Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Calcio Napoli

Il Napoli e la città si coccolano la ‘stella’ di Insigne dopo le prestazioni in Nazionale

Pubblicato

il

insigne benevento napoli


 Una stella in , una stella nel Napoli pronta a tornare a brillare al San Paolo.

E’ Lorenzo a prendersi i riflettori nei giorni di avvicinamento alla sfida contro il Milan, una inattesa sfida da scudetto a guardare la classifica. ha dato tutto in , brillando contro Polonia e Bosnia e formando il pass alla final four di Nations League, e’ la stella di questa generazione azzurra ed e’ ormai pronto a sostenerne la responsabilita’. e’ alla nona stagione nel club che ama sin da bambino quando giocava in strada a Frattamaggiore, ma il rapporto con i non e’ mai stato facile: spesso e’ stato fischiato, spesso ha mandato a quel paese i dal campo. Una diatriba sopita ma viva, che aveva portato un paio di estati fa a guardarsi intorno per una svolta alla sua carriera, che lo aveva portato a firmare con il guru del mercato Raiola. Fibrillazioni passate, ma il genietto, oggi capitano azzurro, ricorda i momenti difficili e li ricorda anche al club a cui e’ rimasto fedele nonostante momenti di tensione come il no al ritiro dello scorso anno. Lorenzinho mettera’ da parte ricordi da domani quando tornera’ ad allenarsi per il match contro il Milan, mentre i che lo amano gli propongono un passo storico, prendere la dieci di , che nel Napoli e’ stata ritirata: “A Napoli e’ una divinita’ e quindi peserebbe a chiunque, ma non credo che sia giusto neanche darla ad altri perche’ e’ stata di Dio. In questo momento sono tutti comuni mortali, lasciamola dov’e'”, ha commentato oggi il suo manager Vincenzo Pisacane. La maglia sara’ ancora la 24 e vuole vincere con quella.

 

Continua a leggere

PUBBLICITA

Calcio Napoli

Europa League: il Napoli ora chiede i gol a Petagna

Pubblicato

il

Novanta minuti per sfondare, per farsi notare, per trovare un suo posto in questo Napoli.

La sfida di giovedi’ contro il Rijeka in Europa League e’ molto importante per gli azzurri ma in particolare per Andrea Petagna, che sembra avviato ad occupare il centro dell’attacco nella formazione di Gattuso. Osimhen e’ ancora ai box per il mal di schiena, oggi ha fatto palestra, terapie e un po’ di lavoro in campo sperando di recuperare per la Roma, quindi in Europa il 25nne triestino avra’ la sua chance da sfruttare fino in fondo. Petagna e’ del Napoli dal gennaio scorso, ha concluso la scorsa stagione alla Spal in prestito chiudendo con 12 gol che non sono riusciti a salvare i ferraresi, mentre quest’anno con il Napoli l’attaccante e’ andato in gol solo una volta, contro il Benevento. Ora da lui Gattuso e i cominciano a volere risposte vere, risposte da bomber. Il suo impiego sara’ in un Napoli con un profondo turn over, che provera’ a gestire al meglio le energie nel tour de force di fine autunno, con altri azzurri che scalpitano per trovare spazio, come Piotr Zielinski che dopo il rientro dal covid deve ancora trovare la forma giusta. Fuori per covid restano nel Napoli Hysaj e Rrhamani, ma ben piu’ grave e’ la situazione nel Rijeka che domani verra’ a Napoli senza otto giocatori positivi: “Abbiamo solo quattordici giocatori in rosa, di fatto mancano tutta la mediana e gran parte della difesa. Domani portero’ sull’aereo anche quattro ragazzi dalle giovanili. Oggi alla seduta eravamo in pochi, poi tanti sono anche rientrati dalle Nazionali”, ha detto il tecnico dei croati Rozan a Tuttomercatoweb.com. L’occasione e’ giusta per Petagna per cercare la via del gol, ma anche per il Napoli per scattare in testa alla classifica di Europa League in un girone equilibratissimo, con Az Alkmaar e Real Sociedad che sono appaiati agli azzurri a 6 punti e giovedi’ si sfideranno in Olanda.

 

Continua a leggere

Le Notizie più lette