Salerno, intascavano reddito di cittadinanza senza diritto: 86 denunce. C’è anche un camorrista in libertà vigil...

SULLO STESSO ARGOMENTO

Salerno, intascavano reddito di cittadinanza senza diritto: 86 denunce. Controlli incrociati dei carabinieri nel Salernitano sul reddito di cittadinanza.

 

Nel corso del primo semestre del corrente anno, anche nel periodo di emergenza sanitaria Covid 19, verificati i requisiti previsti per la concessione del beneficio; accertato che su di un campione esaminato di oltre 2000 cittadini percettori del sussidio, 86 non ne avevano diritto. Un risultato cui i militari dell’Arma sono giunti incrociando dati documentali e informazioni acquisite nel corso di specifici servizi di controllo del territorio con quelli forniti dai Comuni di residenza.

Del reddito hanno percepito destinatari di misura cautelare personale; condannati con sentenza definitiva per reati per i quali e’ prevista la decadenza del beneficio; detenuti e ricoverati in strutture a carico dello Stato; cittadini stranieri sprovvisti dei requisiti.

    Numerose sono state le false attestazioni che hanno riguardato difformita’ circa l’indicazione della reale residenza, cioe’ persone che l’hanno indicata presso un Comune diverso per omettere all’interno della specifica dichiarazione che i familiari percepivano altro reddito. Cosi’ come il caso di un giovane che aveva modificato fittiziamente l’indirizzo di residenza presso un’abitazione diversa, rivelatasi poi essere un esercizio commerciale adibito a pescheria.

    In un caso e’ emerso che destinatario del reddito di cittadinanza era un condannato per associazione a delinquere di stampo mafioso, affiliato a un clan della piana del Sele, in liberta’ vigilata. Sono state riscontrate irregolarita’ anche nei confronti di 19 cittadini stranieri che hanno beneficiato del reddito, sebbene non residenti sul territorio nazionale da almeno 10 anni, gli ultimi 2 dei quali avrebbero dovuto essere continuativi. Il danno erariale stimato e’ di oltre 350mila euro






    LEGGI ANCHE

    Avellino, scoperti telefoni e droga nella cella del boss

    La polizia penitenziaria ha effettuato una perquisizione straordinaria nella cella di un boss della camorra all'interno del carcere di Avellino, dove sono stati scoperti...

    Sequestro La Sonrisa previsto per domani corteo dei dipendenti

    I dipendenti del Grand Hotel La Sonrisa stanno affrontando una situazione di incertezza riguardo al proprio futuro occupazionale, dopo la sentenza di confisca definitiva...

    Al Teatro Acacia in scena ‘Shakespeare is back’ di e con Luca Varone

    Shakespeare is back, spettacolo in lingua inglese, scritto e diretto da Luca Varone sta per tornare sul palcoscenico del Teatro Acacia di Napoli per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE