Sanità, Nappi (Lega): “Bene legge anti aggressione ma Campania garantisca sicurezza”

SULLO STESSO ARGOMENTO

Oggi il Senato ha dato il via libera all’unanimità alla legge sulla sicurezza che prevede l’estensione delle aggravanti previste in caso di lesioni gravi e gravissime ai pubblici ufficiali anche al personale sanitario.

Soddisfazione da parte di Severino Nappi candidato nella lista della Lega a sostegno di Stefano Caldoro per le prossime regionali a Napoli. “L’approvazione in via definitiva della legge sulla sicurezza per gli operatori sanitari e sociali è un atto dovuto nei confronti di questi professionisti. In Campania, però, se la Regione non riuscirà a garantire la sicurezza delle strutture ospedaliere, il provvedimento rischia di non produrre gli effetti sperati. Ha ragione Matteo Salvini a chiedere le dimissioni di De Luca. Basta fare un giro negli ospedali campani per trovare barelle nei corridoi, affollamento in sala d’attesa e reparti allo stremo.

Occorrono più videosorveglianza, un controllo maggiore delle forze di polizia e vigilanze private armate nei presidi sanitari per scongiurare davvero le aggressioni registratesi spesso nel nostro territorio”. Così Severino Nappi in una nota.






LEGGI ANCHE

Geolier alla Federico II, il rettore: ‘Non ci interessano le polemiche’

Il rettore Matteo Lorito precisa: "Non lo abbiamo invitato per dargli un premio o per fargli tenere una lezione ma per confrontarsi con tanti...

Stasera in Tv: la programmazione di questa sera , 20 febbraio 2024.

Ecco la programmazione tv, di questa sera, 20 febbraio 2024, sui principali canali italiani: Rai 1: alle 21:30 "Aline- La voce dell'amore" Rai 2: alle 21:20...

Casalnuovo, ‘Una Città Che Scrive’ dedica la nona edizione del Premio Letterario a Giulia Cecchettin

L'ideatore del premio, Giovanni Nappi, ha sottolineato che questa edizione rappresenta un forte e chiaro messaggio contro la violenza sulle donne. Il bando per il...

Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE