Seguici sui Social
Privacy Policy Cookie Policy

Cronaca Salerno

Controlli antidroga a Salerno nella movida del sabato sera: 100 identificati

Pubblicato

in



Equipaggi cinofili antidroga a Salerno, controlli nel centro storico il sabato sera.

Servizio speciale da parte dei Carabinieri, sequestrate alcune dosi di marijuana.
Questa notte la Compagnia Carabinieri di Salerno ha svolto un servizio coordinato con l’impiego di 20 unità e di due equipaggi cinofili antidroga. Il servizio è stato organizzato in maniera autonoma dall’Arma dei Carabinieri per dare impulso ai controlli antiassembramento e sulla sicurezza in genere. Il dispositivo ha interessato principalmente le vie del centro storico, ove la presenza dei militari ha dato un forte impatto e percezione di sicurezza per il giusto svolgimento delle varie attività ricreative.

Sono state controllate oltre 100 persone appiedate, con il sequestro di alcune dosi di marijuana e relativa applicazione dell’articolo 75 sull’uso personale di stupefacenti. Il servizio ha interessato anche la trafficatissima piazza Concordia, dove sono stati realizzati posti di controllo con le unità Radiomobili e Cinofile. Il servizio ha interessato la fascia oraria dalle 23 sino alle 05 ed è autonomo e diverso dalle predisposizioni settimanali della Questura.

Continua a leggere
Pubblicità

Coronavirus

Coronavirus: undici casi nel centro migranti di Pontecagnano

Pubblicato

in

Coronavirus: undici casi nel centro migranti di Pontecagnano. Ci sono 11 casi di positivi al Covid-19 nel centro di accoglienza per richiedenti asilo e rifugiati di Pontecagnano Faiano, nel Salernitano.

 

Di questi, otto risultate contagiate oggi e altre tre nei giorni scorsi. Lo ha spiegato il sindaco, Giuseppe Lanzara, sulla sua pagina facebook:”Il centro è composto da un totale di 40 persone. Oltre quanto detto prima, i restanti ospiti sono stati tutti sottoposti a tampone, così come gli operatori e il personale, risultando tutti negativi.

Ringrazio i coordinatori della struttura di accoglienza perché, grazie alla loro collaborazione, abbiamo provveduto rapidamente all’immediato isolamento dei positivi. Gli stessi non presentano sintomi particolari e le loro condizioni non destano preoccupazione. Attraverso il lavoro sinergico con C.O.C. – Centro Operativo Comunale – e ASL, abbiamo effettuato con urgenza e in tempi brevissimi una mappatura chiara, tale da consentirci di mettere in campo tutte le misure utili ad arginare il pericolo contagio. Inoltre, come massima Autorità sanitaria sul territorio, ho chiesto immediatamente al Prefetto assistenza e presidio, attraverso le forze dell’ordine, per garantire il rispetto della quarantena obbligatoria.

Ripeto ancora che abbiamo bisogno della collaborazione di ogni singolo cittadino assumendo comportamenti responsabili. Le unità a disposizione delle Forze dell’Ordine non sono sufficienti a garantire un presidio fisso ad ogni angolo della Città, pertanto prevale il buon senso di ognuno di noi. Le norme possono essere essere eluse, il virus NO. Il pericolo di contagio è ancora presente e non va assolutamente sottovalutato”.

Continua a leggere



Cronaca Salerno

Fonderie Pisano, l’allarme del comitato: “Qui si muore: Correlazioni tra polveri sottili e Covid”

Pubblicato

in

L’associazione “Salute e Vita” torna a chiedere la chiusura della fabbrica di via Dei Greci e la pubblicazione dello studio Spes

Il Comitato e l’Associazione “Salute e Vita” ha inviato una lettera indirizzata al sindaco di Salerno, al presidente della Regione, a presidente del consiglio dei ministri, al Ministero della Salute, al Dipartimento di Protezione Civile, al Prefetto e all’Asl di Salerno (per conoscenza anche alla Procura e al Noe) per denunciare possibili correlazioni tra le polveri sottili che sarebbero emesse nell’aria dalle Fonderie Pisano e il Covid-19.

Facendo seguito alle comunicazioni relative all’attività delle Fonderie Pisano in piena emergenza Coronavirus “esprimono la propria amarezza in quanto, anche in un momento così difficile, in cui la Regione Campania si è vista costretta ad imporre persino all’aperto la mascherina a causa dell’aumento vertiginoso dei casi positivi di Coronavirus con l’intenzione di scongiurare un nuovo lockdown, ci sembra paradossale che, proprio in contemporanea, le Fonderie Pisano abbiano ripreso le proprie attività senza che nulla sia cambiato”. “Infatti, per l’intera giornata di venerdì 25 settembre, fino a tarda sera, con la ripresa delle attività delle fonderie, interi quartieri di Salerno, Pellezzano e Baronissi sono stati nuovamente invasi dall’odore acre e soffocante proveniente dalle Fonderie Pisano e dalle annesse polveri sottili, come risulta dalle centinaia di segnalazioni arrivate allo stesso Comitato e alle Forze dell’Ordine”.

Il Comitato e l’Associazione “Salute e Vita” intendono informare il presidente De Luca dei nuovi approfonditi studi, riportati su tutti i quotidiani nazionali, che sottolineano in maniera sempre più stringente il ruolo delle polveri sottili nella diffusione del Covid-19. “C’erano già chiare evidenze scientifiche che le polveri veicolino il virus: più alte sono le loro concentrazioni, maggiori sono i contagi. Il particolato atmosferico costituisce infatti un substrato che può permettere al virus di permanere nell’aria in condizioni vitali per tempi più lunghi, nell’ordine di ore o giorni. Adesso però, come riportato anche nel servizio di Presa Diretta – del 20 settembre 2020 – diversi ricercatori sostengono che, aver respirato per anni polveri sottili, rende più esposti al contagio e più grave il decorso della malattia. Dunque, non solo le polveri sottili rappresentano una sorta di “taxi” per andare ben più lontano delle famose goccioline emesse tossendo o anche solo parlando, ma l’esposizione di lungo periodo all’inquinamento atmosferico aumenta la vulnerabilità di chi è esposto al Covid-19, e ai contagiati causa forme di malattia più gravi”. Nello specifico, viene sottolineato che, “se si confrontano due aree geografiche molto simili, in cui l’unica differenza è un livello del particolato sottile più alto dell’altro, anche di poco, l’area che ha avuto storicamente un’esposizione maggiore all’inquinamento, ha un aumento della mortalità del Covid-19 dell’8%”. Per tale motivo, concludono gli studi, “è necessario ridurre al minimo le emissioni. Ciò purtroppo non accade a Salerno, dove invece, nonostante le numerose segnalazioni e le nostre precedenti comunicazioni, perdurano indisturbate le attività della fonderia, con emissione di odori soffocanti e dove varie zone della città, in diversi momenti della giornata, sono investite da puzza e polveri nocive”.

Continua a leggere



Le Notizie più lette