Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Il primario del Cotugno in tv: ‘Con la zona rossa fatta prima avremmo avuto parecchi morti e contagiati in meno’

Pubblicato

il

primario del Cotugno in tv


“Se la zona rossa in Campania fosse stata fatta settimane fa avremmo avuto parecchi, ma parecchi morti in meno e in meno”. E’ il duro atto di accusa del professor Elio Manzillo, Responsabile U.O.S. di Malattie Infettive Emergenti e Riemergenti  dell’ospedale di Napoli.

Le dichiarazioni sono state rese stamane in diretta davanti alle telecamere di Agorà su Rai3. Il primario ha anche spiegato come la situazione  dell’affollamento degli ospedali di Napoli e in maniera particolare del non è affatto migliorata. “C’è anche gente che aspetta una notte in auto per essere ricoverata. E ora che comincia a fare freddo abbiamo dovuto fornire anche le coperte”, ha spiegato Manzillo. Ma il problema principale è che l’affollamento e il ritardo nelle cure è dovuto alla mancanza di personale e al mancato funzionamento della medicina di base e territoriale che costringe i a correre in ospedale non appena si presentano i sintomi.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: De Luca in tv: ‘Vogliono colpire me perché parlo chiaro. Del morto nel bagno a Milano nessuno ne parla’

Manzillo ha anche spiegato che attualmente al ci sono solo tre posti liberi in terapia intensiva, quelli in subintensiva sono tutti occupati e che ci sono 221 posti letto occupati da malati meno gravi dal covid e infine al pronto soccorso ci sono una ventina di degenti in attesa di essere ricoverati oltre a quelli curati all’esterno con l’ossigeno. E di fronte a questo quadro sanitario che continua ad essere preoccupante che Manzillo si è domandato: “E noi stiamo pensando a che Natale sarà?”. Per poi aggiungere:”Cosa succederà dal 3 dicembre in poi quando finirà la zona rossa?”.

Continua a leggere

PUBBLICITA

Attualità

L’Ad di Astrazeneca Italia: ‘Il nostro vaccino costa 3 euro e si conserva in casa’

Pubblicato

il

Astrazeneca Italia

L’Ad di Astrazeneca Italia: ‘Il nostro vaccino costa 3 euro e si conserva in casa’.

”Avrà una durata di sei mesi, potrà essere conservato anche nel frigo di casa a una temperatura di -2/8 gradi e costerà meno di 3 euro”. Lorenzo Wittum, amministratore delegato di AstraZeneca Italia, parla del vaccino anti-Covid realizzato da AstraZeneca, dallo Jenner Institute di Oxford e dall’italiana Irbm (Istituto di ricerche biomediche). ”Litri di vaccino sono già ad Anagni, vicino Roma, pronti ad essere infialati da uno dei nostri partner, Catalent”, annuncia Wittum, precisando che ”non mi sembra corretto fissare date” per l’arrivo di dosi complete in Italia.

”Stiamo lavorando sodo – aggiunge – per preparare il dossier da sottoporre all’agenzia europea del farmaco, l’Ema. I dati da analizzare sono 6-10 milioni e riguardano tutti i partecipanti, e dico tutti, arruolati nella sperimentazione. Quando li invieremo all’autorità regolatoria dobbiamo dare loro tutto il tempo per valutare. Certo è che una volta ricevuto il via libera siamo organizzati per ultimare la produzione di 3 miliardi di dosi. Ci stiamo preparando da fine maggio”. Riguardo gli annunci di Moderna e Pfizer/Biontech che hanno indicato i tempi di arrivo sul mercato e annunciato percentuali di efficacia superiori rispetto al vaccino AstraZeneca, Wittum afferma che ”questa è una gara contro la pandemia e per vincerla serve più di un vaccino. Serve una capacità produttiva tale da avere un alto numero di dosi sicure e efficaci. Ben venga la concorrenza. Ai nostri 3 miliardi di dosi si aggiungeranno il miliardo e 200 milioni di Pfizer/Biontech e altre centinaia di milioni di Moderna. La popolazione mondiale è di quasi 8 miliardi di persone. Abbiamo bisogno di più opportunità per proteggerci dal virus”.

”È sempre difficile stimare l’andamento delle sperimentazioni – aggiunge l’ad di AstraZeneca Italia -. Pensavamo di fare prima. Poi i tempi si sono allungati in quanto da maggio in poi l’epidemia ha rallentato e in estate in Gran Bretagna, dove si sono svolti una parte dei test, il virus era poco diffuso dunque era difficile verificare se il vaccino funzionava”. Riguardo all’efficacia del vaccino, ”siamo molto contenti, il 90% è un dato molto significativo ma anche il 70% va considerato un risultato eccezionale. Tenga presente che nessuno dei vaccinati ha sviluppato sintomi gravi né è stato ricoverato. Significa che, anche se si prende l’infezione, il vaccino protegge”. ”È un vaccino per tutti – conclude Wittum – anche per i Paesi a basso reddito. Ci siamo impegnati a fornire le dosi al costo necessario per sostenere i costi di produzione. Questa è una situazione senza precedenti. Il costo resterà lo stesso per i Paesi a basso reddito anche quando Covid-19 avrà smesso di essere un problema per il mondo”.

 

Continua a leggere

Le Notizie più lette