Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Economia

Fare trading senza preoccupazioni? Ecco come farlo rispettando la normativa in vigore

Pubblicato

in



Capita spesso, negli ultimi tempi, di sentir parlare del mercato Bitcoin come di un vero e proprio strumento che può portare ad avere un’altra fonte di reddito. È un argomento che certamente affascina, visto che sono sempre di più le persone che, negli ultimi tempi, hanno cercato informazioni e hanno voluto scoprire un po’ più da vicino questo mondo. Le monete digitali, d’altra parte, sono diventate uno di quegli argomenti che affascinano un po’ tutti e non c’è chiaramente da stupirsi se anche la Bce sta preparando l’euro digitale, con una decisione che arriverà, con ogni probabilità, nel 2021.

Una volta imparato a conoscere questo mercato, tante persone hanno capito come il tema della legalità non possa essere mai messo in secondo piano. Una tematica che sta a cuore soprattutto a tutti coloro che hanno intenzione di dare il via alla propria attività finanziaria che prevede di investire in maniera collegata rispetto alle criptovalute.

Ebbene, chi si affaccia per le prime volte su questo mercato si deve anche confrontare con la preoccupazione di capire come fare trading con le criptovalute in modo assolutamente legale. Al giorno d’oggi, anche i neofiti potranno trovare numerose piattaforme che propongono il trading criptovalute in modo semplice e decisamente affidabile. Vengono rispettati ormai elevati e rigorosi standard di sicurezza, così come sono cresciute anche le funzionalità e i vari strumenti che vengono messi a disposizione degli investitori.

La crescita di Bitcoin

È vero che, da una parte, i cripto asset si caratterizzano per avere una derivazione tipicamente senza regole e sono stati realizzati con l’intento di non dover subire alcun tipo di controllo, così come per non dover essere oggetto di politiche particolari e specifiche legate all’emissione razionata, imposte da dei sistemi di politica monetaria.

Non c’è chiaramente molta uniformità per quanto concerne il riconoscimento di questa moneta digitale a livello mondiale. In determinati Paesi, addirittura, si è lavorato per lungo tempo con l’intenzione di fermarne la diffusione e l’utilizzo. In altri Stati la situazione è completamente diversa, dove ad esempio in Cina, dove il Bitcoin sembra essere diventato un vero e proprio business per un numero sempre più alto di persone. Basti pensare che in Cina si concentra il 50% addirittura di tale valuta digitale: diversi addetti ai lavori sostengono come tale attenzione catalizzata sul Bitcoin corrisponderebbe in realtà alla volontà di aggirare tutte quelle limitazioni legate all’esportazione di capitale. In realtà, però, si tratta più che altro di un luogo comune, che spesso viene usato per camuffare una verità, ovvero che gran parte dei cinesi che fanno operazioni in Bitcoin hanno in mente solamente il business e nient’altro.

Quali sono i vantaggi di fare trading usando le criptovalute

Sfruttare i cripto asset per fare trading è una di quelle decisioni che vengono influenzate da diversi aspetti positivi. Prima di tutto, è importante mettere in evidenza come le possibilità che l’investimento possa andare a buon fine sono direttamente proporzionali con le competenze che caratterizzano il trader, così come l’andamento dei mercati.

È vero, d’altro canto, che a questo settore c’è la possibilità di avvicinarsi anche senza avere elevate competenze finanziarie, a patto che, però, come abbiamo già detto, si scelga di operare e investire su una piattaforma sicura e affidabile, che operi legalmente sul mercato italiano. È chiaro che il motivo principale per cui si è spinti a fare trading con il Bitcoin oppure con altre valute digitali, è legato al notevole grado di volatilità di questo mercato. Nel caso in cui il prezzo di un titolo si caratterizzi per avere un andamento frequentemente oscillatori, allora è chiaro che potranno essere aperte un numero di posizioni pari alle strategie che si possono mettere in atto.

Continua a leggere
Pubblicità

Economia

Esiste un modo sicuro per investire in bitcoin?

Pubblicato

in

Decidere di investire in criptovalute, e in particolare in bitcoin, può garantire guadagni interessanti solo a condizione che si adotti un approccio giusto. Per esempio, è utile partire dal presupposto che non tutte le operazioni potranno avere esito positivo: ecco perché sarà importante essere saggi e prudenti, facendo tesoro degli errori che si commetteranno. Un bravo investitore, per altro, non è solo uno spettatore, ma è a tutti gli effetti un attore del mercato, con una conoscenza approfondita dei bitcoin. Solo capendo come si possono superare le battute di arresto si può essere certi di trasformare le cadute in occasioni per crescere.

Il valore dell’esperienza

Anche se ci sono sistemi come quello promosso sul sito the-bitcoin-champions.com che promettono ricavi costanti senza fatica, è sempre importante approcciarsi al mercato contando sulla propria esperienza e sulla competenza che si è accumulata nel corso del tempo. La conoscenza è un patrimonio che merita di essere sfruttato, ed è per questo motivo che ci si deve impegnare per accumulare informazioni da utilizzare sia nel presente che nel futuro. Il tempo impiegato per documentarsi non è mai perso: anzi, vale sempre la pena di controllare e verificare i dati raccolti, così da poter riuscire a leggere l’andamento del mercato in modo più consapevole.

L’importanza di un piano

Quella degli investimenti in bitcoin si può rivelare un’avventura molto interessante e piacevole, ma soprattutto se si è alle prime armi in questo ambito conviene predisporre un piano su cui basarsi. Questo vuol dire, per esempio, capire e approfondire la ragione per cui si è deciso di investire: l’attività è un mero passatempo o l’obiettivo è quello di trasformarla in una vera e propria professione? E ancora: quanto tempo si è disposti a dedicare agli investimenti e allo studio che essi richiedono?

Come evitare gli errori

Per evitare di commettere errori è fondamentale riconoscere il profilo di investitore a cui si pensa di appartenere. Per coloro che si propongono obiettivi sul medio e sul lungo termine, per esempio, una risorsa molto preziosa è costituita dagli exchange di monete virtuali, a differenza dei cripto trader che, invece, dovranno puntare soprattutto sulle piattaforme di trading. È chiaro, poi, che al di là delle conoscenze tecniche non si può sottovalutare la componente emotiva, che negli investimenti finanziari ha un ruolo di primo piano: non tutti sono in grado di resistere allo stress, di sopportare la tensione e di rinunciare all’avidità che può innescarsi in presenza di operazioni che sono andate a buon fine.

Quanto investire

Ma quanti soldi è consigliabile investire in criptovalute? In questo caso la risposta è semplice: solo il capitale che ci si può permettere di perdere, e quindi il denaro di cui non si ha un effettivo bisogno. È evidente che tutti gli investimenti finanziari, a cominciare da quelli in bitcoin, presuppongono una certa dose di rischio: pertanto una eventuale perdita non deve essere deleteria per la quotidianità.

Trasformare i bitcoin in una rendita si può?

Con il passare dei mesi e degli anni si acquisirà una dimestichezza sempre maggiore con il mondo dei bitcoin. D’altro canto, essere esperti del settore non mette certo al riparo dai rischi, ma è comunque un buon trampolino di lancio, a maggior ragione per i neofiti che partono da zero. Lo sbaglio più grande che si possa commettere è quello di pensare che il trading di monete digitali consenta di diventare ricchi nel giro di pochi giorni o di poche settimane; ma al tempo stesso non ha senso chiudere la porta alle potenzialità di investimenti finanziari dalle occasioni infinite, anche nel prossimo avvenire.

Continua a leggere

Le Notizie più lette