Aggiornato -

giovedì, Agosto 11, 2022

Aggiornato -

giovedì 11 Agosto 2022 - 14:20
HomeCronaca GiudiziariaPizzo e droga per il clan Cesarano: chiesti 150 anni di carcere

Pizzo e droga per il clan Cesarano: chiesti 150 anni di carcere

Oltre 150 anni di carcere sono stati richiesti dal pm Giuseppe Cimmarotta, della Dda di […]
google news

Oltre 150 anni di carcere sono stati richiesti dal pm Giuseppe Cimmarotta, della Dda di Napoli per capi e gregari del clan Cesarano di Castellammare accusati di estorsione e traffico di droga ai danni di imprenditori e commercianti della zona e in particolare del mercato dei fiori.

 

Per il boss Luigi Di Martino ‘o profeta, recluso al 41-bis sono stati chiesti 30 anni di carcere nonostante il processo si stia svolgendo con il rito abbreviato. Pesanti le richieste anche per gli altri. Ovvero  28 anni di carcere per Giovanni Cesarano,  detto Nicola, braccio destro di Di Martino, e 25 per Aniello Falanga, altro elemento apicale della cosca di Ponte Persica. Chiesti 12 anni di carcere anche per Felice Barra da Secondigliano, affiliato al clan Contini e ritenuto il fornitore di cocaina per conto dell’Alleanza, 10 anni per Francesco Mogavero, a sua volta elemento di spicco del clan Pecoraro-Renna di Eboli. E poi ancora chiesti 9 anni per Antonio Iezza e Vincenzo Amita, 8 anni e 6 mesi ciascuno per Claudio Pecoraro e Carmine Varriale, 8 anni per l’altro Luigi Di Martino detto ’o cifrone, infine 6 anni per Adelchi Quaranta.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:‘Ti siedono sulla sedia a rotelle’, così il clan Cesarano chiedeva il pizzo. I NOMI DEGLI ARRESTATI. IL VIDEO

Il blitz “Isaia” portato a termine dalla Guardia di Finanza a novembre dello scorso anno  con venti arresti. Si era scoperto che attraverso  i cognati incensurati di Di Martino, si imponeva il pizzo alle ditte del mercato dei fiori di Pompei-Castellammare che erano costrette ad utilizzare i servizi  della Engy Service per l’intermediazione, trasporto e carico-scarico merci. Le indagini erano partite grazie alla denuncia di un imprenditore di Castellammare di Stabia del settore delle “slot machines”

Redazione Cronache
Redazione Cronachehttps://www.cronachedellacampania.it
Siamo la redazione di Cronache della Campania. Sembra un account astratto ma possiamo assicurarvi che è sempre un umano a scrivere questi articoli, anzi più di uno ed è per questo usiamo questo account. Per conoscere la nostra Redazione visita la pagina "Redazione" sopra nel menù, o in fondo..Buona lettura!

La Newsletter di Cronache

Ogni giorno nella tua mail le ultime notizie

google news

Leggi anche

Oggi l’addio alla 15enne Raffaella: “Sarà lutto cittadino”

Pignataro Maggiore. Proclamato il lutto cittadino per i funerali di oggi della 15enne Raffaella Imbriano. Oggi saranno celebrati i funerali della ragazza che l’altra...

Allarme Coldiretti: “Col maltempo distrutti sino a 80 per cento raccolti”

Il maltempo con trombe d'aria, nubifragi, grandinate di dimensioni anomale e precipitazioni violente ha colpito a macchia di leopardo le campagne dal Lazio alla...

Alto impatto a Secondigliano: oltre 100 identificati

Secondigliano. Ieri gli agenti del Commissariato Secondigliano, i carabinieri della Stazione Secondigliano e i motociclisti del Nucleo Radiomobile, personale della Polizia Locale e i...

Il Covid-19 contagia sindaco di Cancello Arnone e la moglie

Il Covid-19 ha colpito - ancora una volta - il sindaco Raffaele Ambrosca e la moglie Marialuisa. Entrambi non hanno sintomi gravi e sperano...
spot_img

IN PRIMO PIANO

Pubblicita