nursing up de palma


«E’ arrivato il momento delle scelte: vogliamo i fatti e le risposte e li vogliamo adesso. Il tempo delle attese e dell’indifferenza è finito. Il prossimo 15 ottobre, data ufficiale della nostra nuova manifestazione nazionale a Roma, sarà il giorno della resa dei conti». 

ROMA – Il non ha alcuna intenzione di fermare la sua battaglia di rivendicazioni della categoria e ha già deciso che il prossimo 15 ottobre sarà Roma il teatro di una manifestazione nazionale senza precedenti.
Per questa ragione il Presidente coglie l’occasione di un approssimarsi di nuove lotte per rivolgersi nuovamente ai vertici della sanità italiana.
«Nulla abbiamo ottenuto in termini contrattuali, nulla in termini di congrui aumenti in busta paga, nemmeno in termini di attesi riconoscimenti una tantum per i mesi spesi a rischiare la vita», esordisce con rabbia .
«Ritrovarsi con un pugno di mosche nelle mani è deprimente, frustrante per chi ci ha creduto, per chi ha combattuto, per chi è pronto a farlo di nuovo in qualsiasi momento.
E, come se non bastasse, mi rivolgo a questo Governo, è desolante leggere della legge sulla violenza verso gli operatori sanitari che avete appena approvato, la consideriamo uno strumento fallace che certo non risolverà i problemi delle aggressioni: a cosa serve prevedere aumenti di pena se di pari passo non si strutturano norme in grado di attuare politiche di contrasto della violenza che siano reali ed operative nelle aziende sanitarie?

non ci sta al perdurare di una situazione che identifica sempre di più gli infermieri italiani come martiri. Duro, perciò, come non mai, il suo j’accuse, che si estende a tutti quelli che fanno solo finta di esserci, che spendono fiumi di parole ma che in realtà si comportano come la bella Penelope, andando a distruggere con i fatti, o sarebbe meglio dire con i loro silenzi, quanto secondo le loro belle promesse avrebbero invece dovuto creare.

«Al Ministro della Salute Speranza, che ora predica la necessità di un maggiore dialogo tra potere centrale e regioni, noi rispondiamo per le rime: «Da anni chiediamo di non avere 20 sistemi sanitari diversi uno dall’altro. Speriamo che le sue parole non restino tali come spesso è accaduto», dice De Palma.

«Al Vice Ministro Sileri, invece, vorremmo dire che stimo stanchi della politica delle parole non seguita da quella dei fatti.

Leggiamo ora del suo annuncio di un piano immediato da 700 milioni per il rafforzamento della sanità. Al Vice Ministro, che tante volte si è confrontato con noi non consegnando alla concretezza dei fatti le buone promesse elargite, diciamo di ricordarsi che seppur facenti parte del medesimo sistema sanitario, medici e infermieri rappresentano due categorie co problematiche che vanno inquadrate in modo diverso, con competenze distinte, e soprattutto con istanze ed attese economiche differenti.

Nessuno dimentichi la voragine che esiste tra lo stipendio di un medico e quello di un infermiere, non esiste paragone e a questo si aggiunge il fatto che noi infermieri, caro Vice Ministro, non possiamo nemmeno integrare gli stipendi con l’attività libero professionale, come invece è concesso di fare ai medici. A proposito di belle promesse, a che punto si trova il suo DDL sulla nostra libera professione? Insomma per noi è arrivato il momento di affrontare le priorità, e quindi di inquadrare i professionisti sanitari che rappresentiamo in una realtà contrattuale ad hoc, con risorse individuate, specifiche e dedicate, valorizzando la loro professionalità con aumenti fissi e costanti ed elevandoli al ruolo che meritano, anziché ridurli ad essere tra i meno pagati d’Europa rispetto ad altri colleghi», dice De Palma.

«Ai vertici della Fnopi, da ultimo, rivolgiamo l’ennesimo accorato appello: siete infermieri come noi, le nostre istanze sono le vostre, le nostre aspirazioni sono le vostre. Abbiamo promosso una mobilitazione nazionale caratterizzata da obiettivi in qualche modo vicini, e la cui gran parte è stata anche oggetto di una vs specifica richiesta al Governo, come mai non sostenete i vostri colleghi che combattono per questo ? Talvolta, se si fanno politiche professionali eccessivamente “al di sopra delle parti”, diventa difficile non stigmatizzarne la pericolosità, cioè intraprendere un percorso che ci espone al rischio di fare un passo in avanti e due indietro.

A voi chiediamo di combattere, nel rispetto del vostro ruolo, finalmente al nostro fianco sostenendo le rivendicazioni a cui tutti aspiriamo», chiosa De Palma.



Cronache Tv


Iscriviti alla Newsletter

* campi obbligatori

Altre Notizie

Scandalo mascherine, arrestati l’ex re degli stampatori e 2 imprenditori: indagato ex ministro

Ai domiciliari Andelko Aleksic, Domenico Romeo e Vittorio Farina ex socio di Bisignani e tra i finanziatori della fondazione Open...
Leggi tutto

Napoli: tensione tra Insigne e Gattuso a fine gara

Il capitano prende a calci i tabelloni e urla con il tecnico. Rino al momento del rigore aveva gettato a...
Leggi tutto

Abusi edilizia a Capri: in 14 a processo

Inchiesta su una serie di ristrutturazioni di immobili soggetti a condono e risultati sprovvisti dei certificati di svincolo idrogeologico
Leggi tutto

Il Governo verso il rinvio delle elezioni amministrative

Oltre alle regionali in Calabria previste per aprile. Ci sono anche le comunali in 1200 comuni tra cui le metropoli...
Leggi tutto

Svezia, accoltella otto persone: sospetto terrorista ferito dalla polizia

Il giovane è stato bloccato dalle forze dell'ordine a Vetlanda a sud del paese: non è chiaro il movente
Leggi tutto

Si cercano probabili complici dei 4 rapinatori di Giugliano bloccati in banca a Nola

In manette sono finiti Francesco Cesaro, Mario Gracco e Giuseppe Crescenzo Palma, accusati anche di sequestro di persona e FelicePalma
Leggi tutto

Napoli, le pagelle degli azzurri: Manolas torna nel peggiore dei modi

Insigne e Di Lorenzo tra i migliori degli azzurri. Da incubo Manolas male Maksimovic e Hysaj
Leggi tutto

Follia Napoli: prende un rigore al 94′ e fa pareggiare il Sassuolo

Manolas entra e nel recupero regala il rigore del pareggio al Sassuolo
Leggi tutto

Napoli, 27enne denunciato per ricettazione al Rione Cesare Battisti

Il 27enne napoletano con precedenti di polizia, è stato denunciato per ricettazione; inoltre, il motociclo è stato restituito al legittimo...
Leggi tutto

Elicottero precipitato, i ragazzi della Onlus ricordano Rosa

Sono passati 5 giorni dal giorno in cui velivolo è precipitato a Montemaggiore nel comune di Bellona.
Leggi tutto

Il presidente Draghi a Ursula von der Leyen: “Acceleriamo sui vaccini”

Il premier telefona alla presidente della Commissione europea: al centro delle richieste anche il Recovery fund
Leggi tutto

Gli uffici del Comune di Maddaloni resteranno chiusi per due giorni per sanificazione

E’ stata firmata l’ordinanza con la quale è stata disposta la sanificazione dell’ente dopo i casi di positività al Coronavirus...
Leggi tutto

Amante del boss uccisa, processo bis per Belforte e sua moglie

Fissato il processo in Appello per l'omicidio di Angela Gentile, la donna uccisa per aver avuto una relazione con il...
Leggi tutto

Uccise l’amante con una coltellata alla gola a Poggiomarino. Condannato a 25 anni l’assassino di Luana Rainone

Borrelli: “Questa è a la giustizia che vorremmo sempre, non come è avvenuto con Fortuna Bellisario. Rapida, decisa, dura e...
Leggi tutto

Napoli, tentano di truffare un anziano: due denunciati

napoletani di 19 e 20 anni con precedenti di polizia, sono stati denunciati per truffa ed il ciclomotore è stato...
Leggi tutto

Proiettili a salve a Matteo Renzi, la busta intercettata e consegnata alla Digos

L'episodio risale a metà febbraio: la scoperta grazie ai controlli sulla posta destinata ai politici
Leggi tutto

Somma Vesuviana, Il sindaco cambia due assessori in giunta

Il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore di Sarno, cambia due assessori della giunta
Leggi tutto

Verità e giustizia per la Moby Prince, Ercolano vota una mozione a 30 anni dalla tragedia

Ancora troppi dubbi sulla morte delle 140 vittime: il consiglio comunale vuole chiarezza
Leggi tutto

Il Bari impone la legge del più forte alla Juve Stabia

La Juve Stabia non riesce a sfatare il "tabù" Romeo Menti.
Leggi tutto

Morte di Maria Paola, il fratello a processo per omicidio volontario

Michele Antonio Gaglione è stato rinviato a giudizio dal gup di Nola per la morte della sorella Maria Paola
Leggi tutto


Ti potrebbe interessare..