Alla Facoltà teologica San Tommaso di Napoli, otto incontri sull’enciclica di Papa Francesco con ospiti internazionali per una rilettura interreligiosa e interculturale

Domani, 24 novembre, alle ore 19.30, sulla pagina Facebook ufficiale della sezione San Tommaso d’Aquino della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale (PFTIM), prenderà il via Fratelli tutti… Dialogo – Carità – Giustizia, un ciclo di webinar (seminari in rete) per offrire una rilettura a più voci della lettera enciclica di Papa Francesco sulla fraternità e l’amicizia sociale.

Otto appuntamenti da novembre ad aprile, organizzati dal laboratorio Fede-Ragione-Religioni della Facoltà. Otto incontri con ospiti internazionali di diverse fedi e culture, per rileggere e commentare insieme altrettanti passaggi salienti dell’enciclica, evidenziandone i nodi focali, le possibili implicazioni e le probabili ricadute sociali.

Il primo seminario, trasmesso in diretta domani alle 19.30, intitolato Oltre un mondo chiuso, verterà su molteplici tematiche, quali: Il superamento delle frontiere: Francesco e il Sultano, un modello ancora valido?; Aprirsi al mondo senza paure: diritti umani e accoglienza degli ultimi; Alla ricerca di una rotta comune: il bisogno del fratello e della sorella; Per una comunicazione interpersonale: rapporti digitali e reciprocità stabile. Prenderanno parte ai lavori di questo primo appuntamento il Decano della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale sezione San Tommaso, don Francesco Asti, l’imam e ambasciatore di pace Nader Akkad, il teologo padre Edoardo Scognamiglio, docente presso la PFTIM, e la diacona Alessandra Trotta, moderatora della Tavola Valdese, moderati dal professor Michele Giustiniano, responsabile dell’ufficio stampa della Pontificia Facoltà.

«Il sogno della fraternità universale – ha dichiarato padre Edoardo Scognamiglio, promotore dell’iniziativa – è una sfida che appartiene non solo alle Chiese ma all’intera umanità. Se è vero, come ama ripetere Papa Francesco, che il cristianesimo può trasformare il mondo solo se si fa Vangelo, allora il dialogo tra popoli, fedi, culture e giustizia riguarda ogni compagine sociale. È in questa prospettiva che abbiamo progettato gli otto incontri (webinar) in collaborazione con il Centro Studi Francescani per il Dialogo Interreligioso e le culture di Maddaloni (Ce) da me diretto. La fraternità, tra il già e il non ancora, è uno spazio di amicizia e di dialogo ove ci prendiamo cura gli uni degli altri senza escludere nessuno, divenendo consapevoli che, se pur tra mille difficoltà e tensioni, le diversità sono una grande risorsa per tutti noi e che è possibile accoglierle per diventare veramente umani, ossia persone riconciliate, aperte al senso più profondo dell’esistenza».

LEGGI ANCHE  Rubano 800 carte d'identità, nel Cilento arrestati 2 pregiudicati

«Con l’enciclica Fratelli tutti – ha commentato il Decano, don Francesco Asti – Papa Francesco ci ricorda una verità evangelica troppo spesso dimenticata: l’amore per il prossimo non può conoscere frontiere o essere condizionato da steccati ideologici e nomenclature religiose. È universale per definizione o non è. Questo ciclo di seminari vuole valorizzare tale verità, offrendo indicazioni per incarnarla nell’oggi della vita delle comunità».

La partecipazione al seminario è aperta a tutti e gratuita: basta collegarsi alla pagina Facebook ufficiale della Pontificia Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale – Sez. San Tommaso.

Leggi anche: https://www.vaticannews.va/it/papa/news/2020-10/enciclica-fratelli-tutti-papa-francesco-sintesi-fraternita.html


Iscriviti alla Newsletter per leggere le ultime notizie

Il Covid uccide un giovane di 36 anni in provincia di Benevento

Notizia Precedente

L’Orsa accusa: ‘La Circumvesuviana oggi ha toccato il fondo’

Prossima Notizia

Altro Cultura


Ti potrebbe interessare..