Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca

Cocaina e hashish sequestrata nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Pubblicato

il

Santa Maria Capua Vetere,carcere,cocaina


Operazione antidroga eseguita dagli uomini della Polizia Penitenziaria del carcere di Santa Maria Capua Vetere: sequestrati circa 50 grammi tra hashish e cocaina.

 

“I poliziotti assegnati al settore colloqui hanno portato a segno l’ennesima operazione che insieme alle precedenti danno un segnale forte di senso di legalità e professionalità. Gli agenti del penitenziario sammaritano nonostante la cronica carenza organica ed il drammatico momento storico continuano a garantire l’ordine, la sicurezza e la legalità nell’istituto penitenziario casertano e lanciano con l’occasione un grido di allarme : chiedono rinforzi e maggiori strumenti per operare con dignità”. Lo comunicano il segretario regionale Osapp Campania, Vincenzo Palmieri e il vice Luigi Castaldo. E poi spiegano: “Il personale di Polizia Penitenziaria operante presso l’istituto sammaritano è stato oggetto di un periodo storico di attacchi mediatici che hanno destabilizzato il clima all’interno del carcere, ma nonostante ciò il poco personale ha reagito con alto senso del dovere e forte spirito di Corpo, mantenendo all’interno dell’istituto ordine e disciplina e garantendo il mandato istituzionale”.
Per il segretario generale Osapp Leo Beneduci: “Molti istituti penitenziari campani necessitano di risorse umane ed economiche per far fronte alle molteplici criticità accentuate maggiormente dal grave periodo epidemiologico.
Noi dell’Osapp Sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria maggiormente rappresentativo sul territorio, come da sempre, saremo portavoci delle grida di sofferenza dei baschi azzurri in prima linea affinché il Corpo di Polizia Penitenziaria sia onorato e gratificato nelle dovute aspettative”.

Continua a leggere
Pubblicità

Flash News

Il medico di Maradona accusato di omicidio colposo

Pubblicato

il

maradona,medico,omicidio colposo
foto da tyc sports

Il medico di Maradona accusato di omicidio colposo. Il fuoriclasse argentino ‘non sarebbe stato curato adeguatamente’ .

Leopoldo Luque, medico di Diego Armando Maradona, e’ stato accusato di omicidio colposo con l’ipotesi che il fuoriclasse argentino non sia stato curato adeguatamente: lo dicono fonti di polizia e giudiziarie all’agenzia argentina Telam. Al dottore sono stati letti i suoi diritti nel corso della perquisizione al suo domicilio, stamattina.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Inchiesta sulla morte di Maradona: lite in famiglia per l’eredità e spuntano altri 4 figli a Cuba

La notifica, precisano le fonti all’agenzia, non significa una convocazione da parte dei magistrati, ne’ fa scattare un arresto: viene solo informato che si indaga su di lui per il presunto reato. La Procura del sobborgo argentino di San Isidro, a Buenos Aires, ha ordinato di perquisire le proprieta’ del medico personale di Diego Armando Maradona, Leopoldo Luque, nel quadro delle indagini in corso sulla morte del calciatore. Secondo il comunicato del procuratore, “in virtu’ delle prove raccolte, si e’ ritenuto necessario richiedere perquisizioni presso l’abitazione e e l’ufficio del dottor Leopoldo Luque”.

I magistrati aggiungono che nel quadro delle indagini sono stati sentite diverse persone, compresi i parenti stretti del defunto. Nessun’altra precisazione e’ stata rilasciata sul motivo delle indagini, benche’ la morte della stella calcistica abbia scatenato polemiche sul ritardo dei soccorsi. Maradona e’ deceduto mercoledi’ 25 novembre all’eta’ di 60 anni per un attacco di cuore.

Continua a leggere

Flash News

Covid, in Campania 2022 nuovi casi, 36 morti e 1583 guariti

Pubblicato

il

Covid,nuovi casi Campania
foto di repertorio

Covid, in Campania 2022 nuovi casi, 36 morti e 1583 guariti.

ì Sono 2.022 i nuovi casi di covid emersi nelle ultime 24 ore in Campania dall’analisi di 19.063 tamponi. La percentuale di tamponi positivi sul totale dei tamponi analizzati è pari al 10,6%. Dei 2.022 nuovi positivi, 161 sono i sintomatici e 1.861 sono gli asintomatici. Il totale dei positivi in Campania dall’inizio dell’emergenza sale a 153.693, mentre i tamponi complessivamente analizzati sono 1.571.873.

Nel bollettino odierno dell’Unità di crisi della Regione Campania sono inseriti 36 nuovi decessi, 11 dei quali avvenuti nelle ultime 48 ore e 25 deceduti in precedenza ma registrati ieri. Il totale dei deceduti in Campania dall’inizio dell’emergenza covid è 1.631. Sono 1.583 i nuovi guariti: il totale dei guariti è 47.276.

Continua a leggere

Le Notizie più lette