Spacciavano banconote false a Latina: 2 napoletani arrestati dai carabinieri

SULLO STESSO ARGOMENTO

Latina. Due napoletani spacciavano banconote false a San Felice Circeo, scoperti hanno provato a scappare ma sono stati arrestati dai carabinieri.

A San Felice Circeo i carabinieri, a conclusione di un breve inseguimento, hanno arrestato in flagranza per ‘spendita ed introduzione nello stato di monete falsificate’, un 35enne ed un 28enne entrambi di Napoli. I due sono stati sorpresi dai militarisubito dopo aver ceduto ad un commerciante del luogo ed ancor prima ad una commerciante di Monte San Biagio, in provincia di Latina, banconote contraffatte da 50 euro che sono poi state sequestrate. Successivi accertamenti hanno consentito di ritrovare e sequestrare altre sette banconote contraffatte dello stesso importo, nonché la somma in contante di 445 euro, ritenuta provento del cambio di altre banconote alterate e di sequestrare l’autovettura usata dai due. Gli arrestati sono stati trattenuti nelle locali camere di sicurezza, in attesa della celebrazione del rito direttissimo, innanzi all’autorità giudiziaria.






LEGGI ANCHE

Napoli, tragedia di San Giovanni a Teduccio, raccolta fondi on line per i figli rimasti orfani

È partita una raccolta fondi organizzata da Antonio Molisso sulla piattaforma  GoFundMe per aiutare i figli della coppia di san Giovanni a Teduccio morta...

Salerno, bancarotta fraudolenta: misura cautelare per imprenditore e commercialista

Salerno. Divieto di esercitare l'attività imprenditoriale e ricoprire cariche direttive: misura cautelare personale per due soggetti. Nel contesto di un'ordinanza applicativa di misura cautelare personale,...

Violentò una turista a Sorrento: arrestato tunisino

Oggi, a Marsala, in Sicilia, i Carabinieri della Compagnia di Sorrento hanno eseguito un'ordinanza di custodia in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE