in giro per la Campania. Qui si mischiano alle persone comuni, disfacendo la realtà, aumentandola e creando un effetto spiazzante e buffo.

locandina Anime Borboniche

Il film si addentra dunque nel rapporto tra persone comuni e figuranti in costume del Settecento tra cui il protagonista, il cocchiere vestito di rosso interpretato da Ernesto Mahieux, lasciato a piedi dalla moglie (Susy Del Giudice) prima di raggiungere la Reggia di Caserta. Il povero uomo, vestito da cocchiere borbonico, senza portafoglio né telefono, avrà così una serie di incontri sorprendenti. Tra questi, Fra Giacinto, interpretato da Giobbe Covatta, alle prese con una madre in cerca di aiuto per il proprio figlio, interpretata da Margi Villa Del Priore, che suo malgrado si trova coinvolta nell’ironica contrapposizione tra figuranti e persone “in borghese”.

LEGGI ANCHE  V-Day, Fabbrocini e Triassi: 'Peccato per policlinici universitari campani non coinvolti'

Un personaggio che calza perfettamente alla verve comica dell’attrice napoletana che ha contribuito al film anche nell’organizzazione generale, diventata un’altra sua specializzazione professionale grazie alla spinta della gavetta nelle maestranze maturata negli anni con tante fiction di successo girate nella sua seconda città, Salerno, tra cui “Capri”, “Assunta Spina”, “2 imbroglioni e mezzo”, poi con il ruolo di location manager per film “Attenti al gorilla” di Luca Miniero fino alla collaborazione con una grande produzione come il film “Tenet” di Nolan girato in Costiera Amalfitana nel 2019.

Leggi anche: https://www.cronachedellacampania.it/2021/01/emergenza-sangue-in-campania-tanti-donatori-dopo-lappello-di-borrelli-e-simioli/?refresh_ce

Napoletana di nascita, salernitana di formazione e romana di adozione, classe 1975, attrice, regista, direttrice artistica, Margi Villa Del Priore lavora da 30 anni in teatro. Formatosi alla corte del Teatro Popolare Salernitano, per poi trasferirsi per anni tra Parigi e Clermont Ferrand, dopo aver frequentato l’Accademia Drammatica del Teatro Bellini a Napoli frequenta corsi di perfezionamento dell’attore e laboratori in tutto il mondo dall’Odin Teatret all’Accademia Silvio d’Amico a Roma, alla New York Film Academy Los Angeles, conseguendo due lauree in Scienze Politiche e in Storia e critica del cinema. Pasionaria interprete sul palco come nel grande e piccolo schermo, tra film e fiction, ha all’attivo anche sei regie e si prepara alla sua settima regia, lavorando nel frattempo anche come affiancamento alla produzione e organizzazione in film e fiction prestigiose. Il lavoro è la sua arte di vita.

Continua a leggere

Le Notizie più lette