Foto da google


Cambiano i Dpcm, cambiano i colori delle Regioni, ma purtroppo per i consumatori non cambiano i comportamenti scorretti delle compagnie aeree sui .

Un problema che si trascina da mesi e che non sembra trovare una soluzione, nonostante i richiami giunti da istituzioni e autorità. L’ultimo caso riguarda , nei cui confronti l’associazione ha deciso di avviare una .

“Nonostante ci sia un Dpcm che vieta espressamente gli spostamenti tra alcune Regioni – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di – la compagnia aerea si ostina a non voler riconoscere il rimborso del biglietto a chi non può partire. È semplicemente assurdo, oltre che grave. Abbiamo deciso di avviare una per tutelare i consumatori, ingiustamente danneggiati”.

“Avevamo chiesto a – aggiunge Stefano Gallotta, Responsabile Trasporti e Turismo di – di porre fine a questo comportamento scorretto. Dopo l’intervento dell’Enac, che nelle scorse settimane aveva ribadito l’obbligo di rimborso del biglietto ai passeggeri che non possono usufruire dei voli a causa delle restrizioni anti Covid-19, ci aspettavamo un cambio di rotta da parte della compagnia, che però non c’è stato. Continuiamo a ricevere segnalazioni di consumatori che non possono partire e si vedono negare il rimborso del biglietto. Di fronte a questo abuso e all’indifferenza di non ci resta che passare alla linea dura, facendo partire la ”.

L’iniziativa avviata da Codici ha come obiettivo il rimborso integrale e il congruo risarcimento per i passeggeri costretti a rinunciare al volo acquistato con Ryanair in virtù delle disposizioni in materia di spostamenti previste dall’ultimo Dpcm. Si tratta, quindi, delle prenotazioni con partenze nel periodo tra il 6 novembre ed il 3 dicembre. È possibile partecipare alla class action compilando il modulo disponibile sul sito dell’associazione www.codici.org oppure scrivendo a segreteria.sportello@codici.org o telefonando allo 06.55.71.996.



Cronache Tv



Ultimi Video dai TG

Ti potrebbe interessare..