Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Cronaca Campania

Liquami scaricati nel fiume: denunciato il titolare di un’azienda di Pontecagnano

Pubblicato

in



Liquami scaricati nel fiume: denunciato il titolare di un’azienda di Pontecagnano
Nell’ambito dei controlli a tutela dell’ambiente, la Guardia di Finanza di Salerno ha denunciato il titolare di un’impresa agricola, responsabile dello smaltimento illecito di scarti di lavorazione ed altre sostanze inquinanti. Le Fiamme Gialle della 1a Compagnia sono intervenute d’iniziativa quando, nei giorni scorsi, hanno individuato degli scarichi sospetti, provenienti da tubazioni interrate, installate proprio nei pressi dell’azienda con sede a Pontecagnano (SA), che produce, tra l’altro, latte e mozzarella di bufala. In base ai rilevamenti effettuati, il gestore dell’allevamento aveva predisposto una rete di caditoie e pozzetti, che riversavano i liquami in due distinti canali, per poi sfociare nei corsi d’acqua limitrofi. Il tutto senza preoccuparsi, naturalmente, dei gravi danni ambientali così provocati. Con le stesse modalità avveniva anche lo scolo dei reflui di prodotti chimici, altamente nocivi per la salute, utilizzati per la pulizia dei locali e delle attrezzature della sala mungitura. Al fine di arrestare il pericoloso sversamento dei liquidi contaminanti, che avrebbero continuato la loro corsa fino in mare, i militari hanno provveduto al sequestro delle condotte, imponendone la contestuale chiusura. Denunciato alla Procura della Repubblica di Salerno, l’imprenditore, che dovrà assicurare l’immediato ripristino delle condizioni per il corretto smaltimento dei liquami, rischia le sanzioni penali dell’arresto fino ad un anno e dell’ammenda fino a 26 mila euro. Appena due mesi fa, nella Piana del Sele, i Finanzieri della Compagnia di Eboli avevano concluso un intervento analogo, sequestrando 8 aziende zootecniche, non in regola con la normativa ambientale e, in alcuni casi, responsabili anche del maltrattamento degli animali.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Covid-19, seconda vittima a Somma Vesuviana

Pubblicato

in

Seconda vittima di Covid in cinque giorni a Somma Vesuviana, dove oggi e’ morta una anziana donna di 76 anni, che era ricoverata in ospedale, come il 73 enne deceduto domenica scorsa.

Lo rende noto il sindaco Salvatore Di Sarno, il quale lancia un appello ai medici di base a rendersi “rintracciabili anche al di fuori dell’orario di ricevimento negli studi”. “Purtroppo – ha detto il sindaco – mi giungono parecchie segnalazioni dai cittadini, in base alle quali i medici di base spesso non sarebbero rintracciabili. Questo e’ un momento drammatico in cui la figura del medico di base e’ centrale. Io capisco e comprendo il loro immane lavoro e sacrificio. Il mio pero’ e’ un appello chiaro, forte: siate rintracciabili anche al di fuori dell’orario di studio”.

Il sindaco – che nei giorni scorsi ha disposto la chiusura di tutte le scuole e del cimitero, in attesa dei nuovi dati del bollettino sanitario della Asl – ha ribadito il divieto assoluto di qualsiasi forma di aggregazione, compreso “il catechismo, i gruppi fuori ai bar, le riunioni al chiuso e all’aperto”. A Somma Vesuviana, fino a ieri, risultavano 329 positivi al Covid-19.

Continua a leggere

Salerno e Provincia

Disagi al “Da Procida” di Salerno. La rabbia degli infermieri in una lettera aperta

Pubblicato

in

«Siamo in guerra si ma a pagare sono gli infermieri del fronte “G. Da Procida”.

In un contesto già grave dove in Campania si registrano più di 2000 contagi al giorno, l’azienda ospedaliera Ruggi d’Aragona di Salerno manda al fronte infermieri neolaureati e neofiti in rianimazione Covid all’ospedale “Da Procida” senza la possibilità di essere affiancati da personale esperto di rianimazione. Questo stesso personale, tra l’altro in deficit di organico, non ha neanche la possibilità di avere un armadietto o una poltrona su cui potersi sgranchire 10 minuti. Vi è solo una stanza vuota dove poter appoggiare i propri oggetti personali senza nessuna custodia. Una situazione paradossale considerando che all’interno dell’azienda vi sono infermieri esperti di rianimazione (vedi infermieri della rianimazione dell’ospedale di cava) dove per qualche strano e ingiustificato motivo sono ancora al loro posto nonostante sia stata chiusa da diversi giorni.»

A questo si aggiunge la mancanza di divise e la stanchezza del personale che crea spesso anche incomprensione tra colleghi e medici, stressati dal superlavoro e dalle condizioni in cui si è costretti ad operare.

Intanto la Deputata Virginia Villani del MoVimento 5 Stelle: “A causa del boom di contagi in Provincia di Salerno, i pazienti Covid 19 in quarantena domiciliare nel territorio dell’Agro Sarnese Nocerino sono abbandonati a sé stessi: l’Asl Salerno intervenga con il potenziamento delle Usca e con risorse adeguate”.

il Comunicato Stampa ufficiale:

“In un momento così delicato, la collaborazione tra le istituzioni è fondamentale per raggiungere gli obiettivi di salvaguardia e tutela della salute dei cittadini. Dalle segnalazioni ricevute dai cittadini, emergono difficoltà di comunicazione tra ASL e medici di base: tali pazienti infatti, se non di propria iniziativa e con numerose difficoltà, lamentano la mancata possibilità di comunicare alle istituzioni sanitarie, l’insorgere di nuovi sintomi. Nonostante l’egregio lavoro del Dipartimento di Prevenzione dell’ASL Salerno, ritengo inopportuno, visto il numero elevato di positivi, concentrare la gestione dei casi Covid19 in quarantena domiciliare, nelle mani di una sola dirigente, come sta avvenendo ora. La dirigente interessata infatti, senza le adeguate risorse a disposizione, non riesce a rispondere alle esigenze di tutti, diventando molte volte irreperibile per i pazienti – dichiara la Deputata Villani – Inoltre, lo stesso personale Usca, non è in grado, per esiguità del numero di risorse disponibili, di rispondere a tutte le esigenze dei pazienti in quarantena domiciliare. I pazienti Covid19 interessati hanno segnalato la difficoltà di reperire beni di prima necessità al proprio domicilio, se non con l’aiuto di parenti. In tale modo però si espongono altre persone al rischio contagio e ciò è inaccettabile. Gli unici servizi garantiti sono quelli di raccolta speciale dei rifiuti in modalità porta a porta e di sanificazione dei locali, mentre gli altri servizi, come spesa a domicilio, fornitura di beni per l’igiene personale e di beni di prima necessità, non sono garantiti. Inoltre, non vi è neppure una tempestività di comunicazione in merito ai tamponi di controllo effettuati dai pazienti presso le strutture dell’ASL di Salerno, con ritardi ingiustificati che ledono il diritto dei degenti Covid19 di tornare alla loro vita dopo aver superato la patologia”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette