Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy



Cronaca Campania

Delfini giocano nella zona A del Parco Marino a Punta Campanella. IL VIDEO

Pubblicato

il

delfini parco marino punta campanella


Delfini giocano nella zona A del Parco Marino. Avvistati ieri pomeriggio nei pressi del Vervece. L’ Amp Punta Campanella con LifeDelfi è impegnata in prima linea nella salvaguardia di questi splendidi mammiferi.

 

Un paio di delfini, forse più, che saltano e nuotano nella zona rossa a protezione integrale del Parco Marino di Punta Campanella. Sono stati avvistati ieri pomeriggio dall’equipaggio del Bikini Diving, di rientro da un’immersione nell’area marina protetta.

Gli esemplari di Tursiope si sono avvicinati all’imbarcazione a pochi metri dalla zona A del Vervece, lo scoglio celebre per la Madonnina sommersa dinanzi Marina della Lobra a Massa Lubrense.
Il Parco in questi mesi è impegnato proprio in un progetto di salvaguardia dei delfini nel Mediterraneo, LifeDelfi. Coordinato dal Cnr, vede la partecipazione di Legambiente, altre 3 aree marine protette e partner nazionali e internazionali. L’obiettivo è proteggere la specie nel Mediterraneo, sempre più minacciata dalle interazioni con il mondo della pesca.

https://www.facebook.com/1616145815297505/posts/2863568117221929/

Circa 300 delfini all’anno sono ritrovati morti lungo le coste del nostro paese. A Luglio scorso, 3 esemplari deceduti furono avvistati nel mare tra la costiera amalfitana e la penisola sorrentina. Due con evidenti ferite sul dorso, il terzo in avanzato stato di decomposizione nei pressi di una scogliera. Il progetto LifeDelfi intende coinvolgere i pescatori nella tutela dei delfini, attraverso l’utilizzo di dissuasori sonori e luminosi che possano tenerli lontani dalle reti e con l’uso di attrezzi da pesca a minore impatto. Previste anche squadre di soccorso per delfini feriti o in difficoltà. Il progetto, dopo un rallentamento dovuto al lockdown dei mesi scorsi, è ora in fase di realizzazione.

Continua a leggere
Pubblicità

Acerra

Maradona: la partitella nel fango ad Acerra con gol di mano

Pubblicato

il

maradona acerra

La mano di Dios si stava riscaldando. Prima ancora di beffare l’Inghilterra, Diego Armando Maradona provo’ a segnare “di mano” ma la rete gli fu annullata.

Era il 1985 e l’argentino accetto’ di giocare una partita di beneficenza ad Acerra nel Napoletano, per raccogliere fondi per un bambino malato. Ferlaino non gli diede l’ok per timore s’infortunasse, Diego, la gioco’ lo stesso, pago’ di tasca proprio a 12 milioni dell’assicurazione e si cambio’ in macchina, nel piazzale antistante un campetto di periferia, circondato dai tifosi. Diede spettacolo, come sempre. Pioveva il campo era un pantano e lui provo’ a segnare di mano. ”Gli annullai un gol fatto con la ‘manita de Dios’ , ma lui riconobbe l’errore e a fine partita si congratulo’ con me”.

Pasquale Castaldo, ex arbitro Figc, ed ex vigile urbano ad Acerra, ricorda benissimo la partita di beneficenza che vide in campo Diego Armando Maradona ed altri giocatori del Napoli, tra cui Pietro Puzone, che era tra gli organizzatori del match, per consentire ad un piccolo compaesano di effettuare un delicato intervento agli occhi. ”Maradona fece gol – ricorda Castaldo, oggi 64enne – e io ero in buona posizione, lo vidi che tiro’ dentro la palla con la sua ‘manina’. Fischiai, e pensarono tutti al fuorigioco, ma io gli feci segno con la mano, e lui mi diede ragione”. “A fine partita – racconta ancora l’ ex arbitro – Diego si congratulo’ con me. Fu una partita che non dimentichero’ mai. Ho raccontato questa storia ai miei figli prima ed ai miei nipoti poi, che portero’ sempre nel cuore. Sono tifoso del Napoli da sempre e per me e’ stato un sogno poter dirigere una partita con Maradona in campo”.

Continua a leggere

Capri

Maradona, la Piazzetta di Capri illuminata di azzurro in suo onore

Pubblicato

il

capri

Anche Capri rende omaggio alla memoria di Diego Armando Maradona. La famosa Piazzetta, nota in tutto il mondo, è stata illuminata di azzurro in onore del campione che, per sette anni, vestì la maglia del Napoli calcio.

Anche lo storico Campanile che si affaccia sulla stessa Piazzetta è stato colorato da un fascio di luce azzurra. L’iniziativa è stata voluta dal sindaco di Capri, Marino Lembo, e dall’assessore alle Politiche giovanili Salvatore Ciuccio e organizzata con i tifosi azzurri e il club dell’isola per ricordare il Pibe de oro e il suo legame con l’isola dei Faraglioni.

In Piazzetta il presidente del Napoli Club Isola di Capri, Costanzo Ruocco, i componenti del direttivo, i rappresentanti delle associazioni e del mondo sportivo isolano, ma anche amministratori ed esponenti delle istituzioni locali.

Continua a leggere

Le Notizie più lette