Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


I fatti del giorno

Napoli, treni pieni e rischio contagio: protesta il comitato ‘Riaprite la Circum’

Pubblicato

in



Napoli. Treni strapieni e contagio: del comitato ‘Riaprite la Circum’ che ieri sera ha affisso striscioni nelle stazioni Eav di Porta Nolana e Garibaldi, ma anche all’esterno del palazzo del consiglio Regionale per chiedere più corse e una riorganizzazione della Circumvesuviana con maggiori controlli ai varchi.

”L’imposizione di far chiudere le attività commerciali ad orari prestabiliti, soprattutto nel week end – hanno detto i rappresentanti del comitato in una nota – sta contribuendo a distruggere quella parte della piccola imprenditoria locale che è sopravvissuta alle serrate dei mesi scorsi, ma volendola comunque giustificare come una norma atta a contenere i contagi non spiega comunque come si concili con gli assembramenti spaventosi che si creano a bordo dei treni e dei pullman: il governatore fino ad ora non ha speso una parola a riguardo e il suo fedelissimo Umberto De Gregorio non ha neanche accennato a segnalare lo stato delle cose tanto, a farne le spese, sono sempre i passeggeri degli ‘spostapoveri”’. ”Il Covid – prosegue il comunicato – può essere contratto tra una decina di ragazzi che si trovano fuori ad un bar ma non nei pienoni delle 7 di mattina nei vagoni treno, dove la gente si stringe al massimo per entrare. Nessuno prova alcun divertimento, è così da anni, la realtà dei fatti è che certi politici non possono capire cosa significhi fare di tutto per non arrivare tardi a lavoro. C’è urgente bisogno di personale che controlli gli ingressi nei treni, che esegua un controllo serio per allontanare chi a bordo non indossa le mascherine e, più di ogni altra cosa, servono più corse giornaliere. De Luca e la sua giunta mostrino ora i muscoli, mettano in guardia l’Eav come ha fatto con i sindaci, facciano vedere che la prevenzione del contagio e’ un fatto importante e non solo un motivo per fare propaganda”.

Continua a leggere
Pubblicità

Cronaca Napoli

Due vittime della strada in poche ore a Napoli

Pubblicato

in

Due vittime della strada in poche ore a Napoli nella giornata di ieri.

La prima vittima è il giovane artista Michele Silenti 35 anni che è stato investito mentre attraversava la strada insieme con la sua fidanzata in piazza Poderico.

Una Volkswagen è piombata sui due uccidendo sul colpo Michele Silenti .La sua fidanzata invece è stata trasportata all’Ospedale del Mare dal 118 con una ferita lacero-contusa alla lesta ma non sarebbe in pericolo di vita. Alla guida dell’auto vi era un uomo di 59enne. L’uomo è stato sottoposto agli esami di rito per accertare che fosse lucido.  Gli agenti del comando di polizia municipale di Napoli stanno cercando di accertare l’esatta dinamica dell’incidente sia ascoltando i testimone sia attraverso la visione delle immagini delle telecamere pubbliche e private della zona.

Il secondo incidente mortale è avvenuto in serata in via Fracanzano, al Vomero. Uno uomo è morto per le gravi ferite riportate nella caduta della sua Vespa sulla quale si trovava insieme con la moglie che  ha riportato solo lievi ferite. Secondo una prima ricostruzione la vespa sarebbe stata urtata da un’auto provocandone la caduta. Ora i vigili urbani stanno cercando di ricostruire la dinamica e risalire all’auto pirata che ha fatto perdere le tracce.

 

Continua a leggere

Flash News

Oggi altro record con 3186 casi positivi in Campania, liberi solo 115 posti letto

Pubblicato

in

posti letto

Ospedali sotto stress in Campania soprattutto in relazione ai ricoveri di pazienti Covid in degenza ordinaria. Ad oggi i posti letto occupati sono 1.385, 88 piu’ di ieri, su 1.500 attivabili in totale.

 

Ne restano quindi liberi soltanto 115. È quanto si evince dal report quotidiano diffuso dall’unita’ di crisi regionale. I posti letto di terapia intensiva occupati sono 161, tre meno di ieri, su 227 attivabili per pazienti Covid e 580 disponibili complessivamente in Campania.

Situazione che si prefigura drammatica alla luce dell’ultimo bollettino della Unità di crisi della Regione Campania nonostante le rassicurazioni di De Luca e il lavoro delle Asl e degli ospedali a reperire posti letto. “Ci stiamo preparando a triplicare posti degenza e terapie intensive. Ne abbiamo gia’ 530 pronti, aspettiamo i medici anestesisti che abbiamo chiesto per poter aprire quantita’ importante di terapie intensive. Abbiamo stress su posti letto negli ospedali e ricoveri. “Per quanto riguarda terapie intensive, a marzo massimo 135 pazienti. Gia’ oggi abbiamo 164 ricoveri e ripeto, non siamo al livello piu’ alto. Il peggio deve ancora venire”.Ha affermato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nella diretta social.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Ennesimo boom di casi Covid in Italia: superata quota 31mila e 199 decessi

In Campania nelle ultime 24 ore record di contagi al Covid-19, facendo registrare un nuovo incremento: sono 3.186 positivi. I deceduti, tra il 28 e il 29 ottobre, sono 15 e i guariti 525. A comunicarlo l’Unità di crisi regionale. Il numero dei contagiati da inizio epidemia sale a 52.071 mentre i deceduti sono 659. Aumentano anche i guariti che sono 11.062. I tamponi complessivi 937.974 di cui 18.656 eseguiti nella giornata di ieri. Il report dei posti letto su base regionale di terapia intensiva sono complessivamente 580, mentre i posti letto Covid sono: 227 quelli in terapia intensiva attivabili, mentre 161 quelli occupati; i posti letto di degenza attivabili 1.500, di cui 1.385 quelli occupati.

Continua a leggere

Le Notizie più lette