Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Coronavirus: allarme a Pozzuoli per l’aumento dei contagi

Pubblicato

il

pozzuolisindaco


Coronavirus: allarme a Pozzuoli per l’aumento dei contagi

Il sindaco di Pozzuoli, Vincenzo Figliolia, ha convocato ‘ad horas’ il Comitato operativo di Protezione Civile per valutare tutte le azioni da intraprendere per contenere i contagi da Covid-19 in costante crescita in citta’. Nelle ultime 24 ore, secondo quanto ha informato lo stesso Figliolia, sono stati registrati 12 nuovi casi di cittadini positivi al virus. “Sono in isolamento domiciliare – informa il sindaco – e sono in contatto con il servizio Epidemiologico per la ricerca dei link”. La situazione generale desta molta preoccupazione perche’ negli ultimi 4 giorni a Pozzuoli si sono avuti complessivamente 23 nuovi casi di positivita’ che hanno portato il totale dei contagiati dall’inizio dell’epidemia a 235, di questi 150 da inizio agosto. Sotto osservazione anche il focolaio scoppiato in un centro di accoglienza extracomunitari a Licola mare tra i comuni di Pozzuoli e Giugliano. Registrati anche 4 guariti negli ultimi due giorni per cui la situazione, al momento, e’ 100 persone contagiate, 122 guarite e 13 decedute. Il sindaco in una nota sul proprio profilo facebook invita i suoi concittadini alla prudenza osservando le norme antiCovid e soprattutto ad evitare gli assembramenti. Nel resto dell’area flegrea si registrano negli ultimi giorni 12 contagiati a Bacoli e 31 a Quarto. Intanto da oggi e’ diventato operativo presso l’ospedale di Pozzuoli, S. Maria delle Grazie, il reparto di isolamento Covid-19 proprio per l’innalzamento dell’allerta in tutta la regione. Nei giorni scorsi era stato riaperto il reparto di isolamento presso l’ospedale di Frattamaggiore


PUBBLICITA

Benevento e Provincia

Il Covid uccide un giovane di 36 anni in provincia di Benevento

Pubblicato

il

Il Covid uccide un giovane di 36 anni in provincia di Benevento

Il Covid uccide un giovane di 36 anni in provincia di Benevento.

Un’altra giovane vittima di Covid in Campania. Ad Arpaia, piccolo centro del Sannio, in provincia di Benevento, è venuto a mancare Michele Izzo, 36 anni.
Il decesso è avvenuto oggi, 23 novembre all’ospedale “San Pio” di Benevento dove era ricoverato da 28 giorni. Le sue condizioni sono peggiorate ieri sera. Questa mattina, purtroppo il suo cuore ha smesso di battere. “Ciao Michele, la tua comunità piange il vuoto della tua assenza. Ci mancheranno la bontà, la generosità, l’allegria che ci hai donato durante la tua breve ma intensa vita.
Arpaia si stringe, nel dolore, a tua moglie, alle tue adorate figlie, ai tuoi genitori, a tuo fratello e a tutta la tua famiglia.
Vivrai per sempre nei nostri ricordi. Tu continua ad amarci. Il sindaco, l’amministrazione comunale e tutta la cittadinanza di Arpaia”. Questo il messaggio del primo cittadino Pasquale Fucci. Michele Izzo  lascia una moglie e due figli. È la prima vittima del Covid registrata nel comune di Arpaia. Tantissimi in queste ore i messaggi di cordoglio apparsi sui social.

Continua a leggere

Le Notizie più lette