Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Politica Campania

Democratici e Progressisti scrivono a De Luca: ‘Serve una figura che si occupi di arte, cultura e spettacolo’

Pubblicato

in



Democratici e Progressisti scrivono a De Luca: ‘Serve una figura che si occupi di arte, cultura e spettacolo’.

Porta la firma di Piera Violante Ruggi d’Aragona , , Roberta Capuano, Roberto De Micco e Corrado Martinangelo i cinque capilista di Democratici e Progressisti la lunga e dettagliata lettera che richiama l’attenzione del Presidente Vincenzo De Luca sulla delicata fase che vive il settore dell’Arte e della Cultura e dello Spettacolo in Campania. Settore” che rappresenta, per evidenti motivi, una componente fondamentale della nostra Regione, incarnando l’identità territoriale della Campania”.

“Noi, Democratici e Progressisti, abbiamo svolto -scrivono i capilista Violante, Capuano, Todisco, De Micco e Martinangelo – una serie di incontri e un’intensa attività di ascolto dei rappresentanti dei lavoratori del settore, delle Associazioni di categoria, dai quali sono emerse criticità e disfunzioni croniche, aggravate ulteriormente dall’emergenza coronavirus, che necessitano di soluzioni concrete’’. Assenza di un riferimento unico istituzionale, con cui operatori interagire , inadeguata e inefficace politica di gestione dei fondi, in assenza di ascolto, di comunicazione, di conoscenza delle peculiarità delle singole realtà territoriali e delle loro funzionalità da parte dell’Ente, eccessiva ed indiscriminata pressione fiscale sulle produzioni, che non tiene conto delle esigenze diversissime delle singole realtà locali, in assenza di una normativa efficace ed esaustiva, che tenga conto delle differenti esigenze, dei differenti potenziali produttivi e di guadagno, le criticità al centro della missiva inviata a Vincenzo De Luca.

‘’Il livello di sofferenza in questi settori è attualmente davvero inaccettabile, in particolare in una Regione come la nostra, in cui essi potrebbero costituire un ottimo punto di riferimento per il rilancio dell’economia locale, operando in un’ottica circolare, in sinergia con altri settori cruciali come l’artigianato, l’agroalimentare, il turismo, mediante appuntamenti periodici che vedano coinvolte tutte e cinque le province in una sorta di circuito produttivo, di un vera e propria filiera, che potrebbe attirare turisti e far conoscere i prodotti locali anche delle piccole realtà al grosso pubblico. Purtroppo molte realtà , che si mantengono esclusivamente con il loro stesso lavoro hanno chiuso, altre sono in procinto di chiudere, levando l’ossigeno della Cultura ad ambiti territoriali destinati, una volta abbandonati a se stessi, ad essere divorati dalla cancrena dell’ignoranza e della criminalità. Molte attività lavorative che si sviluppano intorno a questi settori stanno venendo meno. Chiudono Scuole d’Arte e Professioni della Tradizione Campana, perché soffrono delle stesse problematiche e dell’assenza di un riconoscimento da parte delle Istituzioni locali, di occasione di promozione delle attività e di vendita dei prodotti, oltre che della concorrenza di prodotti che vengono dall’estero, di pessima qualità, ma a prezzi competitivi, perché non soggetti a tassazioni assurde, non aderenti al reale incoming.

Pertanto richiediamo un impegno da parte della Regione, affinché dette criticità e fragilità vengano risolte, con azioni concrete, che potrebbero trovare esecuzione in un Assessorato dedicato ai settori suindicati e una figura istituzionale di riferimento unica, che coordini i vari organismi che si occupano dei settori in modo frammentario, che sostenga le iniziative, che funga anche da garante del monitoraggio delle attività a livello capillare, che favorisca azioni cooperative tra i settori, promuova e tuteli il lavoro nei vari ambiti, garantisca, stabilendone criteri precisi e condivisi, la trasparenza, la legalità e l’equità nella distribuzione e soprattutto nella destinazione dei fondi europei, che siano erogati in un’ottica non meramente assistenziale, ma nella prospettiva della costituzione di filiereproduttive, che vedano coinvolte pluralità di soggetti, che possano operare in sinergia e non in competizione gli uni con gli altri e restituire ricchezza e prestigio al Territorio e all’Ente

. Infine, per quanto riguarda la pressione fiscale, chiediamo che la Regione si faccia portavoce delle peculiari esigenze del nostro Territorio presso il Governo Centrale, proponendo misure a sostegno delle nostre attività, anche con l’eventuale istituzione di una tabella inerente gli oneri a carico degli imprenditori dei settori coinvolti, che tenga conto del reale potenziale di guadagno dei singoli soggetti, dei del costo del lavoro, nelle singole iniziative e che garantisca la Dignità dei lavoratori e incentivi coloro che il lavoro lo
creano, lo offrono, accollandosene rischi e oneri’’.

Continua a leggere
Pubblicità

Politica Campania

Mastella: ‘La giunta De Luca con qualità. Bene apertura a forze politiche’

Pubblicato

in

Mastella: “La giunta De Luca con qualità. Bene apertura a forze politiche. Ora attenzione ad aree interne e piano edilizia popolare “.

 

“De Luca ha nominato una giunta di qualita’ sia nella parte in cui c’e’ l’apertura alle forze politiche sia nel nostro caso con una scelta non prettamente politica”. Lo afferma Clemente Mastella, sindaco di Benevento, che con la lista Noi Campani ha contribuito al successo di De Luca alle elezioni regionali e ha indicato il docente universitario Felice Casucci, inserito in Giunta regionale come assessore al Turismo e semplificazione amministrativa. “Ora – spiega Mastella – si tratta di compattare tutti e avere una regia politica che sicuramente De Luca sapra’ attuare per raggiungere i traguardi ce ci aspettano nella Regione e verso le prossime elezioni amministrative anche in capoluoghi importanti come Napoli, Avellino e Salerno. Vedo una grande coesione che e’ la risposta a chi sbeffeggiava la coalizione composta da tante liste”.

Per Mastella dai colloqui di questi giorni De Luca sono arrivati “segnali importanti del lavoro che sara’ fatto sulle aree interne della Campania” e sara’ necessario anche che la Regione lanci “un nuovo piano Fanfani per l’edilizia popolare perche’ la situazione attuale non rispetta in moti casi la dignita’ dei cittadini”.

 

Continua a leggere



Pubblicità

DALLA HOME

Pubblicità

Iscriviti alla Newsletter

Inserisci la tua email:

Gestito da Google FeedBurner

Le Notizie più lette