Nuova notte di proteste e scontri negli Usa per la morte di Floyd

SULLO STESSO ARGOMENTO

Proseguono vicino alla Casa Bianca i tafferugli tra la polizia e i manifestanti che protestano contro la morte di George Floyd. Sfidando il coprifuoco, i dimostranti sono rimasti in zona e ogni tanto tornano a fronteggiare gli agenti schierati in linea con scudi e manganelli. I poliziotti hanno usato diverse volte i lacrimogeni, i gas urticanti e le granate stordenti per disperdere la folla. Alcuni manifestanti hanno acceso diverso roghi e danneggiato alcuni edifici.

 

I manifestanti hanno devastato negozi e automobili, e circondato e minacciato giornalisti della rete televisiva di orientamento conservatore “Fox News” e dato alle fiamme gli edifici connessi alla storica Chiesa episcopale di San Giovanni, non lontano dalla Casa Bianca, e la sede dell’American Federation of Labor and Congress of Industrial Organizations (Afl-Cio), una delle principali federazioni sindacali del paese.

 

    Il presidente Usa, Donald Trump, è stato trasferito in un bunker in risposta al rischio di autobombe segnalato dall’intelligence: a Washington, così come a New York e in altre città, manifestanti della sinistra radicale riempiono veicoli di bombe molotov e materiale incendiario da utilizzare negli scontri di strada. Gli agenti dell’Us Marchals e della Drug Enforcement Administration (Dea) sono stati schierati in massa sulle strade per tentare di arginare le violenze.

     



    Torna alla Home

    A Napoli lavavetri aggredisce automobilista che rifiuta il lavaggio: arrestato

    Napoli. Un 26enne nigeriano senza fissa dimora è stato arrestato dai Carabinieri di Napoli per rapina aggravata, detenzione illegale di armi, resistenza, violenza e lesioni a pubblico ufficiale. L'uomo ha aggredito un automobilista al semaforo di via Nuova Marina e gli ha rubato lo smartphone dopo avergli frantumato lo specchietto...

    Napoli, la Dia sequestra beni per un milione di euro ad affiliato del clan Lo Russo

    Napoli. La Direzione Investigativa Antimafia ha eseguito un provvedimento di sequestro di prevenzione emesso dal Tribunale di Napoli – Sezione Misure di Prevenzione nei confronti di un soggetto già condannato per la sua partecipazione al Clan Lo Russo (Capitoni). La misura trae origine da una proposta avanzata congiuntamente dal Procuratore...

    CRONACA NAPOLI