Pizzo a rivenditore di auto, arrestati nel Casertano i ‘Nuovi Casalesi’

SULLO STESSO ARGOMENTO

Pizzo a rivenditore di auto, arrestati nel Casertano i ‘Nuovi Casalesi’. Sette persone sono state arrestate dalla Polizia di Stato per estorsione con l’aggravante mafiosa, nel corso di un blitz iniziato all’alba e coordinato dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli.

Tra i soggetti raggiunti dell’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del tribunale di Napoli, c’e’ l’ex cutoliano 60enne Michele Aria, E’ stato arrestato con i figli Armando di 39 anni e Michele jr di 33. Era Aria che, secondo i magistrati e gli investigatori della Squadra Mobile di Caserta guidati da Davide Corazzini, aveva preso in mano le redini del clan dei Casalesi nella zona di Teano, alto-Casertano. Aria si muoveva con un altro presunto affiliato, il 44enne Salvatore Salerno (anch’egli arrestato), ritenuto referente a Teano del clan Papa, cosca storicamente federata con i Casalesi.

I due, insieme ai cinque complici arrestati (ordinanze anche per il 59enne Francesco Faella, il 35enne Paride Corso e Lorenzo Corbisiero, di 50 anni), imponevano sul territorio la “legge” loro e quella dei Casalesi con la violenza; e’ emerso dell’episodio del concessionario d’auto vittima di estorsione, cui il gruppo ha provato ad incendiare l’attivita’ quando l’imprenditore ha smesso di pagare il rateo estorsivo. L’operatore economico, hanno accertato le indagini, pagava 300 euro al mese ad Aria, ma ad un certo punto non ce la faceva piu’; gli indagati gli hanno chiesto di mettersi a posto pagando tre rate da 1500 euro, l’imprenditore ha iniziato a pagare ma poi ha dovuto smettere.

Sono cosi’ iniziate le minacce, quindi gli atti intimidatori e i pestaggi; il concessionario, costretto a noleggiare gratuitamente le auto agli indagati, e’ stato picchiato con le mazze da baseball davanti ai clienti. Gli estorsori hanno poi rimosso le telecamere per evitare di essere identificati. La vittima, convocata dalla Squadra Mobile che gia’ indagava sul gruppo di Aria, ha denunciato i fatti. Gli inquirenti hanno poi scoperto altre due estorsioni consumate dal gruppo, tra cui quella ai danni di un allevatore di cani.







LEGGI ANCHE

Casoria, operatrice del 118 colpita con un pugno durante un soccorso

Un'operatrice sanitaria del 118 di Frattamaggiore è stata aggredita durante un intervento a Casoria. L'associazione Nessuno Tocchi Ippocrate ha segnalato l'episodio: è la decima aggressione...

‘Cuore Ingrato – Le canzoni maledette’ all’Auditorium del Centro Sociale di Salerno

Il regista Antonello De Rosa chiude la rassegna teatrale e musicale venerdì 1 marzo all’Auditorium del Centro Sociale di Salerno con lo spettacolo "Cuore...

Sant’Antonio Abate, sequestro beni per 9 milioni di euro alla Galtrading srl

La società di commercio all'ingrosso di alimentari, aveva evaso il fisco. Indagati padre e figlio

Violenta lite in strada a Carinaro per una precedenza non data: il video virale sul web

A Carinaro si è verificata una violenta lite tra due automobilisti a causa di una precedenza non data. La situazione è degenerata in una...

Napoli, giallo sull’agguato al pr Paky Attraente

E' giallo sul ferimento del promoter di eventi Pasquale Paky Attraente ferito a colpi di pistola alle gambe la notte scorsa in via Carbonara...

IN PRIMO PIANO

LE VIDEO STORIE