Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Napoli

Bimbo di 6 anni guarisce da epatite C e leucemia a Napoli

Pubblicato

il

bimbo guarisce epatite c


E’ arrivato due anni fa a dal Venezuela per curare un tumore al sangue. Ha ora sei anni e nel suo paese aveva ricevuto una diagnosi di leucemia linfoblastica acuta, una malatia a progressione rapida.

Il piccolo e’ stato affidato alle cure degli ematologi dell’ospedale pediatrico Santobono-Pausilipon che propongono, come strategia per sconfiggere la malattia leucemica recidivante, un trapianto di cellule staminali. Ma a rendere difficile l’avvio del programma terapeutico e’ la presenza di un’infezione da virus dell’, contratta dal piccolo durante le cure effettuate per debellare la leucemia, che rischia di compromettere severamente il fegato nell’immediato periodo pre- e post-trapianto di cellule staminali.

L’equipe dell’Epatologia pediatrica dell’azienda universitaria Federico II guidata da Raffaele Iorio, dato che l’utilizzo dei nuovi farmaci antivirali per l’ e’ autorizzato dall’eta’ di 12 anni, con una collaborazione con il reparto di Trapianto di midollo osseo del Santobono-Pausilipon, ha avviato il complesso iter per sostenere la fattibilita’ di un trattamento farmacologico a base dell’antivirale sofosbuvir-ledipasvir. Ottenuta l’approvazione del Comitato Etico, Iorio, insieme a Fabiola Di Dato, specialista in pediatria e dottoranda di ricerca, ha contattato la casa farmaceutica, che fornisce gratuitamente il farmaco per il piccolo. Il bambino, persistentemente infetto dal virus dell’, pero’ non puo’ piu’ aspettare e il trapianto di cellule staminali effettuato. Gli ematologi del Santobono-Pausilipon decidono di operarlo, mettendo sotto il controllo del processo leucemico., mentre il virus dell’ continua a replicarsi. L’equipe della Federico II interviene proprio durante il periodo buio del lockdown e il bambino inizia le sue dodici settimane di terapia. Ora sta bene e presto tornera’ in Venezuela.


PUBBLICITA

Cronaca

Why Not, de Magistris condannato in sede civile per diffamazione

Pubblicato

il

why not de magistris condannato

Why Not, de Magistris condannato in sede civile per diffamazione.

Il sindaco di Luigi de Magistris, ex pm di Catanzaro, è stato condannato per diffamazione in sede civile dalla Corte d’Appello di Catanzaro. De Magistris era stato querelato dall’ex Gup distrettuale di Catanzaro, Abgail Mellace, e da suo marito, l’avvocato e imprenditore Maurizio Mottola d’Amato. L’ex pm di Catanzaro, la cui nota inchiesta “Why Not?” era stata svuotata di valenza probatoria proprio dal Gup Mellace, aveva infatti riportato sul suo blog due articoli contenenti frasi ritenute dai querelanti diffamatorie in quanto “false e parziali” e che riguardavano, fra l’altro, il coinvolgimento di Mottola, amministratore della società Impremed, nell’inchiesta “Splendor” condotta proprio a de Magistris.

Secondo Mottola, de Magistris, ad esempio, avrebbe omesso di riferire “l’esito” della vicenda processuale utilizzando espressioni “denigratorie e lesive della sua reputazione”. Il querelante, inoltre, ha precisato che l’ex pm non aveva nemmeno menzionato il fatto che la richiesta di misura cautelare era stata respinta dal Gip e che il processo, celebrato con rito abbreviato, si era concluso con l’assoluzione con formula piena. (Lro/Adnkronos) ISSN 2465 – 1222 23-NOV-20 20:43 NNNN

Continua a leggere

Le Notizie più lette