Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Attualità

Il medico: ‘Maradona vorrebbe gia’ andarsene, ma lo teniamo qui’

Pubblicato

il

Maradona,il medico,lo teniamo qui


Il medico: ‘Maradona vorrebbe gia’ andarsene, ma lo teniamo qui’. Luque, ‘lo tratteniamo fino a domani, parla ed e’ molto lucido’.

 

“Il decorso di Diego Maradona continua a essere molto buono. La novita’ del giorno e’ che la Tac di controllo e’ stata eccellente. Siamo molto contenti e lui ha tanta voglia di andarsene dall’ospedale, anzi vuole proprio tornare a casa. Ma l’idea e’ di tenerlo comunque qui almeno un altro giorno”. Cosi’ il medico Leopoldo Luque, che cura l’ex fuoriclasse del Napoli e martedi’ scorso lo ha operato al cervello per un ematoma, ha fatto il punto della situazione sulle condizioni dell’illustre paziente, che vorrebbe gia’ lasciar la clinica in cui e’ ricoverato.

“Per i medici della clinica ci sarebbero le condizioni per dimetterlo – ha detto ancora Luque -, ma aspettiamo e vogliamo trattenerlo fino a domani. Diego puo’ camminare, parla con me e lo vediamo molto piu’ lucido. Ovviamente e’ molto presto, ma il suo recupero e’ eccellente per noi e quando sara’ dimesso, sara’ comunque tenuto sotto controllo nella sua abitazione”. Intanto decine di tifosi continuano a stazionare, con striscioni, fuori dalla clinica dove il campione del mondo ’86 e’ ricoverato.

Continua a leggere
Pubblicità

Attualità

UNICEF lancia il più grande appello di raccolta fondi di emergenza di sempre per oltre 190 milioni di bambini

Pubblicato

il

Pubblicità'

unicef
Foto da Google
Pubblicità'

L’UNICEF lancia oggi il suo più grande appello di raccolta fondi di emergenza di sempre, per un totale di 6,4 miliardi di dollari per raggiungere 300 milioni di persone, compresi più di 190 milioni di bambini, con aiuti e servizi essenziali fino alla fine del 2021.

Questo appello è aumentato del 35% rispetto a quello del 2020 e riflette l’aumento dei bisogni umanitari a livello globale a causa di crisi protratte e della pandemia da COVID-19.

“Quando una pandemia devastante coincide con conflitti, cambiamenti climatici, disastri e sfollamento, le conseguenze per i bambini possono essere catastrofiche”, ha dichiarato Henrietta Fore, Direttore generale dell’UNICEF. “Oggi stiamo affrontando un’emergenza per i diritti dei bambini, in cui il COVID-19 e altre crisi si combinano e privano i bambini della loro salute e del loro benessere. Questa situazione senza precedenti richiede una risposta senza precedenti. Stiamo chiedendo ai nostri donatori di unirsi a noi, in modo da aiutare insieme i bambini del mondo a superare questi tempi bui ed evitare di perdere un’intera generazione.”

La pandemia da COVID-19 continua a sconvolgere le vite dei bambini, soprattutto dei più vulnerabili. I servizi di vaccinazione di routine per i bambini sono stati interrotti in più di 60 paesi, mentre circa 250 milioni di studenti nel mondo continuano ad essere colpiti dalla chiusura delle scuole a causa del COVID-19. L’instabilità economica sta interrompendo i servizi di base, sta rendendo più difficile alle famiglie rispondere ai bisogni e sta aumentando i rischi di violenza domestica e di genere.

Nel frattempo, nel 2020 sono emerse nuove crisi umanitarie. A causa del conflitto nella regione del Tigray, in Etiopia 2,8 milioni di persone hanno urgente bisogno di assistenza. Oltre 425.000 persone, fra cui 191.000 bambini, nella provincia di Cabo Delgado in Mozambico, sono sfollate. Notizie di uccisioni, rapimenti, reclutamenti e utilizzo di bambini come soldati sono in aumento. Inoltre, potenti tempeste hanno devastato le comunità vulnerabili in America Centrale e Asia orientale (in particolare nelle Filippine, in Vietnam e in Cambogia), colpendo rispettivamente, 2,6 milioni e 13,4 milioni di bambini.

La pandemia nel frattempo ha peggiorato emergenze protratte nel tempo in paesi come Afghanistan, Bangladesh, Burkina Faso, Rep. Dem. Del Congo, Libia, Sud Sudan, Ucraina e Venezuela. Il prossimo marzo sarà il 10° anno dall’inizio del conflitto in Siria e il 6° dello Yemen, a causa dei quali, soltanto in questi due paesi, 17 milioni di bambini hanno bisogno di assistenza umanitaria.

Il numero di disastri legati al clima è triplicato negli ultimi 30 anni, mettendo a rischio la sicurezza alimentare, incrementando la scarsità di acqua, costringendo le persone a lasciare le proprie case e aumentando rischi di conflitti ed emergenze di salute pubblica. Circa 36 milioni di bambini, il numero maggiore di sempre, vivono come sfollati a causa di conflitti, violenza e disastri. La malnutrizione tra i bambini è in crescita in diversi paesi nel mondo.

Come parte del Piano sull’Intervento Umanitario per i Bambini, alla base dell’appello 2021, l’UNICEF pianifica di raggiungere:

149 milioni di donne e ragazze e 7,4 milioni di bambini con disabilità;
6,3 milioni di bambini con cure per la malnutrizione acuta grave;
27,4 milioni di bambini con vaccinazioni contro il morbillo;
45 milioni di persone con accesso ad acqua sicura per bere, cucinare e per l’igiene personale;
19,2 milioni di bambini e di persone che se ne prendono cura con supporto psicosociale e per la salute mentale;
17 milioni di bambini e donne con accesso a interventi risposta, prevenzione o riduzione del rischio di violenza di genere;
93,3 milioni di bambini con istruzione formale e non formale, compreso l’apprendimento nella prima infanzia;
9,6 milioni di famiglie con assistenza in denaro.

Come parte della sua risposta al COVID-19, l’UNICEF ha predisposto una massiccia operazione di approvvigionamento e distribuzione del vaccino contro il COVID-19 quando sarà disponibile, con particolare attenzione all’equità per raggiungere i bambini e le famiglie più vulnerabili. Questi sforzi comprendono un coordinamento con le principali compagnie aeree e di trasporto merci globali per intensificare le operazioni di distribuzione dei vaccini in più di 92 paesi nel mondo, appena saranno disponibili. L’UNICEF sta anche guidando gli sforzi per aiutare i governi ad essere pronti a somministrare i vaccini – anche attraverso il preposizionamento delle siringhe, la mappatura delle attrezzature per la catena del freddo e la lotta contro la disinformazione.

I primi 5 appelli per richiesta di fondi per il 2021 riguardano i rifugiati siriani (1 miliardo di dollari), lo Yemen (576,9 milioni di dollari), la Repubblica Democratica del Congo (384,4 milioni di dollari), la Siria (330,8 milioni di dollari) e il Venezuela (201,8 milioni di dollari).

Mettere le organizzazioni nazionali e locali al centro delle operazioni umanitarie è la strategia chiave della risposta umanitaria dell’UNICEF. I risultati principali del 2020 sono stati raggiunti grazie alle collaborazioni dell’UNICEF, che comprendono team umanitari nei paesi, agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni della società civile e non governative, interlocutori nazionali e locali e partner per la risposta.

I principali risultati comprendono:

1,5 milioni di bambini curati da malnutrizione acuta grave;
3,4 milioni di bambini vaccinati contro il morbillo;
3 miliardi di persone raggiunte con messaggi di prevenzione e accesso a servizi per il COVID-19;
1,8 milioni di operatori sanitari hanno ricevuto dispositivi di protezione individuale;
45,5 milioni di famiglie hanno beneficiato di nuove o ulteriori misure di assistenza fornite dai governi con il supporto dell’UNICEF per rispondere al COVID-19;
Sono stati distribuiti 2,5 milioni di kit per test per il COVID-19 in 56 paesi.

Le Notizie più lette