Seguici sui Social

Quartieri di Napoli

Napoli, basta ai cambi di toponimo e alla toponomastica fai da te

Pubblicato

il

napoli toponimo toponomastica

Gennaro Capodanno, presidente del Comitato Valori collinari, già presidente della circoscrizione del Vomero, per dire basta ai cambi di toponimo di strade e piazze di Napoli, con addirittura la proposta di una doppia denominazione, come accaduto, in tempi recenti, per vico Belledonne che potrebbe acquisire il nuovo toponimo di vico Luciano De Crescenzo e Belledonne.

Al fine di tentare di arginare le giuste contestazione pervenute da residenti al cambio di denominazione dell’antica strada partenopea, per porre un freno alla toponomastica fai da te, che impazza negli ultimi tempi nel capoluogo partenopeo e che vede parenti, amici e conoscenti impegnati in una sorta di gara a chi propone prima l’intitolazione di uno slargo, di un tratto di strada, di una piazzetta a una persona deceduta, senza tener in alcun conto il termine di dieci anni stabiliti dalla legge come lasso di tempo minimo per tale intitolazione, lancia una petizione online, alla pagina http://chng.it/FK7QXfh99C , indirizzata al Prefetto di Napoli, per dire basta a questo stato di cose e per chiedere che non avvengano più cambi di toponimo, sicché decorsi dieci anni dal decesso dell’interessato, possano essere intitolate solo strade e piazze del tutto prive di toponimo. Tanto non solo per rispettare la storia e le tradizioni della Città ma anche per non arrecare i ben noti disagi patiti da residenti e commercianti in caso di cambio della denominazione.

” Purtroppo – sottolinea al riguardo Capodanno – si sta palesando il rischio che, nel capoluogo partenopeo, pure sull’onda emotiva della morte di ogni personaggio illustre, la deroga, prevista dalla norma solo “in casi eccezionali”, agli almeno dieci anni dal decesso che la legge 1188/1927 indica per l’intitolazione di una strada o di una piazza pubblica, diventi invece la regola. Un’eccezione peraltro che è stata già fatta di recente, a tempo di record, per l’artista Pino Daniele ma che deve rimanere appunto un’eccezione “.

LEGGI ANCHE  Conte: 'La prossima settima i bonifici per 211mila imprese'

” Ma – continua Capodanno -, pure volendo prescindere dal breve lasso di tempo trascorso dalla morte di alcuni personaggi per i quali, in tempi recenti, è stata proposta l’intitolazione con un cambio del precedente toponimo, restano da evidenziare alcuni aspetti che, in linea generale, non dovrebbero consentire, se non raramente e con giustificate riconosciute motivazioni, i cambi di denominazione ma solo l’intitolazione di nuove strade o piazze prive in precedenza di toponimo “.

” Al riguardo – puntualizza Capodanno -, il vigente regolamento comunale per la toponomastica e numerazione civica, approvato con deliberazione del Consiglio comunale di Napoli n. 42 del 03.12.2012, all’art. 11, punto2, lettera d. prescrive: “Non vengono apportate modifiche di nomi ad aree di circolazione già esistenti, allo scopo di non variare l’assetto territoriale già valido ai fini toponomastici e storici e non arrecare disagi ai cittadini e danni economici alle attività ivi insediate, fatti salvi casi eccezionali ampiamente motivati “. Una norma dunque che non può e non deve essere ignorata “.

” E’ auspicabile – conclude Capodanno – che il Prefetto di Napoli, al quale compete per legge tale facoltà e al quale è indirizzata la petizione online non autorizzi in futuro alcun cambio di denominazione, tanto più se non sono decorsi i dieci anni dal decesso così come indicato nelle norme vigenti “.

Continua a leggere
Pubblicità

Quartieri di Napoli

Il progetto P.I.T.E.R., nel Rione Sanità, prosegue anche in estate

Il progetto P.I.T.E.R., nel Rione Sanità, prosegue anche in estate. Aperte le iscrizioni per bambini e ragazzi che vogliono partecipare alle attività estive

Pubblicato

il

Rione Sanità

Il progetto P.I.T.E.R., nel Rione Sanità, prosegue anche in estate. Aperte le iscrizioni per bambini e ragazzi che vogliono partecipare alle attività estive

L’estate è arrivata e la scuola si è conclusa, ma nel Rione Sanità le attività del Progetto P.I.T.E.R. non si fermano. Dal primo luglio al 7 agosto, i bambini saranno intrattenuti con le attività estive che si svolgeranno da lunedì a venerdì, nelle seguenti sedi: Associazione “Un popolo in cammino per Genny Vive” & “Asd Sporting Club Cavour”, in via Mario Pagano 44; Basilica di “Santa Maria degli Angeli alle Croci”, in via della Veterinaria n. 2; “Villa Capriccio”, in Piazzetta Lieti a Capodimonte n. 9

Il piano delle attività estive si struttura come intervento innovativo a garanzia dei diritti e delle pari opportunità per tutti. Nel corso delle attività i bambini potranno cimentarsi in diversi laboratori: Fotografia, Giornalismo, Riuso E Riciclo, Web Radio, Talent Scout, Teatro, Percorsi interculturali e di Legalità, Street Food, Street Art, Atletica/Danza, Calcio e Boxe.

rione sanita

Rione Sanità

Potranno partecipare pure a numerose visite guidate nei principali luoghi di interesse di Napoli come Baia Sommersa, Parco Naturale degli Astroni, Città della Scienza, Umoya – Natural Experience.

Durante le attività estive, nell’ambito dei patti di collaborazione, i laboratori di Street Art, Street Food, Riuso e riciclo saranno impegnati nella riqualificazione delle aree di Piazza Cavour e Piazza Miracoli.
Non macherà il Festival delle Arti visive sul tema “Dritto e Diritto”: sarà una settimana piena di eventi, tra cineforum, dibattiti, ospiti, mostre e spettacoli teatrali.

Poi, dal 7 al 22 agosto le attività si fermeranno per riprendere lunedì 23 agosto, con il supporto educativo, per aiutare i bambini nello svolgimento dei compiti delle vacanze.

LEGGI ANCHE  Esplode bombola di gas: 51enne ustionato trasferito il eliambulanza al Cardarelli

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE Al Rione Luzzatti incendia casa e aggredisce gli agenti

“Insomma –afferma Simona Planu, project manager del Progetto P.I.T.E.R.-, si prospetta un’estate ricca di nuove esperienze per i bambini che aderiranno e che potranno scoprire nuove dimensioni, conoscere nuovi amici e raccontare al loro rientro nuove imprese e nuove conquiste. Il contesto del Rione Sanità è un contesto dove luci e ombre si susseguono e condizionano in positivo e in negativo la vita degli abitanti del quartiere. Una storia di lavoro e eccellenza quella della Sanità. Patria natale di Totò e sede storica della famosa fabbrica di scarpe di Mario Valentino, inventore dei tacchi a spillo che ha vestito le più famose star del cinema internazionale dei tempi d’oro. La storia del quartiere si respira in tutti i vicoli: dalle altezze del Palazzo dello Spagnolo alle profondità delle Catacombe. La Sanità è questo e molto altro. A fare da contraltare a questo tesoro di Napoli è l’assenza di aree protette e luoghi sicuri per garantire il diritto al gioco dei minori. Un quartiere con uno dei più alti tassi di dispersione scolare e con una difficile situazione di legalità. Con questo intervento vogliamo raggiungere la comunità territoriale nel suo complesso, in modo da garantire un supporto alla salute fisica e psicologica, per grandi e meno grandi, in una cornice di legalità e giustizia sociale. Daremo importanza alle attività di conoscenza dell’ambiente e della città mantenendo come filo conduttore i diritti e le libertà fondamentali”.

Continua a leggere

Cronaca Napoli

A Napoli 2 scippatori arrestati in piazza Garibaldi

Giovanni Esposito e Giovanni Arduino, napoletani di 27 e 37 anni con precedenti di polizia, sono stati arrestati per furto con strappo

Pubblicato

il

napoli scippatori arrestati piazza garibaldi

A Napoli 2 scippatori arrestati in piazza Garibaldi

A Napoli 2 scippatori arrestati in piazza Garibaldi. Ieri pomeriggio gli agenti dell’Ufficio Prevenzione Generale e del Commissariato Vicaria-Mercato, durante il servizio di controllo del territorio, su disposizione della Centrale Operativa sono intervenuti in piazza Garibaldi per una persona scippata.
Giunti sul posto, hanno notato una pattuglia dell’Esercito Italiano che aveva appena bloccato due giovani.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Napoli, i Falchi arrestano due scippatori georgiani

LEGGI ANCHE  Sal Da Vinci litiga con un passeggero sul traghetto da Procida: scattano le denunce

I poliziotti hanno controllato i due trovandoli in possesso di una banconota da 50 euro accertando che, poco prima, l’avevano sottratta ad un uomo nei pressi della Stazione Centrale.

scippatori

foto di repertorio

Giovanni Esposito e Giovanni Arduino, napoletani di 27 e 37 anni con precedenti di polizia, sono stati arrestati per furto con strappo; infine, il denaro è stato restituito alla vittima.

Continua a leggere
longobardi logo