Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

Gaetano Barbuto di nuovo in difficili condizioni ricoverato al Cardarelli, grave infezione in atto

Pubblicato

il

gaetano barbuto


di nuovo in difficili condizioni al , grave infezione in atto. Borrelli e Simiolii:” La magistratura deve far presto, il ragazzo rischia di morire ed ancora non ha avuto giustizia. Chi sa, parli.”

, il 21enne che ha perduto le gambe in seguito ad un’aggressione con un’arma da fuoco lo scorso settembre, è di nuovo in difficili condizioni.

Infatti il ragazzo è presso l’ospedale a seguito di una grave infezione.

A raccontarlo sono i familiari del 21enne che si sono rivolti al Consigliere Regionale di Europa verde Francesco Emilio Borrelli, che sin dal principio segue la vicenda ed ha offerto sostegno e solidarietà: “ C’è un forte infezione in atto. Il chirurgo e l’infettivologo ci devono far sapere di più. Dobbiamo sperare e pregare. Mentre Gaetano rischia di morire ancora non abbiamo avuto giustizia per quello che gli hanno fatto.”

Durante la trasmissione radiofonica “La Radiazza” il Consigliere Borrelli ed il conduttore Gianni Simioli hanno lanciato un appello: “La magistratura e le forze dell’ordine devono far presto, vogliamo verità e giustizia, bisogna affrettarsi, Gaetano rischia la vita.

Chi sa qualcosa di quella tragica notte, parli, si faccia avanti ed aiuti a far luce e a trovare i responsabili

Ora siamo tutti vicini alla sua famiglia e preghiamo per il ragazzo che proprio l’altro giorno ha festeggiato il suo primo compleanno in ospedale e senza più le gambe”

Continua a leggere

PUBBLICITA

Cronaca Napoli

Napoli, sequestrati a Gianturco 15mila dispositivi sanitari non a norma

Pubblicato

il

sequestrati a Gianturco 15mila dispositivi sanitari non a norma

Il Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Napoli, ha sottoposto a sequestro nella zona industriale del capoluogo, quartiere Gianturco, 14.800 dispositivi sanitari non a norma, pronti per essere messi in vendita.

In particolare, le Fiamme Gialle del 2° Nucleo Operativo Metropolitano hanno riscontrato che tutte le mascherine chirurgiche, erano prive del numero dell’Ente garante della conformità, delle indicazioni commerciali, nonché delle istruzioni obbligatorie in lingua italiana.

Si trattava sia di mascherine chirurgiche sia del tipo “KN95”. Segnalato alla Camera di Commercio il titolare, un 46enne di origine cinese, per violazioni al Codice del Consumo.
L’attività di servizio testimonia il costante impegno della Guardia di Finanza di Napoli nel contrasto agli illeciti nel settore della sicurezza prodotti, finalizzato alla tutela dell’economia legale e della salute dei consumatori.

Continua a leggere

Le Notizie più lette