Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Coronavirus, il virologo Crisanti: ‘Possibile Lockdown a Natale’

Pubblicato

in



, il virologo Crisanti: ‘Possibile Lockdown a Natale’.

 

“Credo che un lockdown a Natale sia nell’ordine delle cose: si potrebbe risettare il sistema, abbassare la trasmissione del virus e aumentare il contact tracing. Così come siamo il sistema è saturo”. Così Andrea Crisanti, virologo dell’università di Padova a Studio 24 su Rainews citando l’esempio della Gran Bretagna che ha deciso di fare lockdown durante le vacanze scolastiche.

“Le terapie intensive sono in ritardo di una settimana, i morti di circa 20 giorni: con l’aumento dei contagi questi numeri peggioreranno.Forse più che le Regioni dobbiamo chiuse temporaneamente determinate aree di una regione, capire quali sono i luoghi dove ci sono più contagi. Se si generalizza si crea più danno che beneficio”, ha aggiunto.

La soluzione del dpcm sul calcio dilettanti “è un compromesso per accontentare interessi economici. Si sarebbero dovuti proibire tutti” gli incontri. Ha spiegato ancora Andrea Crisanti.

Intanto il nuovo decreto del presidente del Consiglio con le norme anti-COVID è stato pubblicato in Gazzetta ufficiale ed entra in vigore oggi. La nuova stretta prevede, tra le altre cose, l’obbligo di indossare la mascherina all’aperto. E impone la chiusura di bar e ristoranti a mezzanotte (dalle 21 in poi il servizio potrà essere effettuato solo al tavolo), il divieto di feste nei locali e la sospensione degli sport di squadra amatoriali come calcetto e basket e delle gite scolastiche. Per quanto riguarda le abitazioni private è fortemente raccomandato di evitare feste e di ricevere in casa un numero di persone non conviventi superiore a sei. Per i ricevimenti di matrimoni o battesimi il governo ha introdotto un limite di 30 invitati.

Continua a leggere
Pubblicità

Flash News

Incredibile: focolaio all’interno dell’ospedale covid di Boscotrecase, contagiati 41 tra medici e e infermieri

Pubblicato

in

Incredibile : è scoppiato un focolaio  addirittura all’interno dell’ospedale covid di Boscotrecase. Ci sono 41 contagiati tra medici e infermieri e perfino Carlo Gaudioso direttore della terapia sub intensiva risulta contagiato. I sindacati hanno chiesto di fermare i ricoveri.

 

Michele Maddaloni della Cgil e Gennaro Cesarano della Uil hanno scritto ai vertici dell’Asl Napoli 3 Sud sostenendo che “la situazione è insostenibile e per questo bisogna adottare dei correttivi sia per quanto riguarda i percorsi sporco-pulito, sia per quanto riguarda i dispositivi di protezione individuali (Dpi) che dovrebbero avere una tenuta di sicurezza molto alta. Non si riesce a capire la differenza della prima ondata di marzo, dove i contagi erano stati fortemente limitati, cosa stia accadendo. Probabilmente la ricerca di ampliare i posti letto può essere una concausa nella trasmissione dei contagi, i quali si succedono a ritmi incalzanti. Occorre agire subito”.
I sindacati chiedono “un immediato blocco dei ricoveri, e una altrettanta sospensione dell’apertura di nuovi posti letto, un celere impiego di personale da arruolare anche con provvedimenti extra, considerato che il numero dei posti letto da 34 è già stato portato a più di 80 e il personale che è stato immesso in servizio non è riuscito nemmeno a compensare le uscite dei lavoratori contagiati”. La direzione dell’Asl Napoli 3 Sud ha fatto partire un’indagine interna per capre se c’è stata una falla nel sistema e come sia potuta capitare una cosa del genere in un luogo dove la sicurezza del personale dovrebbe essere al primo posto. E’ partito anche uno screening su tutto il personale con tamponi a tappeto. Operazione che si concluderà nei primi giorni della prossima settimana.

Continua a leggere

Flash News

De Luca annuncia: ‘Ascierto capofila della ricerca per il vaccino su sequenza genetica’

Pubblicato

in

Vaccino ascierto

De Luca annuncia: ‘Ascierto capofila della ricerca per il vaccino su sequenza genetica’.

ì”Si sta lavorando alla preparazione di un vaccino sotto la direzione del dottore Ascierto del Pascale, d’intesa con lo Spallanzani di Roma e un altro ospedale di Milano”. Ne ha dato notizia il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca nel corso della diretta Facebook. “Capofila di questa ricerca – ha spiegato De Luca – è il dottor Ascierto, si sta lavorando per la produzione di un vaccino anti Covid che interviene sulla sequenza genetica del cittadino. E’ una ricerca di avanguardia che speriamo possa produrre risultati in tempi rapidi”.

Continua a leggere

Le Notizie più lette