Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità

Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy


Coronavirus

Ci sono 351 positivi al Covid a Portici e il sindaco Enzo Cuomo è guarito

Pubblicato

il

351 positivi al Covid a Portici


Ci sono 351 positivi al Covid a Portici, di cui 4 ospedalizzati mentre il sindaco è guarito essendo risultato negativo.

 

E’ stato lo stesso primo cittadino a comunicarlo e nel frattempo 8 ospiti della casa di riposo Pio XII sono risultati negativi al tampone e quindi guariti, 13 sono ancora positivi e 20 sono in attesa degli esiti dei tamponi di guarigione. Anche 6 operatori sono in attesa di tampone di guarigione, mentre continuano le periodiche attività di sanificazione della struttura.
Tutti le persone positive ed i loro familiari conviventi sono in isolamento domiciliare presso la propria abitazione, solo 4 persone sono ricoverate in Ospedale ma in Reparto Covid e non in terapia intensiva.

“Ho vissuto momenti e giorni difficili circondato ed avvolto dall’affetto e dalle attenzioni dei miei familiari e rincuorato dai bellissimi gesti di bambini e persone che neanche conosco personalmente”.Ha spiegato il primo cittadino nel post pubblicato sulla sua pagina istituzionale di facebook attraverso il quale annunciava la sua guarigione.

E poi ha continuato:  “La mia personale esperienza di Positivo al Covid, per fortuna con pochi sintomi, mi restituisce alla nostra Comunita’ piu’ forte e consapevole che con terapie disciplina e pazienza si batte questo maledetto e subdolo virus.
Adesso dobbiamo rafforzare le nostre attenzioni alle attività economiche in sofferenza sollecitando il Governo a velocizzare i ristori decretati a favore di chi sta subendo ingenti perdite nelle entrate, occorre che chi è positivo sia in isolamento domiciliare e faccia delle terapie adeguate facendosi consigliare dal proprio Medico di Famiglia, ma sopratutto si armi di pazienza e disciplina.
Continuero‘ ad offrire la nostra collaborazione istituzionale alla ASL le cui strutture si stanno mostrando, purtroppo, inadeguate a gestire una tale quantità di persone positive al covid nelle nostre Citta‘.
Questo è il momento della unità di intenti e proprio quando la sofferenza di tanti aumenta c’è bisogno di unire le istituzioni e le comunità e non dividerle”.

Continua a leggere
Pubblicità

Caserta e Provincia

Covid, protestano i sindaci del Casertano: negato ultimo saluto alle vittime

Pubblicato

il

Pubblicità'

covid casertano
Foto da Google

I diciassette sindaci del Casertano, facenti parte del comprensorio agro-aversano, che da settimane denunciano disservizi e disagi nell’assistenza sanitaria ai malati di Coronavirus, tornano a scrivere all’Asl di Caserta per segnalare come “ai morti per Covid e’ negato anche al diritto al riconoscimento”; i primi cittadini chiedono quindi un intervento del direttore dell’Asl di Caserta Ferdinando Russo.

“Molti cittadini che hanno dovuto piangere il decesso di un familiare, a causa di restrizioni imposte da precise disposizioni – scrivono gli amministratori locali – oltre a non poter visitare il proprio familiare durante il ricovero in ospedale, nei casi di decesso per Covid-19 non hanno avuto nemmeno il permesso di poter vedere per l’ultima volta il volto del loro familiare prima della chiusura della bara. Questo rende ancora piu’ dolorosa la dipartita di un familiare”.

I sindaci rivolgono quindi “un accorato appello” al direttore dell’Asl “affinche’ vengano date “disposizioni agli ospedali dell’Asl per consentire ad almeno un familiare di poter assistere, munito di tutte le disposizioni di sicurezza anti covid, alla deposizione in bara del corpo del familiare. Oppure, di farne richiesta presso le sedi deputate a decidere per questo gesto di umanita’ e pieta’”. A firmare la lettera i sindaci di Aversa, San Cipriano d’Aversa, Casal di Principe, San Marcellino, Parete, Trentola Ducenta, Lusciano, Villa Di Briano, Casapesenna, Villa Literno, Sant’Arpino, Cesa, Casaluce, Gricignano d’Aversa Carinaro, Teverola e Succivo.

Le Notizie più lette