starita morto per coronavirus

Dieci avvisi di garanzia con l’accusa di omicidio colposo nei confronti dei medici che hanno avuto in cura durante il periodo di coronavirus un uomo di 75 anni Piano di Sorrento morto dopo 22 di agonia tra ritardi per il tampone e inadempienze. Il pm Antonio Barba, della Procura di Torre Annunziata, ha disposto la riesumazione del cadavere di per effettuare l’autopsia e quindi come atto dovuto ha spedito gli avvisi di garanzia a tutti i medici che lo avevano avuto in cura tra gli ospedali di Sorrento e il Loreto Mare, compreso il medico di famiglia.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE: Malato di Covid muore dopo 22 giorni di agonia tra ritardi per il tampone e inadempienze.

La vicenda viene ricostruita da Il Mattino che riporta anche i nomi degli indagati. Si tratta di , medico di famiglia. Ma anche medici e sanitari dell’opedale di Sorrento, Rossana Galasso, Elvira Giaquinto, Pietro De Nicola, Luca Allocca, Maurizio D’Antonio e Vincenzo Terrone. Evivia infine quelli del Loreto mare, vale a dire Giovanni Spagnuolo, Barbara Primerano, Salvatore Visconti. L’inchiesta nasce dalla denuncia di , figlia di Luigi, attraverso l’avvocato napoletano Gennaro Razzino.

 



Pubblicità'

Migrante aggredisce operatore sanitario con sedie e mazza da baseball: arrestato

Notizia Precedente

Scommettere sul basket: quali sono le strategie più intelligenti?

Prossima Notizia