Scoperto a Boscotrecase il ‘Drive In’ della droga gestito da migranti: 4 arresti

SULLO STESSO ARGOMENTO

A Boscotrecase, in un fabbricato rurale ubicato in via Colonna, i carabinieri di Torre Annunziaata hanno smantellato una piazza di spaccio gestita da 4 cittadini extracomunitari irregolari, di età compresa tra i 20 e i 32 anni, organizzata come un vero e proprio “drive-in” della droga.

 

I clienti raggiungevano il luogo attraverso una strada sterrata facilmente sorvegliabile dal caseggiato, costantemente presidiato dai pusher, forniti di marijuana occultata in diversi nascondigli. La loro sicura presenza e disponibilità di stupefacente, faceva si che gli acquirenti non avevano neanche bisogno di contatti per preannunciare il loro arrivo.

Alcune dosi già confezionate sono state rinvenute all’interno di un tubo metallico posto ai margini della strada. In tal modo i pusher, alla vista del cliente, lo raggiugevano direttamente, garantendo rapidissime cessioni. Per l’individuazione dei diversi nascondigli dello stupefacente è risultato fondamentale il lavoro svolto da “Tex”, l’unità cinofila impiegata durante tutto il servizio.

    Complessivamente sono stati sequestrati 25 grammi di marijuana, bilancini di precisione e 510 euro, ritenuto il provento dell’attività di spaccio.
    I 5 arrestati saranno processati con rito direttissimo.






    LEGGI ANCHE

    Voragine in via Morghen al Vomero: la strada inghiotte due auto. Ferito uno degli occupanti

    Tragedia sfiorata intorno alle 5 di stamane. Evacuato un edificio

    Napoli, arrestato il complice del rapinatore che ferì l’ingegnere

    Napoli. E' stato arrestato anche il secondo rapinatore che la sera del 29 marzo 2023 partecipò al tentato omicidio di un ingegnere che stava...

    Arrestato a Capodichino boss latitante di Taranto: stava fuggendo in Spagna

    Giuseppe Palumbo, un boss latitante di 35 anni della città di Taranto, è stato arrestato dalle forze dell'ordine al momento in cui stava per...

    Castellammare, fermato il presunto killer di Alfonso Fontana. Funerale show al “Fasano”

    Fermato il ras del Bronx, Catello Martino detto "puparuolo". Un furto la causa dell'omicidio

    Camorra, il boss latitante Dario Federico: “Marina di Stabia? Oramai è il mio feudo…”

    Le intercettazioni che inchiodano il boss latitante di Pompei, Dario Federico che dopo aver picchiato e minacciato il responsabile commerciale del porto di Marina di Stabia ha ottenuto una serie di "favori"

    IN PRIMO PIANO

    LE VIDEO STORIE