Seguici sui Social

Avellino e Provincia

Covid: paziente positivo, sanificazione e test nell’ospedale di Avellino

PUBBLICITA

Pubblicato

il


Covid: paziente positivo, sanificazione e test nell’ospedale di Avellino.

 

Nel corso dei controlli su tutti i pazienti ricoverati nell’Unita’ operativa di Oncologia Medica dell’azienda ospedaliera San Giuseppe Moscati di Avellino, partiti all’indomani della positivita’ al Covid-19 riscontrata in due degenti ospitati nella stessa stanza (di cui uno, residente in provincia di Napoli a sua volta contagiato presumibilmente da un familiare positivo asintomatico, e’ stato dimesso a domicilio lo scorso primo ottobre dopo aver dato comunicazione all’Asl di competenza), un solo tampone nasofaringeo, processato ieri pomeriggio, ha dato esito positivo.

Il paziente risultato affetto dal coronavirus e’ stato isolato insieme al suo compagno di camera, risultato negativo. Questa mattina, l’uomo, un 81enne di San Potito Ultra, e’ stato trasferito nel Covid hospital, riattivato nella giornata di ieri, quando si e’ provveduto a trasferirvi tutti i pazienti positivi al Covid-19. Il compagno di stanza del nuovo positivo e’ stato invece precauzionalmente isolato nell’Unita’ operativa di Malattie Infettive, dove, tra qualche giorno, ripetera’ il tampone nasofaringeo per escludere definitivamente l’ipotesi del contagio da contatto di caso.

LEGGI ANCHE  Vaccini, la Campania ha superato di nuovo il 100% delle dosi somministrate

Alla luce di quanto registrato, nell’Unita’ operativa di Oncologia Medica, gia’ nella tarda serata di ieri, ultimate le verifiche sui degenti, e’ stata disposta una sanificazione capillare degli ambienti e l’effettuazione dei tamponi al personale di reparto presente, che hanno dato esito negativo. Oggi sara’ completato lo screening di controllo sul restante personale assegnato all’Unita’ operativa.

 



Continua a leggere
Pubblicità

Avellino e Provincia

Bufera neve in Irpinia, comitiva di 40 persone con bambini salvata dopo ore

Pubblicato

il

Bufera neve in Irpinia, comitiva di 40 persone con bambini salvata dopo ore.

Avevano deciso di trascorrere la domenica nei boschi innevati del Mafariello, ma poi sono rimasti bloccati nella bufera di neve che si e’ scatenata a partire dal primo pomeriggio. Quaranta turisti, tra i quali anche bimbi di pochi mesi o di qualche anno, sono in attesa di essere messi in salvo dai carabinieri forestali, dai volontari e dei vigili del fuoco. Partecipavano ad una gita, ma sono stati sorpresi nel primo pomeriggio dalla abbondante nevicata.

Famiglie che si sono avventurate sulla montagna a ridosso di San Martino Valle Caudina per godere della nevicata precedente, senza avere i mezzi adeguati, pneumatici invernali o catene da neve. I soccorritori, dopo aver raggruppato tutti in un unico posto, hanno fatto la spola per trasferirli a San Martino al sicuro, in attesa di poter recuperare le auto rimaste bloccate. Sono tutti in buone condizioni anche se provati dalla brutta avventura.

LEGGI ANCHE  Il prefetto di Napoli nomina commissione indagini presso comune di Villaricca

La protezione civile locale si e’ attivata per dare assistenza. E la neve, che sta cadendo abbondante su tutta la provincia di Avellino, sta gia’ provocando disagi, soprattutto alla viabilita’. I mezzi spargisale e spazzaneve sono entrati in azione lungo le strade principali e lungo il tratto Irpino dell’autostrada A16 Napoli-Canosa, tra le uscite di Baiano e Lacedonia. In alcuni tratti si procede a rilento e si viaggia solo con le dotazioni invernali.

Continua a leggere

Le Notizie più lette